Lorenzo Avico – Amo tutto ciò che è stato

Torino - 03/05/2019 : 25/05/2019

Nell'ambito della rassegna Fo.To fotografi a Torino in collaborazione con il Museo Ettore Fico, la mostra di Lorenzo Avico, Amo tutto ciò che è stato, presenta una selezione di fotografie che hanno come tema la memoria e la persistenza del passato nel nostro presente.

Informazioni

  • Luogo: MUTABILIS
  • Indirizzo: Via Dei Mille 25/c - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 03/05/2019 - al 25/05/2019
  • Vernissage: 03/05/2019 ore 18
  • Autori: Lorenzo Avico
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: da martedì a venerdì 15:00-19:00 sabato 10:30-13:00/15:00-19:00 chiuso domenica e lunedì

Comunicato stampa

AMO TUTTO CIÒ CHE È STATO

Nell'ambito della rassegna Fo.To fotografi a Torino in collaborazione con il Museo Ettore Fico, la mostra di Lorenzo Avico, Amo tutto ciò che è stato, presenta una selezione di fotografie che hanno come tema la memoria e la persistenza del passato nel nostro presente: tracce e segni che nel farsi parte di noi possono trattenerci nel rimpianto di ciò che è stato ma anche condurci verso il domani, aprendo il nostro sguardo a sempre nuovi, sconosciuti orizzonti


Sul tema della mostra è anche stato realizzato un libro d’artista, che unisce alle fotografie testi di Pessoa, Baudelaire, Dickinson, Negri, Rimbaud, Pozzi, Esenin. Il libro, stampato dall’autore su carta di cotone e rilegato a mano, racconta la magia e lo struggimento del ricordare, l’incanto del vivere ogni istante che ci è dato, l’inesauribile bellezza di quanto fiorisce, passa e se ne va, nell’eterno fluire del tempo.

Biografia

Lorenzo Avico nasce a Torino nel 1960.
Fotografo professionista, si occupa prevalentemente di bianco e nero, sia per la ripresa che per la stampa. Le sue fotografie si connotano per il rigore compositivo e per la stampa eseguita con perizia in camera oscura; queste caratteristiche concorrono a creare immagini evocative in cui ritrovare le atmosfere di luoghi e paesaggi ormai perduti o trasformati dal tempo. Numerose sue opere sono presenti alla G.A.M. di Torino ed in importanti collezioni italiane e straniere.
Vive e lavora tra Torino e Mondovì.