Iniziativa multimediale di arte, musica, poesia, video.

Informazioni

Comunicato stampa

0 novembre / 9 dicembre 2012 autori e interpreti partecipanti: Cristiana Arcari , Antonio Capaccio, Federica Luzzi, Valerio Magrelli, Maria Semmer, Sans Papier (Simone Alessandrini, Natalino Marchetti), Naoya Takahara una produzione di BRECCE per l'arte contemporanea a cura di Claudia Rozio e Antonio Capaccio
calendario: Venerdì 30 novembre 2012, ore 21 Oratorio di Santa Croce, Mondovì Concerto Sans papier Simone Alessandrini, sassofono soprano / Natalino Marchetti, fisarmonica (musiche di Simone Alessandrini, Wolmer Beltrami, Richard Galliano, Natalino Marchetti, Jules Massenet, Ennio Morricone, Charlie Parker, Astor Piazzolla)
Sabato 1 dicembre 2012, ore 16,30 Ex Confraternita dei Battuti Neri, Vicoforte Inaugurazione della mostra Lontano opere di Federica Luzzi, Maria Semmer, Naoya Takahara con un interludio musicale di Simone Alessandrini, sassofono soprano Natalino Marchetti, fisarmonica (musiche di Simone Alessandrini, Natalino Marchetti, Ennio Morricone, Consuelo Velázquez), e con la performance Acchiappaspiriti di Naoya Takahara, nel Parco adiacente la Confraternita. Rinfresco a cura di Cascina Monsignore. La mostra resterà aperta fino a domenica 9 dicembre 2012 Orari: dal lunedì al venerdì, ore 16-18,30; sabato e domenica, ore 10-12 e 16-18,30

Sabato 1 dicembre 2012, ore 21,15 Antica Meridiana Relais Art di Bricco Mollea, Vicoforte
Concerto Ma l'amore no
Cristiana Arcari, voce / Natalino Marchetti, fisarmonica
serata in favore dell'Associazione Medici Volontari Italiani

