Jacopo Mandich – Forme e innesti

Latina - 14/03/2015 : 09/04/2015

L’opera dell’artista romano Jacopo Mandich esplora le complesse relazioni esistenti tra l’oggetto e la sua rappresentazione. Traduce nel proprio codice linguistico il legame con la materia e il passaggio dell’uomo con e su di essa.

Informazioni

  • Luogo: AUS+GALERIE
  • Indirizzo: Via Satrico 26 - Latina - Lazio
  • Quando: dal 14/03/2015 - al 09/04/2015
  • Vernissage: 14/03/2015 ore 18
  • Autori: Jacopo Mandich
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: solo su appuntamento
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Aus+Galerie è lieta di annunciare FORME E INNESTI personale di Jacopo Mandich a cura di Giorgia Capurso e Simone Guarda. In mostra nuovi lavori creati appositamente per il progetto artistico e una selezione delle sculture realizzate dall’artista negli ultimi due anni.

L’opera dell’artista romano Jacopo Mandich esplora le complesse relazioni esistenti tra l’oggetto e la sua rappresentazione. Traduce nel proprio codice linguistico il legame con la materia e il passaggio dell’uomo con e su di essa

Sin dalle sue prime sculture ha sviluppato un originalissimo corpus di lavori distinti per l’impiego degli elementi tra cui il ferro, il legno, la pietra e il vetro. Il recupero delle materie prime e la scelta degli elementi è per Jacopo Mandich una ricerca di configurazioni corporee verso una visione epifanica e sublime dei grandi temi dell’esistenza.
Jacopo Mandich è interessato alle potenzialità di suggestione della forma, egli interpreta una riflessione inedita intorno alle modalità della lavorazione. Incide, taglia, fonde, rimodella i suoi elementi e li investe di una nuova vita, le sue creazioni riflettono sui gesti umani e sulla sua condizione mentale. Senza contrapposizioni ha sostituito il concetto di “forma” in quello di composizione materica un sistema di relazioni aperte a sviluppi che tendono a coniugare gli elementi e i loro innesti insieme.

La mostra termina il 9 Aprile 2015.

AUS+GALERIE: spazio pensato per l’arte, dal 2009 costituisce un centro nevralgico per le arti visive e performative contemporanee, dove si arricchisce l’animo, si condivide la passione per l’arte con il pubblico, dove si promuovono artisti e le nuove tendenze del contemporaneo, è un luogo underground dove i curatori Giorgia Capurso e Simone Guarda vi invitano a scoprire l’entusiasmo dei progetti straordinari con gli artisti.