L’incantesimo della creazione

Rimini - 29/06/2013 : 29/06/2013

Proiezione del documentario 'L'incantesimo della creazione' di Ugo Amati e Michele Bianchi. Questo lavoro tratta il tema controverso del binomio arte/follia, mettendo in discussione il concetto di psicopatologia dell’espressione.

Informazioni

  • Luogo: MELTINGBOX
  • Indirizzo: via San Giovenale 86 – 47922 - Rimini - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 29/06/2013 - al 29/06/2013
  • Vernissage: 29/06/2013 ore 21.30
  • Generi: serata – evento
  • Email: bove@ghirardelliarchitetti.it

Comunicato stampa

Questo lavoro tratta il tema controverso del binomio arte e follia, mettendo in discussione il concetto di “psicopatologia dell’espressione” secondo il quale un’arte malata si opporrebbe a un’arte sana. La scaturigine creativa è una e una soltanto e può declinarsi in modalità estetiche più o meno valide. Ugo Amati, psichiatra e psicanalista , egli stesso pittore, ha lavorato alcuni anni presso la Clinique de la Borde diretta dal dottor Jean Oury nella regione del Loire et Cher

Il dottor Oury, ha stimolato nel corso degli anni l’attività creativa degli ospiti della Clinica , raccogliendo un certo numero di opere che saranno custodite nel Museo che si sta costruendo all’interno della clinica, dove sarà esposto anche il quadro del dr. Amati. Questo dono ha ispirato il docufilm , che altro non è che un viaggio , dove gli incontri del passato con luoghi e personaggi si incontrano e si intrecciano . Il docufilm è una testimonianza e un omaggio al dr. Jean Oury , un grande clinico , autore di una tesi nel 1950 sulla creazione estetica sempre attuale. Un uomo dotato di una sensibilità particolare per la necessità vitale dei malati di mente di ritrovare se stessi e di auto costituirsi creando opere. Ed è anche, parallelamente, una critica alla deriva tecnocratica della psichiatria attuale. Il lavoro è impreziosito da un’intervista rilasciata recentemente dal professore Gillo Dorfles, pittore e psichiatra egli stesso, oltre che critico d’arte e intellettuale di fama internazionale.
Michele Bianchi, psicoanalista, ha collaborato alla realizzazione del docufilm , contribuendo alla struttura, al montaggio e alle scelte musicali.
Spezzoni di film e frammenti di viaggio, sono inseriti nella struttura filmica, in quanto parte della memoria e del percorso professionale ed esistenziale del dr. Amati.
Dopo la proiezione gli autori si confronteranno con l’artista Graziano Spinosi , il filosofo Pietro D’Oriano e con il pubblico.



A cura di Simona Rinciari