Jorrit Tornquist – A ogni causa corrisponde un effetto ottico

Seregno - 08/11/2014 : 08/12/2014

Le opere di Tornquist ci restituiscono una memoria, un clima, un’atmosfera. Ovviamente l’artista non si è limitato alla geometria logico-sensoria per convertire il visibile in scacchiera o raggiera, in moduli o sequenze, in emissioni o propagazioni; l’artista ha anche convertito il colore in uno spazio vitale, mettendo in relazione il visivo con il vivibile, l’essenziale con l’esistenziale.

Informazioni

  • Luogo: ARTESILVA
  • Indirizzo: Via San Rocco 64/66 - Seregno - Lombardia
  • Quando: dal 08/11/2014 - al 08/12/2014
  • Vernissage: 08/11/2014 ore 17,30
  • Autori: Jorrit Tornquist
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00, sabato su appuntamento

Comunicato stampa

Bernard Maitte si è chiesto come mai i colori possiedono «un’esistenza propria quando
manifestano una tale variabilità?». A confermarcelo è Josef Albers, che in un suo libro
scrive: «nella percezione visiva un colore non viene quasi mai visto come è nella realtà
fisica. Questo fa sì che il colore sia il mezzo più relativo in campo artistico». Anche Jorrit
Tornquist si è interrogato e ha deliberato in tal senso

Poiché non esistono domande
sbagliate o risposte più giuste di altre (giacché ci sono solo circostanze discordanti), l’artista
ha cercato di fare esperienza, interpretare e rielaborare i dati sensibili in suo possesso. Da
ciò deriva una polarità in apparenza inconciliabile, quella cioè che vede contrapposti i “colori
organici” e i “colori culturali”. In pratica Tornquist è giunto a composizioni pittoriche che in
realtà sono [s]composizioni cromatiche e materiche. E non a caso, perché la materia è
l’unica in grado di rendere visibile il colore.
Tornquist concepisce il colore come frequenza elettromagnetica e la luce come veicolo di
informazioni oltre che di sensazioni; ne consegue che interpretando la materia-mondo
l’artista non fa altro che sondare la “scala tonale dei sentimenti” (non uno spettro cromatico
ma, come direbbe lui, uno spettro orchestrale). Nella seconda metà degli anni Sessanta,
Tornquist abbandona lo scientismo formale per dedicarsi a un’estetica sensoriale. Dalle
teorie passa al mondo delle regole non scritte, ovverosia passa dalle motivazioni alle
emozioni. Scrive l’artista nel 1977: «il colore comunica i sentimenti tramite la strada diretta
della percezione sensitiva senza la necessità di dover ricorrere alla coscienza. Il colore
agisce sui sentimenti e così influenza il nostro stato biologico». Le investigazioni cromaticoemotive
di Tornquist coinvolgono il mondo che ci circonda, con le sue trasparenze,
dissolvenze, saturazioni, vibrazioni. Spesso e volentieri l’artista si è ispirato agli effetti
atmosferici, i quali generano un “filtro” con cui noi intendiamo – anziché identificare – il
colore. Si veda a questo proposito il polittico Quattro stagioni del 1974, in cui l’artista associa
inverno-primavera-estate-autunno ad altrettante suggestioni naturali, ognuna delle quali è
stata codificata secondo la tavolozza pittorica. Sappiamo bene quanto sia mutevole la
percezione di uno stesso paesaggio, in diversi periodi dell’anno così come in determinate
condizioni climatiche o in base al nostro stato psico-fisico. La canicola estiva, le intemperie,
il tasso d’inquinamento, durante stati di alterazione di coscienza, in piena luce o nei coni
d’ombra, alla mattina quando siamo riposati e vigili, oppure alla sera quando la vista è
affaticata: sono alcuni dei casi indagati da Tornquist. Come a dire che a ogni causa
corrisponde un effetto [ottico].
Le opere di Tornquist ci restituiscono una memoria, un clima, un’atmosfera. Ovviamente
l’artista non si è limitato alla geometria logico-sensoria per convertire il visibile in scacchiera
o raggiera, in moduli o sequenze, in emissioni o propagazioni; l’artista ha anche convertito il
colore in uno spazio vitale, mettendo in relazione il visivo con il vivibile, l’essenziale con
l’esistenziale. Risale al 1966 il suo primo intervento ambientale-urbano, il primo di una lunga
serie che intende rendere meno greve l’architettura, immergendola nella luce-colore. Non
contento, Tornquist ha sublimato la realtà relativa in relazione duale: al fruitore viene infatti
riassegnata la sua centralità, il ruolo di soggetto percipiente che concorre a completare
l’opera. Proprio come i colori, anche il fruitore diventa “complementare” all’arte.
All’interno dell’ampio ventaglio di stimoli-situazioni che il mondo ci riserva, la percezione non
può che essere soggettiva, influenzata dall’esperienza individuale, da giudizi o situazioni
pregresse, dal proprio stato emotivo e psicologico. Ogni percezione è un caso a se stante,
potremmo altresì affermare che ogni percezione è singolare nella sua pluralità. Ciò vale
anche per queste opere, in cui i colori appaiono e si dissolvono, sbiadiscono o si vivificano.
Sono lucenti, splendenti, opachi, indistinti. Jorrit Tornquist è un cacciatore di arcobaleni che
ha candidamente ammesso: «Io proprio non so spiegarvi come lavoro». Or dunque, perché
noi dovremmo sforzarci di capirlo? Se l’artista vuole riacquistare una propria intelligenza
emotiva, anche noi dobbiamo fare altrettanto. Non è indispensabile capire, ma è
fondamentale percepire.