Journal – Chapter IX – Joana Escoval

Pescara - 25/04/2020 : 30/04/2020

Il capitolo X di Journal presenta per la prima volta in Italia Living Metals (sunset) di Joana Escoval, un video di un tramonto del sole scandito da diversi elementi sonori.

Informazioni

  • Luogo: VISTAMARE
  • Indirizzo: Largo Dei Frentani 13 - Pescara - Abruzzo
  • Quando: dal 25/04/2020 - al 30/04/2020
  • Vernissage: 25/04/2020 NO SOLO EVENTO ONLINE
  • Generi: serata – evento

Comunicato stampa

Sono interessata a osservare e contemplare tutti i fenomeni naturali senza separazione tra l’essere umano e il mondo che ci circonda.” JE

Il capitolo X di Journal presenta per la prima volta in Italia Living Metals (sunset) di Joana Escoval, un video di un tramonto del sole scandito da diversi elementi sonori. Fulcro della poetica del lavoro è proprio la tangibilità dei suoni prodotti dalla natura e della sua energia come le corde di una chitarra elettrica suonata dal vento a Stromboli e il suono ambientale di un cratere in Islanda


Joana Escoval indaga il rapporto con il mondo che abitiamo e a cui siamo interconnessi. La sua pratica racchiude lavori visivi e sonori, quali sculture, installazioni e performance collettive. Le sue opere scultoree sono fusioni di metalli puri come l’argento, il rame, e leghe come il bronzo e l’ottone, che fonde lei stessa con grande precisione. Le sue forme che richiamano elementi naturali - il sole, le stelle, onde sonore – si piegano e si modellano, vibrando alle condizioni dell’ambiente circostante.
Joana Escoval (1982, Lisbona, Portogallo) vive e lavora a Lisbona. Il suo lavoro è stato presentato in mostre personali e collettive in musei internazionali ed è incluso in molte collezioni pubbliche e private.

___


“I’m interested in observing and contemplating all natural phenomena without division between the human being and the world around us.” JE

Chapter X of Journal presents, for the first time in Italy, Living Metals (sunset) by Joana Escoval, a video of a sun setting combines various different audio elements. At the center of the poetic of this work is the tangibility of the sounds produced by nature and its energy, like the wind playing with the strings of an electric guitar in Stromboli and the ambient sound within the crater of a volcano in Iceland.

At the heart of her research lies our relationship with world we inhabit and our interconnection with it. Her practice circumscribes both visual and aural in the form of sculpture, collective walks and installations, Her sculptural works are fusions of pure metals like silver, copper and alloys like bronze and brass, fused and moulded by the artist herslef meticulously. The forms, which recall natural elements – the sun, the stars and sound waves - bend and reshape themselves, vibrating to their specific ambient conditions.
Joana Escoval (1982, Lisbon, Portugal) lives and works in Lisbon. Her work has been presented in solo and group show internationally and is included in many public and private collections.