Lovi | Leporatti | Pieruccini

Firenze - 09/06/2014 : 09/07/2014

Con la terza vetrina, il progetto, la sua cadenza, sta prendendo ritmo. É ancora una vetrina di passaggio che ci porterà ad un' allestimento dello spazio dove saranno presentate sequenze di piccole opere o una singola opera.

Informazioni

Comunicato stampa

Con la terza vetrina, il progetto, la sua cadenza, sta prendendo ritmo.
É ancora una vetrina di passaggio che ci porterà ad un' allestimento dello spazio dove saranno presentate sequenze di piccole opere o una singola opera. Una presenza davvero puntuale nei suoi due significati. Come è nella missione Otto continuerà ad indagare con più flessibilità e mobilità quello che succede nel mondo della creatività in rapporto con l'artigianato tradizionale o il nuovo artigianato declinato dal formato digitale. Ogni appuntamento sarà accompagnato da un piccolo catalogo

Per questa vetrina n.1 del 2014 e il 14° evento prodotto in tre anni, in un vorticoso viaggio nelle contaminazioni disciplinari, nei limiti e nelle sovrapposizioni dei campi delle esperienze, Otto fa un piccolo punto sugli aspetti dei fondamentali nel rapporto tra arte design e artigianato.
I tre autori Claudia Leporatti, Farizio Pieruccini e il sottoscritto, riflettono con le loro opere plasticamente quello che abbiamo sopra descritto.
Claudia Leporatti, fiorentina che vive e lavora a Carrara è scultore che propone nel modellato, l'antica arte di modellare con le dita, un'anima contemporanea che da vita a istanti di figure che le puoi trovare al bordo della piscina aspettando il tram oppure in piedi ad una visita medica. Qui propone due giovani femmina e maschio in piedi realizzati in terracotta h 90 cm.Fabrizio Pieruccini, lucchese è un artigiano di grande esperienza che manipola il legno in modo straordinario. Qui propone come nella tradizione di Otto, cinque modellini in legno di mobili quattro tavoli e un contenitore da lui disegnati e realizzati. Sono mobili particolari caldi, sono eseguiti con un occhio al design organico e con aspetti di altri movimenti che hanno caratterizzato la storia del mobile.
Il sottoscritto Mauro Lovi essendo un pittore e architetto propone una sequenza meditativa con otto piccoli quadri ad olio dove si enunciano le piccole meraviglie cromatiche di probabili case metà fisiche. Una lettura poetica ironica del progetto, l'unica dimensione che ci è data di frequentare e vivere.

Mauro Lovi per Otto luogo dell'arte, 2014, Firenze.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

English version

VETRINA DI OTTO Lovi - Leporatti - Pieruccini

By the third showcase the project, its cadence, is taking pace.
It is still a showcase of passage that will take us to a ' set-up of the
space where they will be presented sequences of small works or a single work .
A really punctual presence in its two meanings. How is the mission,
Otto will continue to investigate with more flexibility and mobility that happens
in the world of creativity in relation to the traditional handicrafts or the new
crafts declined by digital format . Each appointment will be accompanied
by a small catalog. For this showcase n.1 of 2014 and the 14th event produced
in three years, in a whirlwind trip to the disciplinary contamination , within the limits and in the overlapping fields of experience, Otto makes a small point
fundamental aspects of the relationship between art design and craftsmanship.
The three authors Claudia Lepore , Farizio Pieruccini and myself, reflect
with their works plastically what we have described above.
Claudia Lepore, a florentine who lives and works in Carrara, is a sculptor who proposes in the modeling, the ancient art of modeling with the fingers, contemporary soul she gives life to moments of figures that can be found at the edge of the pool waiting the tram or walk to a medical examination. Here she proposes two young female male standing and made ??of terracotta h 90 cm.
Fabrizio Pieruccini, Lucca, he is a craftsman of great experience that manipulates wood in an extraordinary way. Here, as in the tradition of Otto, proposes five wooden models of four tables and a container furniture he designed and built .
They are pieces of furniture with hot details and are made ??with an eye to the organic design and aspects of other movements that have characterized the history of furniture .
The undersigned Mauro Lovi being a painter and architect, proposes a sequence
meditative with otto small oil paintings where you lay down the small wonders
chromatic houses half of likely physical . A poetic irony of the project,
the only dimension that is given to us to attend and live.

Mauro Lovi per Otto luogo dell'arte, 2014, Firenze.