Domenica 2 dicembre 2012, ore 17 Biblioteca Civica, Mondovì Proiezione dei video Il sogno verde 2011 / 2012 di Antonio Capaccio e presentazione del Calendario artistico 2013 Anno penanno poesie di Valerio Magrelli, immagini di Antonio Capaccio (Edizioni Empiria), Cristiana Arcari, voce. A seguire, nei Giardini del Belvedere, performance Acchiappaspiriti di Naoya Takahara. Rinfresco a cura di Cascina Monsignore.
Comunicato
“il vuoto è sempre stato la mia preoccupazione essenziale; io sono sempre ben sicuro che, nel cuore del vuoto come nel cuore dell’uomo, ci sono dei fuochi che bruciano.” Yves Klein
“...e fare come li arcieri prudenti, e quali parendo el loco dove disegnano ferire troppo lontano e conoscendo fino a quanto va la virtù del loro arco, pongono la mira assai più alta che il loco destinato, non per aggiugnere con la loro freccia a tanta altezza, ma per potere con lo aiuto di sì alta mira pervenire al disegno loro.” Niccolò Machiavelli
BRECCE presenta a Mondovì e Vicoforte un progetto originale, dal titolo Lontano, che comprende - nell'arco di tre giorni - una mostra, tre concerti, un incontro letterario, performances e proiezioni video. Con Cristiana Arcari, Antonio Capaccio, Federica Luzzi, Valerio Magrelli, Maria Semmer, Sans Papier (Simone Alessandrini, Natalino Marchetti), Naoya Takahara. Fra arte, musica, poesia, video, in un confronto fra linguaggi e diverse esperienze creative, sul tema dell'arte come energia trasformatrice e passione predominante, ardimento, ma anche resistenza, perseveranza. Come fuoco traboccante, da consacrare, salvaguardare e custodire mai spento, ma pure brace, che brucia nascosta sotto la cenere, pronta a ridestarsi e a tramutarsi di nuovo in fiamma. La bellezza ferma del primo gelo - arte e natura, in dialogo nel paesaggio autunnale delle Langhe Monregalesi -, così lontana dalla lucentezza della vita più rigogliosa, tanto da far apparire quel traguardo quasi un miraggio. Eppure alla natura, come all'arte, spetta anche il tempo dell'attesa, Tempo senza misura, ostinazione, fissità, dove “crescere come l'albero che non sollecita la sua linfa - così Rilke -, che resiste fiducioso ai grandi venti senza temere che l'estate non possa venire. L'estate viene. Ma non viene che per quelli che sanno attendere...” Questa iniziativa s'inserisce nel progetto pluriennale di BRECCE dal titolo Il sogno verde. Il sogno verde è una ricognizione sul rapporto dell'uomo con la natura e si svolge in luoghi diversi, coinvolgendo artisti di differenti ambiti per investire con la sua riflessione tutti gli aspetti del nostro esistere mentre il mondo rischia di perire. A partire dal 2011, per questo progetto, sono state realizzate molte iniziative con la partecipazione di numerosi autori, fra i quali gli artisti Afro, Ennio Alfani, Franca Bernardi, Antonio Capaccio, Paul Cézanne, Piero Dorazio, Mario Giacomelli, Vittorio Giusepponi, Renato Guttuso, Jannis Kounellis, Uemon Ikeda, Federica Luzzi, Gino Marotta, Tommaso Massimi, André Masson, Joan Mirò, Claudia Muratori, Elly Nagaoka, Achille Pace, Maria Pizzi, Pupillo, Mario Schifano, Maria Semmer, Ettore Sordini, Silvia Stucky, Cesare Tacchi, Naoya Takahara, Giuseppe Tabacco, Giulio Turcato, il compositore Simone Pappalardo, i poeti Silvia Bre e Claudio Damiani, e con la collaborazione della Cooperativa Agricoltura Nuova (Roma), la Galleria Anna D'Ascanio (Roma), la Galleria Embrice (Roma), l'Università della Tuscia.
Lontano è un progetto di BRECCE per le città di Mondovì e Vicoforte.
Da diversi anni, con continuità, BRECCE produce importanti iniziative culturali in Piemonte e, in particolare, nella provincia di Cuneo. Si tratta di iniziative che possiedono tutte un taglio trasversale che coinvolge e mette in relazione, in forme sempre differenti, diversi specifici creativi. A partire dal 2005, hanno preso parte a queste iniziative di BRECCE, numerosi autori e interpreti, fra i quali, Apeiron Sax Quartet, Cristiana Arcari, Giampaolo Ascolese, Franca Bernardi, Silvia Bre, Antonio Capaccio, Aldo Cimaglia, Luca Fabiani, Virginia Fagini, Enrico Gallian, Javier Girotto, Mimmo Grillo, Ettore Innocente, Francesco Lo Savio, Valerio Magrelli, Tommaso Massimi, Bruno Munari, Simone Pappalardo, Astor Piazzolla, Andrea Piccardo, Marcello Piccardo, Enrico Pulsoni, Ettore Sordini, Studio di Monte Olimpino, Paolo Ravaglia, Paolo Rotili, Luca Sanzò, Giuseppe Tabacco.

L'iniziativa Lontano è dedicata all'artista Ettore Sordini (Milano, 24 agosto 1934 / Fossombrone, 27 ottobre 2012)
una produzione di B R E C C E per l'arte contemporanea a cura di Claudia Rozio e Antonio Capaccio
con il patrocinio di: Provincia di Cuneo, Comune di Mondovì, Comune di Vicoforte, e con il sostegno di:Fondazione CRT, Torino, Fondazione CRC, Cuneo, Academia Montis Regalis, Mondovì, Antica Meridiana Relais Art di Bricco Mollea, Vicoforte, Il Baluardo, Mondovì, Caffè Statuto, Mondovì, Cascina Monsignore, Vicoforte, Cantine Bonaparte, Mondovì, Park Hotel / Ristorante Villa Nasi, Mondovì, Ristorante La Bocca della Verità, Vicoforte, e in collaborazione con l'Università degli Studi della Tuscia e la Galleria Anna D'Ascanio, Roma. Grazie a Nunzia Fiorini e Anna Maria Sciannimanico / Tramjazz, Stefania e Giovanni Gasco, Speranza e Carlo Passeggi, i volontari della Biblioteca Civica di Mondovì, i volontari della Biblioteca Civica di Vicoforte.

