Lorenzo Castore – Notebook II

Roma - 07/10/2013 : 10/11/2013

A quattro anni di distanza da Notebook, Lorenzo Castore presenta un nuovo capitolo del suo diario fotografico in bianco e nero, nato in collaborazione con s.t foto libreria galleria.

Informazioni

  • Luogo: S.T. - FOTOLIBRERIAGALLERIA
  • Indirizzo: Via Bartolomeo d'Alviano, 2/A - Roma - Lazio
  • Quando: dal 07/10/2013 - al 10/11/2013
  • Vernissage: 07/10/2013 ore 19
  • Autori: Lorenzo Castore
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: dal lunedì alla domenica 10:30-23:30

Comunicato stampa

A quattro anni di distanza da Notebook, Lorenzo Castore presenta un nuovo capitolo del suo diario fotografico in bianco e nero, nato in collaborazione con s.t foto libreria galleria, dove sarà esposto dal 7 ottobre al 10 novembre, nell’ambito di Fotografia - Festival Internazionale di Roma.
Nel 2009 il fotografo riassumeva così il senso di questo lavoro: “Notebook non è un progetto fotografico concepito per un fine specifico

Queste foto le farei comunque; le faccio dove capita, senza un filo conduttore, sono le persone che mi sono vicine, quelle che ho incontrato per un attimo, animali, muri, strade, nuvole, tutto. […] Certo, vorrei che non fossero percepite come autoreferenziali, ma che potessero dare spazio all'immaginazione di chi le guarda, vorrei che ognuno ci si potesse sentire vicino, prossimo, che guardandole possa venire in mente di dire: ‘anche io mi sono sentito così, so di che cosa stai parlando...’. Non sono didascalie della mia vita, ma fonti di calore”.
Notebook II muove dagli stessi presupposti, dall’idea di recuperare, ricomporre e condividere un insieme di situazioni scatti emozioni del proprio vissuto quotidiano. Non dunque un racconto lineare, con un ordine tematico o cronologico predefinito, quanto piuttosto un album in cui le foto dei volti e dei luoghi familiari si abbinano a immagini di incontri fortuiti ma non meno intensi.
Se il lavoro di Castore si sviluppa abitualmente come l’esplorazione dilatata e dunque particolarmente intensa di alcuni scenari mirati (da Cracovia all’Avana al Sulcis), questa mostra-diario ci offre invece solo spunti frammentari, indizi incerti, dei viaggi compiuti dal fotografo. Unica eccezione: un’inequivocabile veduta di Roma dall’alto, uno di quegli scatti dal finestrino dell’aereo a cui neppure i fotografi sanno resistere: la messa alla prova del proprio stile, la foto inaugurale del viaggio, o l’ultima, prima dell’atterraggio, con cui si esaurisce il rullino di pellicola.
Soffermandoci poi sui protagonisti dell’album di Castore, ci accorgiamo che un ruolo di primo piano lo assume il mondo animale. Come se, passando in rassegna le tante figure incrociate e ritratte nel corso del tempo, quelle non-umane (cane, mucca, cavallo…) rivelassero un disegno particolarmente consistente, una verità grafica che proprio il racconto in bianco e nero ci restituisce in maniera lampante.
Come già in occasione del Notebook del 2009, le immagini in mostra sono state selezionate e stampate per la prima volta da Castore in un’edizione ad hoc per la galleria s.t.: stampe di formato diverso (dal 13x18 al 40x50), concepite come esemplari unici in funzione di questo progetto espositivo. Il lavoro in camera oscura è stato curato da Matteo Alessandri, insostituibile collaboratore del fotografo.




Nato a Firenze nel 1973, Lorenzo Castore si trasferisce da bambino a Roma, e dopo il liceo parte per New York dove matura la sua vocazione di fotografo di strada. Da allora ha continuato a viaggiare e a fotografare in giro per il mondo, presentando il suo lavoro in numerose mostre e su diverse riviste sia in Italia che all’estero.
Ha pubblicato due libri: Nero (ed. Motta, 2004), una ricerca sui minatori del Sulcis e Paradiso (ed. Peliti, 2006), un lavoro a colori nato da un lungo soggiorno a L’Avana, premiato con il Leica European Publishers’ Award for Photograph.
Fra le mostre più recenti : No Peace Without War prodotta e presentata dal museo Pasquart di Biel/Bienne (Svizzera); Cento anni di imprese per l'Italia", progetto per il Centenario di Confindustria, sviluppato con altri nove fra i più rappresentativi fotografi italiani (Triennale di Milano / Museo dell'Ara Pacis, Roma); Polonia 1999-2013 (Istituto placco di Roma).
Negli ultimi anni, Castore ha iniziato a lavorare anche con il video. Ha prodotto e diretto insieme ad Adam Cohen il documentario di creazione No Peace Without War, premiato al Cameraimage Film Festival.
Dal maggio 2003 è rappresentato dall’Agence e Galerie VU’ di Parigi.
La collaborazione con la galleria s.t. di Roma inizia nel 2007, in occasione della collettiva “Quotidianamente fotografi”.Due anni dopo, Castore presenta il progetto Notebook, mentre nel 2011 cura la mostra di Olivier Thebaud. Nel 2013, la sua seconda personale da s.t., nell’ambito di Fotografia Festival Internazionale di Roma.