Life on Ars? – Wurmkos

Torino - 05/03/2014 : 05/03/2014

Protagonista del quinto incontro è Wurmkos, laboratorio di arti visive creato nel 1987 da Pasquale Campanella e da persone con disagio psichico, utenti della Cooperativa “Lotta contro l’Emarginazione” di Sesto S. Giovanni (Milano).

Informazioni

  • Luogo: K-HOLE
  • Indirizzo: via san'Agostino 17 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 05/03/2014 - al 05/03/2014
  • Vernissage: 05/03/2014 ore 19
  • Generi: incontro – conferenza

Comunicato stampa

Life on Ars?

Dal 5 Febbraio, ogni Mercoledì sera al K-HOLE
Un ciclo di incontri settimanali per parlare di “Arte Pubblica”

5 Marzo 2014, quinto appuntamento.
Apertura porte
ore 19: Conversazione con Simona Bordone / Fondazione Wurmkos Onlus

Life on Ars? è il titolo della nuova rassegna di incontri a cura di Daria Carmi e Brice Coniglio sul tema “arte pubblica come agente di cambiamento nella vita reale e collettiva” in programma nel nuovo spazio indipendente K-HOLE di Torino


L’obiettivo è quello di costruire insieme strumenti di lavoro e innescare riflessioni su modalità, responsabilità e limiti del fare arte come pratica di trasformazione collettiva.
Il ciclo Life on Ars? si inserisce nell’ambito degli eventi collaterali al programma di residenza viadellafucina, prodotto da Kaninchen-Haus con il sostegno della Compagnia di San Paolo e della Camera di Commercio di Torino.

Protagonista del quinto incontro è Wurmkos, laboratorio di arti visive creato nel 1987 da Pasquale Campanella e da persone con disagio psichico, utenti della Cooperativa “Lotta contro l’Emarginazione” di Sesto S. Giovanni (Milano). Wurmkos è un luogo aperto, inteso come esperienza che mette in relazione arte e disagio psichico senza porsi obiettivi di “salvezza”, nel quale entrano su diversi progetti artisti - disagiati e non - critici e persone che collaborano alla realizzazione di opere e testi. Nel corso del tempo si è consolidato un piccolo gruppo che costituisce il nucleo permanente cui si è aggiunto, sui diversi progetti, oltre un centinaio d’altre persone. Il laboratorio funziona tutto l’anno: è uno spazio nel quale vengono ideate le opere di Wurmkos e si attuano le relazioni necessarie alla loro concezione.

Il gruppo ha partecipato, nel corso di vent’anni a numerose mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero otre ad aver ha progettato e condotto laboratori didattici con scuole e musei.

Nel 2005 si è costituito il Comitato per la Fondazione Wurmkos onlus e nel 2011 è nata la Fondazione Wurmkos, sua naturale prosecuzione.

Nel 2013 Wurmkos trova una nuova sede, sempre a Sesto San Giovanni: apre infatti il nuovo spazio di Farmacia Wurmkos che, oltre ad essere luogo di lavoro del gruppo, diventa anche spazio espositivo.

************

Simona Bordone è nata a Milano, dove vive e lavora, nel 1959. Nel 1991 fonda la galleria bordone, che dirige per dieci anni fino al 2001. Dal 2002 lavora come curatrice indipendente d’arte contemporanea. Dal 1994 ha tenuto lectures presso musei, università e spazi privati in Italia. Ha pubblicato, dal 1998, articoli e testi in cataloghi d’arte e su diverse testate. Dal 2004 è docente all’Istituto Europeo di Design di Milano. Dal 2008 si occupa dei contenuti editoriali del sito di Domus. È tra i fondatori di Fondazione di Wurmkos onlus, che attualmente presiede.

Pasquale Campanella, artista e docente, vive e lavora a Milano. Comincia ad esporre nel 1985; nel 1987 fonda il gruppo Wurmkos con cui sperimenta metodi di arte relazionale. Insieme al gruppo ha esposto in musei italiani e stranieri: Museo di Villa Croce (Ge), Padiglione d’Arte Contemporanea (MI), Triennale di Milano, Megaron the Concert Hall, Atene (Grecia). Nel 2001 partecipa alla 49° Biennale di Venezia e nel 2007 alla Gwangju Design Biennale (Corea). Dal 2004 lavora a progetti di arte pubblica: WurmkosAbitare con la realizzazione di una casa opera permanente a Sesto S. Giovanni (Mi); Plurale, con Cooperativa La Ginestra a Pieve San Giacomo (Cr). Progetta e conduce laboratori espressivi e svolge attività di formazione in ambito sociale. È presidente onorario di Fondazione Wurmkos onlus.

Daria Carmi (Casale Monferrato, 1984. Vive e lavora fra il Belgio e l’Italia)
Partendo dall’idea che l’arte sia una questione politica e un importante strumento per attivare processi di soggettivazione, la pratica artistica della curatrice si basa sul concetto di relazione e sviluppa progetti di trasformazione nello spazio urbano attraverso un processo condiviso con chi vive quel territorio. Dal 2011 si prende cura del progetto Par coii bsogna semnà / Chi semina raccoglie, laboratorio di trasformazione urbana e sperimentazione di nuovi modelli produttivi a Frassineto Po. Collabora con diverse istituzioni pubbliche e private fra cui Macao -­‐ Nuovo Centro per le Arti, la Cultura e la Ricerca, Artinreti, Carrozzeria Margot.

Brice Coniglio Artista e regista all’interno del duo Coniglioviola. Nel 2010 ha fondato Kaninchen-­‐ haus, organizzazione indipendente attiva nell’ambito della produzione culturale, che ha dato vita ai programmi sperimentali di residenza per artisti quali Pirate-­‐Camp, a latere della 54. Biennale di Venezia, e viadellafucina, nel quartiere di Porta Palazzo a Torino. Dal 2012 dirige lo spazio espositivo indipendente K-­‐HOLE di Torino.

K-­‐HOLE è il nuovo spazio indipendente per l’arte contemporanea gestito da Kaninchen-­‐Haus nel cuore del Quadrilatero Romano a Torino. Sul solco della tradizione degli art cafè, che a fine 800 nascevano come centri di propulsione per le nuove correnti artistiche in alternativa e in opposizione al contesto borghese delle gallerie, K-­‐HOLE è al tempo stesso luogo di aggregazione e centro di produzione ed esposizione per l’arte contemporanea, oltre che laboratorio degli artisti ospiti del programma di residenza sperimentale viadellafucina. K-­‐HOLE sta per Kaninchen-­‐Hole (tana del coniglio). Nello slang è un termine che indica uno stato soggettivo di dissociazione dal corpo dovuto all’assunzione di potenti sostanze anestetiche. Negli intenti di Kaninchen-­‐Haus c’è invece l’idea di ritrovare coesione tra l’esperienza estetica, ma spesso anestetizzante dell’arte, e il corpo stesso della città, per aprire le porte di uno centro culturale pronto ad accogliere una fitta programmazione di mostre, eventi, art talk, concerti, performance e dj-­‐set . Ingresso libero con tessera MSP. E' possibile fare la tessera all'ingresso a 5 euro. Oltre al K-­‐HOLE la tessera è valida per dr.Sax, Lapsus, Lavanderie Ramone, Silverado e molti altri circoli cittadini!