Loredana Cacucciolo – Luoghi dell’animo

Tortoreto Lido - 29/06/2013 : 27/07/2013

Loredana Cacucciolo esprime il ritmo incessante della vita moderna. Tutto sembra dipinto in fretta, di corsa: lo svincolo, l'incrocio, i segnali stradali, lo stop, tutto crea un vorticoso movimento che genera quella trasfigurazione delle forme che avvolte in una magica nebbia...

Informazioni

  • Luogo: PIZIARTE
  • Indirizzo: Via Sardegna 3 64018 Tortoreto Lido - Tortoreto Lido - Abruzzo
  • Quando: dal 29/06/2013 - al 27/07/2013
  • Vernissage: 29/06/2013 ore 19
  • Autori: Loredana Cacucciolo
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Nel testo che accompagna la mostra Carla Petrella scrive:
Loredana Cacucciolo, con grande abilità, usa la tela per tessere,
attraverso segni e colori, una realtà in continua trasfigurazione e
attraverso la rappresentazione di luoghi comuni come metropoli e
periferie, dipinge emozioni e sentimenti, "coglie l'attimo", ferma il
tempo e accompagna lo spettatore in un viaggio che, attraverso la
solitudine intesa come "assenza", diviene propedeutico al ritorno nello spazio
immenso della libertà desiderata e forse...finalmente conquistata


Dalla rappresentazione di una realtà quasi contemplativa, esplode la
creatività dell'artista e si esprime attraverso pennellate a volte
distratte, veloci, rapide, che fissano sulle tele toni ora azzurri per
rappresentare spazi senza confini ,ora tocchi appena percettibili di
rosso e giallo oro che catturano l'attenzione dello spettatore che si
perde nelle magiche metropolitane e nelle malinconiche periferie, rapito
in un'altalena di sentimenti dove non di rado malinconia e solitudine,
fanno da cornice al quotidiano vivere.
Una solitudine che invita a riflettere: non tanto un "sentirsi solo",
quanto un sentirsi avvolti nel silenzio e nell'assenza, condizioni
necessarie per catturare quella pennellata veloce attraverso la quale
Loredana Cacucciolo esprime il ritmo incessante della vita moderna. Tutto
sembra dipinto in fretta, di corsa: lo svincolo, l'incrocio, i segnali
stradali, lo stop, tutto crea un vorticoso movimento che genera quella
trasfigurazione delle forme che avvolte in una magica nebbia .. si
lasciano andare ad inverosimili interpretazioni a cui fanno da cornice i
morbidi toni soffusi dell'ocra, del grigio, del rosato ..
Riverberi di luce rischiarano il tenue bagliore presente nell'aria dei
suburbani paesaggi, luoghi di riflessione e "solitudine" che si
trasformano in "luoghi dell'animo",audace introspezione di sé e degli
altri.. "in continuo viaggio....per preparare il ritorno", piccoli
costruttori di castelli di carta, incoscienti del vento che soffia, pronti
a vagabondare una vita in cerca di speranza o di un sogno, ma incapaci di
vedere il sole nascente in un campo di grano, sulla collina.
E' lì invece, nei solidi geometrici con cui Loredana raffigura le
metropoli, negli agglomerati urbani e nelle periferie..che l'animo si è
lasciato andare alle inquietudini quotidiane ed è da lì che parte il
viaggio, che inizia la fuga ..nel passato per tornare al presente, in
cerca di futuro...
Lentamente lo spettatore scopre il mistero dell'opera di Loredana
Cacucciolo: il tempo, il ricordo, la memoria..
Sono le "Stanze di Andrea" che svelano il mistero!
Tra divani, poltrone, quadri.. l'artista sconfigge il tempo catturando emozioni,
sentimenti,sofferenze e gioie..E' lì che resteranno per sempre!!
Il profumo del tempo passato invade gli ambienti, malinconia,
tristezza,gioia.. il ricordo di un bacio rubato o una tenera carezza,
sfiorano le labbra e la pelle..è vivo il ricordo, è alto il pathos,.. lo
spettatore si lascia andare, "coglie l'attimo" che ignaro il tempo,
pensava di aver rapito !!