La Fine del Nuovo cap. VIII

Gorizia - 22/10/2016 : 15/11/2016

Presso Palazzo Lantieri a Gorizia, Neo associazione culturale, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, inaugura il capitolo VIII della mostra d’arti visive itinerante La Fine del Nuovo, a cura di Paolo Toffolutti.

Informazioni

Comunicato stampa

Inaugurazione | sabato 22.10.2016

La Fine del Nuovo | The End of the New
22.10 > 15.11.2016
cap

VIII | Appunti per un’emergenza | Notes for an emergency

Palazzo Lantieri
Piazza Sant’Antonio 6
Gorizia | Italia



“Appunti per un’emergenza”
Palazzo Lantieri ospita il Capitolo VIII della mostra La Fine del Nuovo

Inaugurazione sabato 22 ottobre 2016, ore 18.00

Sabato 22 ottobre dalle ore 18.00, presso Palazzo Lantieri a Gorizia, Neo associazione culturale, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, inaugura il capitolo VIII della mostra d’arti visive itinerante La Fine del Nuovo, a cura di Paolo Toffolutti.

La mostra, che ha inaugurato il suo primo capitolo a maggio 2016 a Villa Manin di Passariano, è proseguita con mostre successive a cadenza mensile tra Friuli e Liguria, presentando opere e artisti italiani ed esteri, toccando diverse città e location, e terminerà a Maggio 2017. Un progetto che prevede un anno di visual arts, 80 artisti con circa 400 opere, che si interrogano sul tema della fine della produzione del “nuovo” nell’arte contemporanea.

“Che l’azione culturale non dovesse restare vincolata ad un oggetto, ad un luogo, ad un’idea, e che all’interno degli stessi non potesse resistere come figura, forma, allestimento, oggetto, corpo lo abbiamo recepito; ma ora, dove sta nascosta l’azione e come possiamo avvertirla?” si chiede Paolo Toffolutti, curatore della mostra, nell’introdurne il capitolo VIII. E, più avanti, chiarisce: “Ora, per le generazioni di artisti che stanno dopo la ripresa dell’avanguardia negli anni 60-70, i compiti per casa sono stati quelli di smantellare tutta la linea di epigoni che hanno estetizzato l’oggetto, il concetto, il corpo, l’intuizione... e di funzionare come attivatori di azioni creative che si insinuano nei processi produttivi, di consumo e di relazione, facendo osservare situazioni, comportamenti e meccanismi politici innestati nel corpo sociale.” -

Il capitolo VIII, dal titolo “Appunti per un’emergenza”, ospitato da Palazzo Lantieri a Gorizia, comprenderà le opere di quattro importanti artisti contemporanei: Gianluca Codeghini, Bruno Muzzolini, Paolo Parisi, Koka Ramishvili.

Gianluca Codeghini, artista performativo milanese aperto a ricerche musicali e collaborazioni in ambito artistico, letterario e scientifico. Presenta opere con le quali vuole innescare una relazione con e tra il pubblico, per produrre tensioni e provocazioni discrete, analizzando tematiche quali il rumore, la polvere, la cecità, il gioco, l’intervallo, il sottofondo. Da At the source of noise, immagini fotografiche realizzate con polvere, in cui l’immagine cambia nel tempo al tocco dei visitatori, a Piecemeal (2012), un’azione performativa live ad opera di un gruppo corale.

L’artista bresciano Bruno Muzzolini, attualmente docente all’Accademia di Brera, si presenta attraverso immagini fotografiche poetiche, di una poesia ruvida, che riescono a creare un dialogo emotivo con lo spettatore. Lavori come Trap, Target o Psycotic Rainbow portano ad un confronto con l’angoscia della morte, l’annullamento, col mistero della vita, alimentando interrogativi inconsci.

Il lavoro di Paolo Parisi, tra i fondatori dello spazio Base / Progetti per l’arte e docente all’Accademia di Belle arti di Bologna, riflette sulla pittura e sulle relazioni che essa può stabilire con ciò che le sta intorno, sui meccanismi della visione, rendendo la fruizione del suo lavoro un’esperienza fisica. A Palazzo Lantieri espone il film dal titlolo “Untitled/ Postcards”, realizzato durante la residenza a Parigi nel 2014, narrazione temporalizzata di queste “visioni” (fotografie di paesaggi incontrati dall’artista su cui sono sovrapposti dei rettangoli materici di colore ad olio monocromo) con cui pone la questione sulla relazione che esiste tra le azioni dell’osservare, dell’immaginare e del ricordare il mondo.

Koka Ramishvili, artista originario di Tbilisi che vive a Ginevra (Svizzera), con la serie fotografica Ektoplazm Phenomena, si interroga sul visibile e l’invisibile. Non una serie che riguarda magia e occultismo, ma che indaga e osserva ciò che è occulto per ragioni politiche. Nel suo interrogarsi sulla natura delle immagini, sulla loro storia e la loro circolazione nella società dell’informazione, Koka Ramishvili, usa semplicemente la stessa tecnica di produzione di immagini di coloro che hanno manipolato l’opinione pubblica mondiale in materia politica.


Ad introdurre l’inaugurazione della mostra, gli “Incontri alla fine del nuovo” dalle ore 18.00.
Interverranno:
Rossella Rizzatto, Dirigente Scolastico Liceo Artistico “Giovanni Sello” Udine, “Tecnomagia”
Paolo Toffolutti, Curatore della mostra La Fine del Nuovo


A seguire, alle ore 18.45, inaugurazione alla fine del nuovo con i saluti di Carolina Lantieri Piccolomini, che ha ospitato la mostra, e Liliana Cormons, presidente di Neo associazione culturale Udine.

Alle 19.00 l’inaugurazione terminerà con un drink offerto da Lis Neris, cantina vinicola storica del Friuli Orientale, e l’apertura della mostra in Palazzo Lantieri.