info: BRECCE per l'arte contemporanea [email protected] 0039 338 7113975

Note biografiche: CRISTIANA ARCARI Soprano, nata a Roma, svolge gli studi musicali nella sua città e si laurea in Storia della Musica presso l’Università La Sapienza. Studia canto con Rudolf Knoll al Mozarteum di Salisburgo, con Luisa Castellani alla Chigiana di Siena, e con Sergio Foresti. Con un repertorio che spazia dal Barocco alla vocalità contemporanea collabora con Europa Galante, La Cappella della Pietà dei Turchini, I Cameristi Vocali Italiani, Tacitevoci Ensemble, CappellAntiqua Berna, Il Concerto d’Arianna e con Nicola Piovani, Vincenzo Cerami, Franca Valeri, Ennio Morricone, Bruno de Franceschi, Lorenzo Jovanotti, Germano Mazzocchetti, Valter Malosti, Giancarlo Majorino, Matteo D’Amico, Giuseppe Piccioni, Carlos Saura, Gabriele Muccino, Nicola Tescari, Antonio Capaccio, Valerio Magrelli, Paolo Rotili, Robert Carsen, Gianandrea Noseda, David Livermore, Mario Martone, esibendosi nell’ambito di Festival e stagioni concertistiche tra cui: Misteria Pascalia, Festival Barocco di Viterbo, Sagra Malatestiana di Rimini, Baroktage Stift Melk, Biennale di Musica contemporanea di Zagabria, Settimana della Lingua Italiana 2012 a Buenos Aires, Oratorio del Gonfalone, Teatro Franco Parenti, Nuova Consonanza, Los Conciertos de Radio Clasìca, IUC, I concerti del Quirinale, Tramjazz. Recentemente è stata invitata da Claudio Abbado a partecipare al Progetto Prometeo assieme all’Orchestra Mozart di Bologna in una serie di concerti in programma per il 2013. ANTONIO CAPACCIO è nato a Civitavecchia nel 1956. Espone dal 1978. Ha partecipato alla conduzione della galleria S. Agata de’ Goti (Roma, 1978/1979) e, dagli anni Ottanta, è stato iniziatore e teorico dell’Astrazione Povera. Mostre a La Salita, Jartrakom, AAM., D’Ascanio, Giulia, Palazzo delle Esposizioni, Villa Massimo, MLAC e Museo dell’Arte Classica de La Sapienza, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, Foyer dell’Auditorium Conciliazione, Casa delle Letterature (Roma), Palazzo dell’Esposizione Permanente, Studio Marconi (Milano), Castello di Rivara (Torino), Rocca Paolina (Perugia), Kunsthalle (Norimberga), Kunstverein (Darmstadt), Sala Centrale delle Esposizioni (San Pietroburgo), Casa Centrale dell’Artista (Mosca), Buades (Madrid), Artificialia (Steyl). Curatore di Equilibri Precari (Roma, 1998/2002), e per il CERP di Perugia (2002/2003), consulente per le Arti Visive della Biennale di Venezia (2004/2005). È curatore di BRECCE per l’arte contemporanea. Tiene un Laboratorio di pittura presso il carcere di Rebibbia e un Laboratorio sulle Arti contemporanee presso il Liceo Tasso di Roma. FEDERICA LUZZI è nata a Roma nel 1970. Specializzata in tecniche dei nodi “macramé” e in tecniche dell’arazzo tradizionale, a rilievo e tridimensionale con l’uso del telaio verticale, utilizza unitamente la fotografia realizzando installazioni, strutture e sculture tessili disposte in costellazioni stellari, galassie che alludono ad ignoti linguaggi e scritture. Principali Mostre: Vetrina BRECCE (Roma, 2012, personale), Il Sogno Verde, Cooperativa Agricoltura Nuova (Roma, 2012) Artapestry (KunstCentret Silkeborg Bad, 2012), Archivio Crispolti (Roma,2012 , personale), Galleria Arte e Pensieri (Roma, 2012, personale), Web of Europe, Musées Royaux d’Art et d’Histoire (Brussels,2011), Asia Europe, Musée de la Tapisserie (Angers, 2011), Krefeld Deutsches Textilmuseum (2011), International Triennial of Tapestry (Łódz, 2010), 2009 Miniart International Exhibition, CA