Intermezzo 2019 – Lina Fucà

Palermo - 23/09/2019 : 06/11/2019

Intermezzo 2019, secondo appuntamento con Lina Fucà La parola, il gesto, lo sguardo: donne che raccontano donne.

Informazioni

  • Luogo: VILLA ZITO
  • Indirizzo: Via della Libertà 52 90143 - Palermo - Sicilia
  • Quando: dal 23/09/2019 - al 06/11/2019
  • Vernissage: 23/09/2019 ore 18,30
  • Autori: Lina Fucà
  • Curatori: Agata Polizzi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal 1 marzo al 31 ottobre: mercoledì - lunedì 9.30 - 19.30 - chiusura martedì Dal 1 novembre al 28 febbraio: mercoledì - lunedì 9.30 - 14.30 - chiusura martedì
  • Uffici stampa: CIVITA SICILIA

Comunicato stampa

Una memoria che diventa nostalgia struggente e al tempo stesso trampolino di lancio per proiettarsi nel futuro. A raccontarlo i corpi, i gesti, le azioni di donne nel lavoro di Lina Fucà, tra le voci più interessanti dell'arte contemporanea.
Prosegue con Unopertreugualesette il viaggio di "Intermezzo 2019”, la rassegna di videoarte curata da Agata Polizzi per Fondazione Sicilia in questa seconda edizione che ha come punto di partenza lo sguardo di artiste: un racconto al femminile che diventa mappa per decifrare il contemporaneo



Dopo Poor Poor Jerry, di Rä di Martino, che ha aperto la rassegna lo scorso giugno, lunedì 23 settembre alle 18.30 a Villa Zito sarà la volta di Lina Fucà, artista torinese, di origine siciliana, con un fortissimo legame legato alla memoria dei luoghi, e del suo talk con il pubblico, come di consueto.
È un'esperienza totalizzante, quella offerta da Unopertreugualesette e Ti ho pensata sempre. È insieme la celebrazione della memoria del passato e la consapevolezza del presente, in una dimensione contemporaneamente intima e universale, attraverso una narrazione capace di contenere l’esperienza collettiva.
Lina Fucà si immerge così in una materia densa e composita, in cui la realtà è rielaborata secondo due visioni.
Una in cui la memoria resta in bilico fra passato e presente, fra la malinconia di un ricordo e la gioia di una riscoperta.
L’altra in cui l'artista racconta della relazione con altre donne di diversa età ed origine sociale e geografica: uno “specchio” di donne che rimandano ad altre donne nell'intrecciarsi di corpi, culture, movimenti, gesti, momenti di concentrazione, di imbarazzo e di ilarità.
Un clima di complicità difficile da spiegare senza averlo vissuto, in cui le donne trasformano l’artista facendole assumere le loro stesse sembianze, svelando qualcosa di intimo che appartiene all'altra, in un gioco di rimandi in cui non ha più senso definire il ruolo di chi narra rispetto a quello di chi viene narrato.


Si delinea così uno spazio magico, ancestrale e sacro, che diventa cifrario per la comprensione della contemporaneità, gravido di visioni, di parole, di possibilità.

“La capacità di dialogo e di analisi dell'universo femminile – dice Raffaele Bonsignore, presidente di Fondazione Sicilia – è un elemento imprescindibile da cui partire per riflettere su nuove modalità comunicative. Con questo nuovo appuntamento di Intermezzo 2019, il racconto delle donne diventa una vera e propria chiave di lettura del contemporaneo.”

Unopertreugualesette di Lina Fucà sarà visitabile fino al 6 novembre.

Intermezzo 2019 proseguirà con altri due appuntamenti: Elisabetta Benassi (7 novembre) e Gili Lavy (20 dicembre)


Photo Courtesy Galleria Giorgio Persano Torino


Lina Fucà

È nata a Torino nel 1972. Dopo aver frequentato il liceo artistico, si iscrive all’accademia di Belle Arti di Torino, diplomandosi in pittura. Negli stessi anni inizia a compiere performance di pittura dal vivo con il gruppo teatrale “Il barrito degli angeli”. Questa esperienza amplifica l’attitudine dell’artista a far dialogare la propria pratica figurativa con altre forme espressive quali teatro, musica e video.
L’evoluzione naturale della dinamica relazione la porta ad occuparsi di scenografia e costumi con numerose realtà della scena teatrale e cinematografica indipendente. L’interazione fra diversi linguaggi è divenuta in questi ultimi anni la caratteristica della ricerca di Lina Fucà, che parte innanzitutto da una riflessione sulla percezione di sé in rapporto alla percezione degli altri.
Ne sono testimonianza le opere presentate alla Galleria Giorgio Persano (2016), dove sono state esposte, in una mostra personale, alcuni lavori che sono il risultato di un intreccio che prende corpo in forme e modalità visive poliedriche. Nello stesso anno, la Fondazione Merz offre a Lina Fucà una residenza artistica a Cuba. Da questa esperienza nasce l'opera Non bastano un milione di passi, riflessione sull'incontro con l'isola caraibica dove si intrecciano fotografia, video e forme arcaiche di costruzione. Con la Galleria Giorgio Persano partecipa a due importanti fiere internazionali d'arte contemporanea: alle edizioni di Artissima a Torino del 2013, 2015 e 2016 e all'edizione del 2017 di ARCO a Madrid. Tra maggio e dicembre del 2017 l'Istituto Italiano di Cultura di Madrid ospita una sua mostra personale dal titolo Entre las lìneas de mis fronteras. Quest'anno ha inaugurato presso la Fondazione Merz la mostra Solo da bambini insieme al regista Daniele Gaglianone e all'artista Paolo Leonardo.