Loredana Longo – Place no place

Milano - 07/03/2013 : 11/05/2013

Negli anni l'interesse di Loredana Longo per gli oggetti ha creato un archivio della memoria fatto di luoghi, cose, persone che in qualche modo sono stratificazioni, testimoni di una vita trascorsa tra case piene, tra rumori di cristalli e voci, una energia tipicamente mediterranea, una platea di ricordi ricorrente alla quale Loredana attinge e alla quale appartiene.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA BAD - BRERA ART DESIGN
  • Indirizzo: Via Marco Formentini 4/6 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 07/03/2013 - al 11/05/2013
  • Vernissage: 07/03/2013 ore 18
  • Autori: Loredana Longo
  • Curatori: Agata Polizzi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lun al ven dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00

Comunicato stampa

Scroll down for English version

Negli anni l'interesse di Loredana Longo per gli oggetti ha creato un archivio della memoria fatto di luoghi, cose, persone che in qualche modo sono stratificazioni, testimoni di una vita trascorsa tra case piene, tra rumori di cristalli e voci, una energia tipicamente mediterranea, una platea di ricordi ricorrente alla quale Loredana attinge e alla quale appartiene.

L'immagine più precisa di tutto questo potrebbe essere l'eterna rappresentazione di una "Cena di Natale", sontuosa e traboccante, barocca


Un altare sul quale consacrare il rito, il momento conviviale che unisce, che divora la perfezione, lasciando solo i resti di ciò che è stato.
Opulenza e forza. Questa è la matrice umana e artistica della Longo.
In lei c'è puro impeto, come all'interno di un vulcano, imprevedibile.
Scrollarsi di dosso il suo essere del Sud non è facile. Del resto lei non ne ha la minima intenzione. Una carica dirompente ma pacifica anima i suoi gesti, lei dice che si tratta di "un atto d'amore".
Ecco perché le esplosioni, il frastuono, il lampo. La serie "Explosion" chiarisce perfettamente la sua natura.
Esplosione # 8 Sweets è la teatralizzazione di un interno borghese, una tavola affollata da troppo cibo, troppe cose, ogni singolo oggetto è il tassello di un ricordo; ogni oggetto è posto in un equilibrio perfetto che sta per essere travolto, perderà i connotati.
Disastro o rinascita? Loredana Longo usa l'oggetto come un puzzle al contrario. Prima con cura prepara la scena, poi la distrugge, poi la ricompone, dà ad essa una nuova vita.

Il dinamismo caratterizza in modo determinante pensiero ed azione. Improvvisamente una sensazione, poi l'idea che prende forma, poi il lavoro di costruzione, poi la deflagrazione, e poi ecco la ricomposizione e la rinascita.
Un'azione che ha valore solo nella sua interezza, vale ogni singolo passaggio intermedio. È una linea retta su cui ogni segmento contribuisce a raggiungere il tutto. È come l'infinito.

Costante in Longo il riferimento agli interni, alla "roba", così cara al verghiano Mazzarò. Appunto la roba, le cose che si accumulano e che rendono tangibile la quotidianità. Loredana Longo contrariamente a Mazzarò non è ossessionata dal possesso ma è solo affascinata dalle cose.
Stoffe, legno, mobili, suppellettili, vetri, porcellane, sono come oggetti sacri, emanano energia vitale.
Oggetti che hanno una doppia valenza: minimale se creati da lei ex-novo, ridondante invece se attraverso lei sono reinterpretati.
Un ossimoro che si rafforza nell'opposizione. La creazione è comunque per Longo una atto di forza, ama astrarre dai contesti, conferendo all'oggetto un valore diverso, spesso di rottura.

In PLACE/NO PLACE prevale lo sforzo di sintesi, una concentrazione fortissima sul proprio lavoro, poiché Longo deve confrontarsi con la bidimensionalità del supporto espressivo e materiale.
Già nella precedente serie FLOOR Longo anticipa la nuova direzione e crea un pavimento che è un corteo di mattoni di cemento impoverito, inerte e pesante, come l'animo di certi uomini senza scrupoli, che trattiene nelle pieghe rigide e profonde stracci, cocci, appartenuti a chi sa chi. Una riflessione acuta sul malaffare legato agli appalti e alle infiltrazioni della criminilità organizzata nel tessuto urbano e nella politica, un doloroso accento sulla violazione indiscriminata del paesaggio, tormentato da abusi edilizi e scempi ambientali.
Loredana Longo si piega all'utilizzo della superficie piana, piega il materiale come nastro che contiene e racconta delle storie. Contiene resti di vite, tracce di umanità. Inizia in lei un percorso che la porta, sempre più intensamente, verso una riflessione morale che traspare dall'attenzione al particolare, a ciò che sottilmente suggerisce di leggere tra le righe, di scavare nei fatti.