Gallery/Creator's Ark Gallery, Munakata-shi Fukuoka, 2009), Galleria AN-SEI (Ukiha-shi Fukuoka, 2009), Musée de la Tapisserie (Tuornai, 2008, personale), Asia-Europe, Asian National Museum of Art (Fukuoka, 2008), Miniart International Exhibition, Tokunaga Gallery (Fukuoka, 2008), 25° Biennale della Scultura di Gubbio, Palazzo Ducale (Gubbio, 2008), 2006 La Notte Europea della Ricerca, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Frascati, 2006), 50° Premio Termoli (2005), White, Butò Experience n. 1 (Teatro Sala Umberto, Roma, 2003) VALERIO MAGRELLI è nato a Roma nel 1957, ha pubblicato cinque raccolte di versi. Le prime tre (Ora serrata retinae, Feltrinelli 1980; Nature e venature, Mondadori 1987; Esercizi di tiptologia, Mondadori 1992) sono state riunite nel volume Poesie e altre poesie (Einaudi 1996), cui sono seguiti Didascalie per la lettura di un giornale (Einaudi, 1999) e Disturbi del sistema binario (Einaudi 2006). Sempre da Einaudi, nel 2003, sono state edite le prose di Nel condominio di carne, riprese, nel 2009, da La vicevita. Teni e viaggi in treno (Laterza). Nel 2005 è apparso Che cos’è la poesia? (Sossella, libro e cd), e l’anno successivo Sopralluoghi (Fazi, libro e dvd). Sono del 2010 Il violino di Frankenstein. Scritti per e sulla musica (Le Lettere) e le prose di Addio al calcio (Einaudi), mentre nel 2011 è uscito Il Sessantotto realizzato da Mediaset. Un Dialogo agli Inferi (Einaudi). Docente di letteratura francese all’Università di Cassino, ha diretto la collana di poesia «La Fenice» Guanda e la serie trilingue «Scrittori tradotti da scrittori» Einaudi (Premio Nazionale per la Traduzione 1996). Nel 2002, l’Accademia Nazionale dei Lincei gli ha attribuito il Premio Feltrinelli per la poesia italiana. MARIA SEMMER è nata in Germania, nel 1979, a Rothenburg ob der Tauber.
Le sue mostre personali: 2006 heimelig, Villa Mirafiori (Roma, 2007), servizio fotografico, Stamperia del Tevere (Roma, 2007), sognatori, Hybrida contemporanea galleria (Roma, 2009), (Roma, 2012), Crepuscular, MU.SP.A.C. (L'Aquila, 2012), Crepuscular, Studio Abate (Roma, 2012), Sanctuary, Galleria Gallerati (Roma, 2012). Mostre collettive: Sala della Vecchia Ferrovia (Cosenza, 2007), Refugium 2 gallery (Berlino, 2008), Beata Remix, Palazzo d'Avalos (Vasto, 2008), Terra Mater, Stamperia del Tevere, (Roma, 2009), Venus in Furs eco , cell63 galleria (Berlino, 2009), Venere in pelliccia eco, galleria Esposta (Verona, 2010), Photosensibilité, Hybrida contemporanea galleria (Roma, 2010), L'Arte Grafica - dalla Tradizione all'innovazione, Castel dell'Ovo (Napoli, 2010), Naturae, Galleria Miralli (Viterbo, Italia, 2010), Il Sogno Verde, Cooperativa Agricoltura Nuova (Roma, 2012). NAOYA TAKAHARA è nato in Ehime, Giappone nel 1954. Dopo essersi laureato in discipline artistiche nel 1976 alla Tama Arts University of Tokyo, inizia viaggiare in Europa, stabilendosi poi definitivamente a Roma. Tra le sue principali mostre personali: Jartrakor (Roma, 1987), Janus Avivson gallery (Londra, 1995), Sala 1 (Roma, 1996(, Ex SNIA Viscosa (Roma, 1996), Bianca Pilat, a cura di Trevi Flash Art Museum (Milano, 1997), Atelier di Gianni Battistoni (Roma, 1998), Janus Avivson gallery (Parigi, 2000), Museo Laboratorio di Arte Contemporanea della “Sapienza” (Roma, 2003), Erica Fiorentini (Roma, 2003), LIFT Gallery (Roma, 2004), Wunderkammern (Spello, 2005), Palazzo Corgna (con Fabio Mauri, Città della Pieve, 2005), Color Museum (Tokyo, 2008), Associazione Culturale TRAleVOLTE (Roma, 2011), Color Museum (Tokyo, 2012)