Lontano da dove #2

Trento - 06/09/2014 : 19/10/2014

Ultimi due incontri e workshop del ciclo sulle pratiche artistiche contemporanee in relazione alla sfera pubblica.

Informazioni

  • Luogo: LE GALLERIE DI PIEDICASTELLO
  • Indirizzo: direzione nord-sud, Brennero-Verona,strada statale - Trento - Trentino-Alto Adige
  • Quando: dal 06/09/2014 - al 19/10/2014
  • Vernissage: 06/09/2014 ore 10.30
  • Autori: Ettore Favini, Adrian Paci
  • Curatori: Denis Isaia, Marco Scotini
  • Generi: incontro – conferenza
  • Orari: 6 - 7 settembre + 18 - 19 ottobre 2014 Ogni tappa sarà strutturata come segue: Sabato ore 10.30 – 13.00 intervento del relatore con dibattito aperto al pubblico. Ore 14.30 – 18.00 laboratorio riservato agli iscritti al workshop. Domenica ore 10 – 13.00 e ore 14.30 – 18.00 proseguimento del laboratorio.
  • Email: housetiring@gmail.com

Comunicato stampa

Un progetto di Wunderkammer Trento, collezione di immaginari urbani.
Le conferenze aperte al pubblico sono a cura di Professionaldreamers, progetto editoriale indipendente che pubblica e promuove ricerche sulle tematiche di spazio e società, e Giusi Campisi, in collaborazione con Tiring House e realizzate con il contributo della Fondazione Caritro



Gli artisti invitati ai due incontri sono

Ettore Favini, ha vinto il premio Artegiovane Milano e Torino incontrano l'arte e il premio New York della Columbia University e Adrian Paci, la sua ultima opera, The column, è stata presentata in numerosi musei del mondo, tra cui il Jeu de Paume di Parigi e il PAC di Milano.

Gli artisti dialogheranno con Denis Isaia, curatore d'arte contemporanea al Mart e Marco Scotini, Advisor di Arti visive della Naba, critico d'arte e curatore indipendente.

Scopo del progetto è esplorare il rapporto tra arte e sfera pubblica, nelle sue declinazioni relative al territorio e al paesaggio, all'identità e all'interculturalità.
Con questo fine si propone ai partecipanti un lavoro di ricerca-azione condotto dagli artisti che hanno aderito al progetto. Il percorso prevede quattro tappe, ognuna delle quali è coordinata da uno degli artisti, che fa della relazione tra arte e sfera pubblica il campo della sua indagine, e porterà sia la sua esperienza metodologica che lo sguardo particolare con cui interpreta le pratiche culturali, sociali e politiche emergenti nello spazio pubblico.
I partecipanti al termine del lavoro avranno acquisito informazioni, conoscenze e competenze relative all'azione artistica nella sfera pubblica. Allo stesso tempo, essendo il lavoro organizzato in forma laboratoriale, tale risultato sarà anche l'esito del contributo di ciascuno all'interno del gruppo di ricerca.




La partecipazione alle conferenze è gratuita.
La partecipazione ai workshop è a pagamento
un singolo workshop 100 €/ studenti 80 €
Sono disponibili borse di scambio per studenti.

INFO E ISCRIZIONI
Giusi Campisi: 3297117991 - [email protected]


Calendario
Ogni tappa sarà strutturata come segue:
Sabato ore 10.30 – 13.00 intervento del relatore con dibattito aperto al pubblico.
Ore 14.30 – 18.00 laboratorio riservato agli iscritti al workshop.
Domenica ore 10 – 13.00 e ore 14.30 – 18.00 proseguimento del laboratorio.


6 – 7 settembre 2014

Ettore Favini pone al centro di numerosi progetti l’ ambiente, soggetto protagonista
e mezzo di indagine nel suo rapporto con l’uomo: la fruizione delle sue opere diventa
un modo di riappropriarsi dello spazio pubblico. La memoria, storica e individuale
è il fulcro di un percorso che muove da un’ispirazione autobiografica e arriva ad
elaborare temi universali, quali tempo ed esistenza.

Denis Isaia, ricercatore culturale e curatore d'arte contemporanea, la sua indagine si concentra prevalentemente sulla valorizzazione di nicchie culturali non sistematizzate e di pratiche culturali orientate alla commistione. Da marzo 2014 è curatore presso il Mart di Rovereto.

18 – 19 ottobre 2014

Adrian Paci docente alla Naba di Milano, nella sua ultima opera filmica, “The Column”,
affronta i temi che attraversano la sua ricerca artistica, con una potente metafora mette in questione la trasformazione delle tradizioni e il confronto tra culture, la de-localizzazione del lavoro e il movimento costante, sia quello dei popoli attraverso le frontiere geopolitiche sia quello della memoria personale.

Marco Scotini è Advisor dell’Area di Arti Visive NABA e curatore dell’Archivio Gianni Colombo, critico d’arte e curatore indipendente, ha ideato il progetto "Disobedience Archive"; si interessa da anni di arte dell' est Europa curando mostre e pubblicazioni. È direttore della rivista "No Order. Art in a Post-Fordist Society", pubblicata da Archive Books (Berlino).