L'intesse per l'Oriente ha perciò una natura fortemente politica.
Lavorare sul tappeto implica il confronto con molti precedenti, con la storia imprescindibile di un oggetto assolutamente magico e per questo molto utilizzato. In più e oltre si sovrappone il testo, che diventa metalinguaggio, esperienza sensoriale. PLACE/NO PLACE usa la parola come un'arma, in questo caso per difendere, parola usata per colpire senza violenza.

Nel 2012 Philipphe Alain Michaud, conservatore al Centre Pompidou di Parigi, cura per l'Accademia di Francia a Roma, 'Tapis Volant": il tappeto come un intreccio, come un film che racconta la trama lungo tutta la sua superficie. Il tappeto è per Michaud il luogo-non luogo, il recinto sacro e il giardino. Analisi di come artisti del passato e del presente hanno interpretato questo spazio, spesso animandolo.
L'anno precedente, alla Fondazione Giorgio Cini a Venezia, un'altra mostra
“Penelope's Labour: Weaving Words and Images" curata da Adam Lowe e Jerry Brotton, mette in relazione, concettuale e formale, altre opere d'arte, antica e contemporanea, dove il tappeto è esso stesso "opera" oppure medium che accoglie altri segni.

Due precedenti abbastanza vicini che segnano un momento di confronto, di rinnovato interesse verso un oggetto direi quasi "immortale", presente nella storia delle arti in continuità perenne.

La ragione di questo interesse è semplice, il tappeto è un manufatto frutto di capacità pratiche e concettuali. Coniuga l'aspetto visivo con quello filosofico, dispiega disegni e simboli in un labirinto di significati rarefatti e potenti.
Il tappeto è luogo della preghiera, è il ponte con l'Oriente, è il luogo del sogno.

Per Loredana Longo il tappeto è come spazio vuoto, pagina bianca, lo pervade di parole combuste, che nascono dall'osservazione del mondo. Massima tensione è rivolta verso quelle aree della Terra in cui si giocano sempre di più partite importanti e silenziose. Cina, Arabia, Medioriente. È qui che si sposta un flusso di interessi molteplici, economici, politici, culturali. È qui che si concentra l'interesse di molti. Interesse che è complicato, comporta equilibri fragilissimi.
Loredana Longo sceglie frasi brevi, apparentemente semplici, ma che possono cambiare i destini della gente se dette dalle persone giuste al momento giusto.
Frasi tratte da discorsi ufficiali o catturate per caso dal web, parole che sono un'antologia di stati d'animo, che si imprimono come tatuaggi nella trama del tappeto, come nella mente di colui che legge. Sono frasi di potenti e capi di stato che però una sconvolgente semplicità rende universali. Armi a doppio taglio. Come un vaticinio contemporaneo nascondono molti significati, molte interpretazioni. PLACE/NO PLACE gioca con questa ambiguità, ne fa un motivo di analisi antropologia e sociale.

Il tappeto è per Longo un luogo neutro, è il terreno di riflessione, perde la sua funzione originale, balza via dall'immaginazione comune, dalla favola persiana, dai caldi interni dove arreda, copre, si lascia calpestare, è prezioso e al tempo stesso umile, tattile.
Loredana Longo non prescinde mai dal contatto, dalla manipolazione dell'oggetto, che tra le sue mani si trasforma, si stratifica, ricrea nuove identità, lei lo modifica permanentemente. Lascia il segno.
Un po' come accade con i sentimenti, con le cicatrici. Tutto passa, ma la traccia resta sempre. Il tappeto dunque è per lei un pretesto, uno strumento sul quale imprimere l'atto creativo, che diventa vivo e parla per lei.
Loredana Longo instaura un rapporto intenso e passionale con l'oggetto, lo possiede prima nel pensiero, dove avviene la vera trasformazione e poi nello spazio, dove trasfigura l'idea che ha di esso. Ne fa veicolo.

