L’eredità dei Bastardini

Bologna - 18/01/2014 : 02/03/2014

Trentadue opere, quadri e sculture che vanno dal Trecento all’Ottocento, per raccontare un brano di storia di Bologna e delle istituzioni che sono sorte sul territorio per accogliere i fanciulli abbandonati, i pellegrini e i mendicanti.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO PEPOLI CAMPOGRANDE
  • Indirizzo: Via Castiglione, 7 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 18/01/2014 - al 02/03/2014
  • Vernissage: 18/01/2014 ore 17
  • Curatori: Gian Piero Cammarota, Marinella Pigozzi, Serena Maini
  • Generi: arte antica, collettiva, arte moderna
  • Biglietti: ingresso libero
  • Patrocini: ENTI PROMOTORI: Provincia di Bologna Soprintendenza per i Beni Artistici Storici ed Etnoantropologici di Bologna

Comunicato stampa

A Palazzo Pepoli Campogrande il 18 gennaio alle ore 17 inaugura la mostra a cura di Gian Piero Cammarota, Marinella Pigozzi e Serena Maini, organizzata dalla Provincia di Bologna in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici ed Etnoantropologici di Bologna.
Trentadue opere, quadri e sculture che vanno dal Trecento all’Ottocento, per raccontare un brano di storia di Bologna e delle istituzioni che sono sorte sul territorio per accogliere i fanciulli abbandonati, i pellegrini e i mendicanti.
Opere che raramente, e solo in parte, sono state esposte

E' il caso del medagliere, in mostra per la prima volta, che raccoglie gli oggetti lasciati fra le fasce dei neonati abbandonati: monete e medaglie spezzate a metà, giustacuori, immagini sacre, spesso accompagnati dal nome del fanciullo.