Leonardo D’Amico – E’ senza

Roma - 03/03/2015 : 21/03/2015

E’ SENZA è un progetto espositivo concepito come un’opera aperta, transitiva, che descriverà alcune fasi del lavoro di sperimentazione pittorica dell’artista Leonardo D’Amico degli ultimi anni.

Informazioni

  • Luogo: CENTRO LUIGI DI SARRO
  • Indirizzo: Via Paolo Emilio 28 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 03/03/2015 - al 21/03/2015
  • Vernissage: 03/03/2015 ore 18
  • Autori: Leonardo D’Amico
  • Curatori: Rosanna Rago
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: martedì - sabato h. 16 - 19

Comunicato stampa

E’ SENZA è un progetto espositivo concepito come un’opera aperta, transitiva, che descriverà alcune fasi del lavoro di sperimentazione pittorica dell’artista Leonardo D’Amico degli ultimi anni. Nelle opere lo spazio pittorico è determinato da pochi elementi che delineano un progetto ideativo volto al raggiungimento della simbiosi tra equilibrio estetico, valore plastico e struttura concettuale dell’opera, come chiaramente leggiamo nei dipinti presentati al Centro Luigi Di Sarro in mostra dal 3 al 21 marzo a cura di Rosanna Rago

La materia stratificata, si traduce sulla tela in una sorta di mappatura costellata da sagome riconoscibili, sostenute, in alcuni casi, da un libero intrico di segni che accolgono in scrittura rimandi alla filosofia greca e romana, alla cultura laica e religiosa, affermando l’importanza pregnante del senso della storia e conferendo allo spazio pittorico una natura cosmica. La lettura semantica è ambigua: elementi nati e cancellati o rappresentazioni illusorie che si avviano ad una definizione…? Lo “sviluppo astraente” che cerca, apparentemente, la negazione della forma ci confonde, ancor di più ci disorienta la sintesi tra sfondo ed elementi compositivi in diatriba aperta di gestaltica natura. Nonostante ciò la percezione dell’opera è immediata, la rappresentazione non è unidimensionale, gli elementi compositivi e lo sfondo si alternano in un definito rapporto di tipo circolare che induce alla riflessione. L’opera è il contesto che permette al fruitore di assimilare in maniera univoca i diversi rimandi concettuali e visivi in essa contenuti. La sua funzione è di generare il pensiero, far emergere bisogni atavici inespressi che la società contemporanea tende a sopprimere. Ricondurre l’individuo alla natura.