Il gesto forte, nato dal fuoco, difficile e pericoloso, tossico, la costringe a stare attenta, a trattenere il respiro, a lavorare con cautela, il rischio aumenta il valore simbolico del suo gesto, dove lei effonde se stessa, è un'artigiana. Il suo lavoro è parte di lei. Nell'atto creativo ha sede l'anima. Ne deriva un guscio come un sarcofago, un corpo visibile che imprigiona il senso profondo del fare.

Il suo intervento è pericoloso come pericolose sono le parole, implicano una sapiente conoscenza, la capacità di dire e non dire. La capacità di persuadere. L'affabulazione diventa misura dei fatti, parla del presente, é monito, spot, ecco le nuove orazioni che non perdono tempo, e possono essere più efficaci di mille parole. Esprimono il punto di vista, fissano un attimo come una fotografia. Loredana Longo viviseziona la storia per capirla attraverso le parole che la scandiscono.

Con un pizzico di "prospettivismo storico" Longo crede che la conoscenza della storia passi attraverso i punti di vista dei singoli individui. La varietà delle opinioni e delle prospettive restituisce una realtà più vera e più obiettiva. Leva il velo sui fatti, apre le vedute, crea tolleranza.

PLACE/NO PLACE allora diventa una teoria di tappeti e di "parole bruciate e volanti" come molte che attraversano la contemporaneità, parole che mettono in moto un'analisi sui contesti, sulla percezione dei fatti.
È un lavoro che con sottile attenzione trova il suo senso in quella ricerca morale che José Ortega y Gasset definiva come "coscienza storica", la sola capace di creare il reale progresso per l'individuo.



info evento

artista: Loredana Longo
titolo: PLACE / NO PLACE
a cura di: Francesco Pantaleone e Agata Polizzi
con un testo di: Agata Polizzi
luogo: Bad New Business Gallery via M. Formentini 4/6 20121 Milano
Opening: Giovedì 7 marzo 2013 dalle 18:00
durata: dal 7 marzo al 11 maggio 2013
orari: dal lun al ven dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00
conferenza stampa: No
catalogo: No
produzione: Francesco Pantaleone arte Contemporanea
ufficio stampa: New Business Milano




English

Loredana Longo’s interest for the objects during the years has created an archive of memories made up of places, things, people considered witnesses of a life lived through crowded houses, noises of crystals and voices, a Mediterranean energy, an audience of cyclic memories to which Loredana taps from and belongs to.

The perfect image might be a “Christmas Dinner” and its eternal representation, luxurious and overflowing, elaborate.
An altar where to consecrate the ritual, the moment that links us together, that consumes the perfection, leaving just the rests of what it was like.
Opulence and strength. These are the human and artistic origins of Loredana.

There’s pure force in her, as within a volcano, unpredictable.
She can not abandon her southerly origin. She does not want to. An explosive tension but peaceful in the meantime lives in her gestures, she said this is “an act of love”.
That’s the reason behind the explosions, the uproars, the lightning. The series "Explosion" clarifies perfectly her nature.
Esplosione # 8 Sweets is the theatralization of a middle-class home, a table packed with food, too many things, each object is the tile of a memory; each object is in balance ready to be overwhelmed, it will lose its characteristics.
Distasters or re birth? Loredana Longo uses the object as a back-to-front jigsaw. She sets up the scene accurately, then she destroys it, then she sets it up again giving it a new life.

The vitality represents thought and action. All of a sudden a feeling, the shape of the idea to come, then the building, the explosion and eventually the rearrangement and the rebirth.
An action that has got value in its entirety, each moment has a value. It is a straight line where each segment contributes to the result. It is like what the unlimited is.

The reference to the “property” of Verga is a permanent feature. The property, things we collect and make the ordinary life tangible. Loredana Longo is not like Mazzarò though, obsessed by possession but just enchanted by things.
Fabrics, wood, furnitures, glasses, porcelain as holy objects, they release vital energy.
Objects that have a double feature: minimal if created by herself, redundant if interpreted through herself.
An oxymoron strengthened in the opposition. The creation is for Longo a gesture of strength, she love to abstract things from their contexts, giving to the objects a different value, a breakage value.

