Katia Margolis – Snowmarks/Watermarks

Venezia - 29/11/2011 : 03/01/2012

Il progetto è dedicato alla memoria del grande poeta e ai temi generali della memoria, dell' assenza-presenza, della morte e di post-mortem. L'esposizione viene articolata in tre installazioni-capitoli: Alla ricerca della luce, Alla ricerca del senso e Post Scriptum (preludio e fuga).

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO ZENOBIO - COLLEGIO ARMENO
  • Indirizzo: Fondamenta del Soccorso 2596 - Dorsoduro - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 29/11/2011 - al 03/01/2012
  • Vernissage: 29/11/2011
  • Autori: Katia Margolis
  • Curatori: Evgenija Cervetti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Email: eventi@collegioarmeno.com
  • Patrocini: del Comune di Venezia e del Ministero della stampa della Russia e dello Ministero della Cultura Russa. Il progetto si avvale del logo ufficiale dell’ «L’anno della cultura russa e della linguarussa in Italia» e dell’ “Anno della Cultura Italiana e Lingua Italiana in Russia».

Comunicato stampa

Il progetto è dedicato alla memoria del grande poeta e ai temi generali della memoria, dell' assenza-presenza, della morte e di post-mortem. L'esposizione viene articolata in tre installazioni-capitoli: Alla ricerca della luce, Alla ricerca del senso e Post Scriptum (preludio e fuga). Il progetto non contiene illustrazioni dirette della poesia di Brodskij ma diventa una specie di viaggio metafisico. L'esposizione si apre con un percorso su fogli di carta bianca dove qualsiasi spettatore prende parte nell’atto di creare un’opera, diventando ne un co-autore. Foglio bianco è vuoto, vetro è trasparente

Per vedere l’opera, il pubblico dovrà usare una lampada dalla luce speciale, che proietta le immagini grafiche sui fogli bianchi. La luce da per sè è invisibile, neanche la materia è visibile senza essa. Entrambi trovano espressione nello sguardo di attenzione e amore. Quando la luce ha toccato la materia, può nascere immagine, che diventa un incontro, un’icona, come ha scritto il filosofo padre Pavel Florenskij nel «Porte regali»: cioè, la finestra tra due mondi – il mondo invisibile, che viene proiettato attraverso questa finestra su quello visibile. Nelle sale successive sono esposte anche oggetti, pittura, opere dalle serie Trittici semiotici (fotografia, acquerello, stampa digitale, 2010-2011) e la nuova installazione multimediale Сostruiti sulla sabbia-Seminati sotto la neve (2011). Al vernissage l’Associazione Vassilij Polenov, Eurocrom4, Palazzo Zenobio per l’Arte e l’autore presentano un'edizione d'arte «Venezia: Paradiso ritrovato» – un libro delle poesie di 11 poeti russi contemporanei della generazione di Brodskij e quella successiva: Jurij Kublanovskij, Aleksandr Kušner, Anatolij Naiman, Olga Sedakova, Evgenij Rein, Lev Losev, Bakhyt Kenjeev, Aleksej Purin, Victor Kulle, Elena Ušakova, Boris Khersonskij. (a cura di Katia Margolis con l'introduzione di Vittorio Strada). Il libro è un’esclusiva edizione, presentata con una serie di autografi degli autori, accompagnati da traduzioni in italiano ed illustrazioni-acqueforti di Katia Margolis. Il testo di ogni poesia sarà presentato in due lingue con testo a fronte. Alcune poesie sono inedite. Presenta Vittorio Strada Con il patrocinio del Comune di Venezia e del Ministero della stampa della Russia e dello Ministero della Cultura Russa. Il progetto si avvale del logo ufficiale dell’ «L’anno della cultura russa e della linguarussa in Italia» e dell’ “Anno della Cultura Italiana e Lingua Italiana in Russia». Saranno presenti i poeti russi e si terrà una lettura di poesia in due lingue a cura della Casa delle Parole.