Leonardo Solimbergo – Il percorso

Treviso - 19/01/2013 : 09/02/2013

In 40 anni di carriera l'artista si e' dedicato con devozione alla pittura affrontando diverse tematiche e cimentandosi in diverse tecniche e stili, dai dipinti a olio su tavola fino agli acquerelli, passando per le opere a tecnica mista.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO OPEN - BEVAQUA PANIGAI
  • Indirizzo: Vicolo San Pancrazio 3 - Treviso - Veneto
  • Quando: dal 19/01/2013 - al 09/02/2013
  • Vernissage: 19/01/2013 ore 18
  • Autori: Leonardo Solimbergo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: merc-ven 15-19, sab 10-13 e 15-19
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Innumerevoli le opere prodotte, 40 gli anni di carriera artistica, 2 le città a cui è artisticamente e culturalmente legato, Treviso e Monaco di Baviera. Questi i numeri di LEONARDO SOLIMBERGO, pittore di Treviso che dal 1972, quando allestì la sua prima mostra personale alla galleria "LA CAVE" in Pescheria, si esprime attraverso le sue opere d'arte


Negli anni si è dedicato con devozione alla pittura affrontando diverse tematiche e cimentandosi in diverse tecniche e stili, dai dipinti ad olio su tavola fino agli acquerelli, passando per le opere a tecnica mista: tempera, collage, inserti materici, foglia d'oro e fotografia.
Un artista completo e maturo che ha saputo arricchire la sua arte attraverso l'esperienza, la cultura, ma soprattutto attraverso una continua ricerca, per soddisfare curiosità e fantasia intellettuale.
Dopo aver partecipato a più di 70 rassegne di pittura in Italia e all'estero, in Germania soprattutto, ed essere stato protagonista di diverse mostre personali, Leonardo Solimbergo sceglie di esporre le "proprie creature" allo SPAZIO BEVACQUA PANIGAI di Treviso e decide, con le galleriste, di intitolare la propria esposizione IL PERCORSO.
Un termine dalla forte pregnanza semantica per indicare un'indagine costante, un susseguirsi di avvenimenti artistici, quelli che hanno caratterizzato il suo essere pittore. Attraverso la parola Percorso infatti non si presuppone un punto di partenza e di arrivo, ma ci si riferisce ad un continuum fatto di sperimentazione e superamento dei preconcetti mentali. Ecco l'arte di Solimbergo, dove segno grafico e colore vengono liberati dalle loro funzioni descrittive e acquisiscono autonomia propria.
Più di 30 le opere esposte, per la maggior parte acquerelli, immagini di paesaggi veneziani e di scorci di Treviso che come ha detto nel 2003 la Dott.sa Magno sono "caratterizzati da due aspetti che si fondono e si completano: la forza di un disegno essenziale e la delicata, pulita ricchezza della tavolozza. Luna e l'altra sostenute dalla lucida immediatezza dell'atto creativo."