In PLACE/NO PLACE the strength of a recap has priority, a focus on her own work, because Longo must relate with the double dimension of the expressive and material object.
In the previous series FLOOR, Longo anticipates the new direction and creates a floor of impoverished cement , heavy and lifeless, as the soul of some men, that keeps in its deep and stiff creases rags and crocks belonged to unknowns.
A consideration on crime within tender and its infiltration in the urban and political life, a stress on the indiscriminate defacement of landscapes, anguished by unauthorized building and environmental hash.
Loredana Longo uses the plane surface, she bends material as a ribbon that has inside, and tells, stories. It has life, humanity. Here starts a path that walks her towards an ethical consideration through the attention for details, through the suggestion to read between the line, to investigate.

The interest for the Orient has therefore a political value.
Working on a carpet means the relation with the history of a magic object, very common. Moreover text is superimposed, text that becomes metalanguage, a sensorial experience. PLACE/NO PLACE uses the word as a weapon, to protect in this case, to hit with no violence.

In 2012 Philipphe Alain Michaud, curator at the Centre Pompidou of Paris, curated for the French Academy in Rome, 'Tapis Volant": the carpet as a plot, as a movie that explains its plot through its surface. The carpet is for Michaud the place-no place, the scared fence and the garden. An analysis on how past and present artists have interpreted this space, often lighting it up. The previous year, at the Giorgio Cini Foundation, in Venice, another exhibition “Penelope's Labour: Weaving Words and Images" curated by Adam Lowe and Jerry Brotton, relates each other more works of art, from the past and contemporary, where the carpet is a work itself or a way to welcome signs.
Two exhibitions close to each other that mark a moment of debate, of interest for an object almost “immortal”, within the history of art.

The reason for this interest is simple, the carpet is the result of conceptual and practical abilities. It gathers together the visual and philosophical aspects, with symbols and drawings on a labyrinth of powerful meaning.
It is the place for praying, the bridge with the Orient, the dream place.

For Loredana Longo it is like an empty space, a blank page, she permeates it with words coming from the world. A great importance is given to those areas where there are silent conflicts. China, Arabia, Middle East. Here a flow of interests moves people. Economic, political, cultural interests. Everybody is focused on these areas. A complicated interest, with a fragile balance.
Loredana Longo picks up brief sentences, apparently simple but able to change destinies of right people in the right places.
Sentences taken from official speeches or from the web, words as an ontology of states of mind, imprinted as tattoos in the carpet and in the mind of those who read. Sentences of powerful Presidents made universal with a disturbing simplicity. Double-edged swords. As a contemporary prophecy they have double meanings, interpretations. PLACE/NO PLACE plays with this ambiguity, making it an anthropological and social analysis.

The carpet is a neutral place, the place where to meditate, it loses the original function, the Persian tale, it loses its domestic function where it covers, it is stepped on, it is precious and humble in the mean time.
Loredana Longo considers the contact, in her hands it is transformed, creates new identities, she modifies it repeatedly. She leaves her mark.
As for feelings or scars. Everything passes but there will always be a mark. The carpet is for her an excuse, an instrument where to imprint the creative act, that has a life and speaks on her behalf.
Loredana Longo has got an intense and passionate relation with the object, she has it in her mind first where the real transformation takes place and then in the space, where she makes it real.

The gesture of fire, dangerous, obliges her to be careful, to hold her breath, to work carefully, the risk increases the symbolic value of the gesture, where she is an artisan. Her work is part of herself. In the creative act there is the soul. Here comes a shell as a sarcophagus, a body that traps the deepest sense of creating.

Her work is dangerous as words, implies a knowledge, the ability to say something and not. The persuasion. The affabulazione speaks for the present, it is a warning, the new orations have more meaning than thousand words. They express the point of view, they freeze a moment as a picture does. She vivisects history to understand it through words.

With a sort of “historical perspectivism” Longo thinks that history comes through each human being. The variety of opinions gives back a real and impartial truth. It unveil things, it open minds, it creates endurance.

PLACE /NO PLACE is then a theory of carpets and of “burning and Flying words” as vault through the contemporary, words that move an analisys, a perception.
It is a work that carefully find its meaning in the moral research that José Ortega y Gasset defined as “historical awareness”, the only thing able to create progress for people.