Jumana Manna – Cache (Insurance Policy)

Bolzano - 16/05/2019 : 27/07/2019

Nella sua prima mostra personale in Italia, l’artista Jumana Manna porta avanti il suo interesse nei sistemi di conservazione e nelle politiche delle pratiche di preservazione, tracciando paralleli tra ambienti scientifici e culturali.

Informazioni

Comunicato stampa

Nella sua prima mostra personale in Italia, l’artista Jumana Manna porta avanti il suo interesse nei sistemi di conservazione e nelle politiche delle pratiche di preservazione, tracciando paralleli tra ambienti scientifici e culturali.

Cache (Insurance Policy) (2018 – 2019) è un’installazione composta da sculture in ceramica, alcune recenti, altre appositamente realizzate per l'occasione, dislocate negli spazi di ar/ge kunst. Un lavoro che, come il termine “cache” suggerisce, esplora i concetti di deposito, raccolta, scorta e salvaguardia, sia di risorse naturali sia di artefatti, a tutela della sopravvivenza, del patrimonio e del vantaggio economico



Nella prima stanza, sculture di forma cubica sono esposte come frammenti museologici rimossi dal loro contesto architettonico: opere in ceramica che si ispirano alla “khabya”, un elemento tipico, ormai obsoleto, delle case rurali levantine. Prima dell’avvento della refrigerazione, queste camere climatiche erano usate per conservare i grani per il consumo annuale; esagerando le sporgenze e le aperture di queste forme, le opere di Jumana Manna assumono una qualità antropomorfica e una scala più vicina al corpo umano.

Nella seconda parte dell’installazione, mensole e griglie di metallo rivestono la stanza e presentano le khabyas in un ambiente che richiama gli interni di depositi istituzionali, siano essi banche dei semi, collezioni etnografiche, o caveau museali.
Le banche dei semi (depositi per campioni di sementi) sono al centro del lavoro recente dell’artista, che include Wild Relatives (2018); un lungometraggio che percorre la transizione di semi tra la isola Norvegese di Svalbard nell’Oceano Artico e la Valle della Bekaa nel Libano. In questa iterazione di Cache, il film è esposto in loop al fianco delle khabyas, integrato nell’installazione.

Jumana Manna usa la mostra come luogo per mescolare gli “impulsi tassonomici” dei depositi di grano, delle banche dei semi e dei musei, indicando la trasformazione dei sistemi di sostentamento e conoscenza dalle pratiche di sopravvivenza alle economie centralizzate della crescita del capitale. Il gesto giocoso di archiviare depositi mette in mostra le differenze ideologiche che esistono tra le diverse storie della conservazione e la mancanza di equilibrio tra i diversi futuri che accompagnano l’atto della preservazione oggi.

Biografia
Jumana Manna (b.1987, USA) è un’artista visiva di base a Berlino. È stata premiata con il A.M. Qattan Foundation’s Young Palestinian Artist Award nel 2012 e con l’Ars Viva Prize for Visual Arts nel 2017. Manna ha partecipato a numerose mostre e film festival, tra cui Henie Onstad Museum, Norvegia, 2018; Mercer Union, Canada, 2017; Jeu de Paume and CAPC Bordeaux, Francia, 2017; SculptureCenter, USA, 2014; Marrakech Biennale 6, 2016; The Nordic Pavillion alla 57a Biennale di Venezia; cosè come al 54o and 56 a Viennale International Film Festivals, 66a e 68 a Berlinale, e al CPH:DOX 2018 dove Wild Relatives è stato premiato con il New:Visions award.



Con il gentile sostegno di:
Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Cultura
Fondazione Cassa di Risparmio
Comune di Bolzano, Ripartizione Cultura

Un ringraziamento speciale alla Libera Università di Bolzano, Facoltà di Design e Arti