Korakrit Arunanondchai

Bolzano - 01/06/2016 : 11/09/2016

Nel segno di Buddha, ma anche di Steve Jobs: nella pratica multidisciplinare dell’artista passato e presente, fantasia e realtà, scienza e spiritualità si mescolano con grande naturalezza.

Informazioni

  • Luogo: MUSEION
  • Indirizzo: Piazza Piero Siena 1 - Bolzano - Trentino-Alto Adige
  • Quando: dal 01/06/2016 - al 11/09/2016
  • Vernissage: 01/06/2016 ore 19
  • Autori: Korakrit Arunanondchai
  • Curatori: Letizia Ragaglia
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Orari regolari Da martedì a domenica: 10.00 – 18.00 Giovedì: 10.00 – 22.00 / Ingresso libero: 18.00 – 22.00 / Visita guidata gratuita: 19.00 Dialoghi sull’arte: sabato e domenica, 14.00 – 18.00 Lunedì chiuso Ultimo ingresso: pianoterra entro 10 min. prima della chiusura / piani superiori entro 30 min. prima della chiusura Orari di apertura durante le festività: Lunedì di Pasqua (28.03.2016): aperto dalle 10.00 alle 18.00 Lunedì di Pentecoste (16.05.2016): aperto dalle 10.00 alle 18.00 25 aprile: aperto dalle 10.00 alle 18.00 01 maggio: aperto dalle 10.00 alle 18.00 02 giugno: aperto dalle 10.00 alle 18.00 15 agosto: aperto dalle 10.00 alle 18.00
  • Biglietti: Prezzi d’ingresso Euro 7,00 intero Euro 3,50 ridotto (over 60, Tourist Card, Guest Card, Kulturpass, studenti, ecc.) Ingresso gratuito Per tutti, ogni giovedì dalle ore 18.00 alle 22.00 Per bambini e giovani fino a 18 anni Per gli studenti della Libera Università di Bolzano, Amici di Museion, ICOM, MuseumMobilCard ecc.

Comunicato stampa

Nel segno di Buddha, ma anche di Steve Jobs: nella pratica multidisciplinare dell’artista passato e presente, fantasia e realtà, scienza e spiritualità si mescolano con grande naturalezza.
La storia dell’arte occidentale, ma soprattutto la memoria, individuale e collettiva, nell’era della comunicazione digitale, sono al centro dei lavori di Arunanondchai. La prospettiva è quella di un nativo digitale ed emigrato culturale dalla Thailandia, che nel 2009 ha lasciato per gli Stati Uniti


La mostra si apre a Passage con tre grandi dipinti su tela di jeans (History Paintings) e prosegue al quarto piano con video e installazioni – tra cui diversi lavori inediti. Qui l’artista crea un’esperienza avvolgente e coinvolgente: grazie a speciali pellicole, le facciate di vetro e l’illuminazione al soffitto sono infatti trasformate in superfici colorate, che tingono di rosso, giallo e blu l’intero spazio espositivo.
Quella a Museion è la prima personale dell’artista in Italia.

Korakrit Arunanondchai (Bangkok, 1986)
Studi alla Islad School of Design (2009) e alla Columbia University (2012), Arunanondchai ha all’attivo numerose collettive in istituzioni come Sculpture Center, New York, ICA Londra, e personali in istituzioni come Palais de Tokyo, Parigi (2015), MoMa PS1 (New York, 2014). Oltre alla mostra a Museion, Korakrit Arunanondchai sarà presente quest’anno alla Biennale di Sydney (18 marzo – 5 giugno) e alla Biennale di Berlino (Berlin Biennale, 4/06-18/09).

A cura di Letizia Ragaglia

Immagine: Korakrit Arunanondchai, courtesy of the artist.