La luce splende nei tuoi occhi

Corato - 15/10/2011 : 30/11/2011

Una ricca esposizione di opere su carta di artisti di provenienza internazionale, dai molteplici linguaggi, metodi e tecniche. Al Museo di Corato arriva una mostra che apre a nuovi, inediti e originali orizzonti.

Informazioni

  • Luogo: EX CARCERE - MUSEO DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO
  • Indirizzo: Via Trilussa 4 - Corato - Puglia
  • Quando: dal 15/10/2011 - al 30/11/2011
  • Vernissage: 15/10/2011 ore 19
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: martedì – domenica 10-12 / 17-20; chiuso lunedì.
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Dal 15 ottobre al 30 novembre 2011 il Museo della Città e del Territorio di Corato ospita la mostra LA LUCE SPLENDE NEI TUOI OCCHI “Un viaggio nell’arte contemporanea internazionale”. L’evento, a cura di Oronzo Liuzzi, è organizzato in collaborazione con la Società Cooperativa Sistema Museo e con il Comune di Corato.

L’esposizione nasce dalla volontà del curatore di condividere, con un ampio pubblico, gran parte del proprio archivio personale, incrementatosi negli anni grazie ad uno scambio romantico tra artisti

La ricca collezione di opere su carta, realizzate da un nutrito nucleo di artisti di provenienza internazionale, si caratterizza per una vasta gamma di linguaggi, metodi e tecniche; tali creazioni artistiche, come afferma Oronzo Liuzzi, affrontano “aspetti del pensiero, dell’azione, del movimento, della percezione, della frattura e della combinazione per una analisi critica della realtà soggettiva ed oggettiva. L’arte intercetta, in continuo movimento, il destino del mondo e riconosce le tematiche in maniera premonitrice e conduce nell’immaginario mondo della fantasia per aprirsi a nuovi, inediti e originali orizzonti. Si costruisce la storia con l’arte, come l’arte segna la storia, perché il contemporaneo è sempre attuale e presente. Il passato è ieri. Il presente è domani.
Questo evento d’arte - continua il curatore Liuzzi - è dedicato alla memoria di una donna che ha avuto la pazienza di percorrere, viaggiare, sopportare e condividere con me tutte quelle tensioni ed emozioni che mi hanno dato la possibilità di crescere prima come uomo e poi come artista: mia moglie Franca”.