Inside Outside / Petra Blaisse – A Retrospective

Roma - 24/02/2022 : 08/05/2022

Inside Outside / Petra Blaisse. A Retrospective è un intervento site-specific costituito da una morbida architettura, che crea l’illusione di una falsa prospettiva e consente di percepire lo spazio in maniera inedita.

Informazioni

Comunicato stampa

Inside Outside / Petra Blaisse. A Retrospective è un intervento site-specific costituito da una morbida architettura, che crea l’illusione di una falsa prospettiva e consente di percepire lo spazio in maniera inedita.
L’installazione, in piazza Alighiero Boetti e nella lobby del museo dal 24 febbraio 2022, si compone di più elementi che raccontano 20 anni di storia dello studio Inside Outside, fondato ad Amsterdam nel 1991 da Petra Blaisse e riconosciuto nel mondo per il contributo innovativo nella progettazione di architettura del paesaggio e di mostre (tra cui al MAXXI la recente Una storia per il futuro

10 anni di MAXXI, inaugurata nel marzo del 2021).

Nella piazza, due grandi tende semitrasparenti in pvc e voile, alte 11 metri e lunghe 30, creano un corridoio da attraversare per immergersi nel lavoro dello studio, una sorta di museo a cielo aperto che mette in scena 70 progetti, tra cui Il parco Biblioteca degli Alberi, landmark e cuore verde dello skyline innovativo di Milano realizzato nel 2018, il parco commemorativo della tragedia del Polcevera, primo passo del grande progetto di rigenerazione urbana per Genova in collaborazione con lo Studio Stefano Boeri o lo spettacolare e cinetico allestimento espositivo presso la Humboldt University a Berlino. I progetti esposti raccontano la mutabile relazione tra interno ed esterno, tema centrale per lo Studio che, non a caso, si chiama Inside Outside, affrontato sempre con un approccio interdisciplinare, spaziando tra diversi campi, combinando tecnologia e arti applicate.
Nella lobby, disposti su un grande tavolo in continuità visiva con l’esterno, sono esposti alcuni tra i modelli più iconici dello Studio, tra cui quello dell’articolato e immersivo allestimento per la mostra A story for the future o il modello per la Biblioteca Lochal a Tilburg, in Olanda, con le altissime tende che disegnano gli spazi interni come morbide pareti.
Completa l’installazione una trama di linee a terra che si intersecano, si incrociano e, come direttrici di movimento, attraversano l’intera piazza e l’intera lobby, creando così, ancora una volta, una connessione tra il dentro e il fuori e un esplicito riferimento al progetto della Biblioteca degli Alberi a Milano.

Quella del MAXXI è l’ultima tappa di questo progetto itinerante di Inside Outside, ripensato per i divesri spazi in ogni singolo allestimento. Dopo essere stato espoto all’ETH di Zurigo (2018) e alla Triennale di Milano (2020), ora si ri modella per dialogare con gli spazxi disegnati da Zaha Hadid ed entrare a far parte delle Collezioni di architettura del museo.
“A Retrospective” è un progetto prodotto da mostre gta, Dipartimento di Architettura, ETH Zurigo; curatori: Fredi Fischli e Niels Olsen

Petra Blaisse ha iniziato la sua carriera nel 1978 allo Stedelijk Museum di Amsterdam, nel dipartimento di arti applicate.Dal 1986 in poi, ha lavorato come exhibition designer freelance, distinguendosi per le sue installazioni di opere architettoniche. Successivamente, la sua attenzione si è spostata in maniera graduale sull'uso di tessuti, della luce e delle finiture nello spazio interno e, allo stesso tempo, sulla progettazione di giardini e paesaggi. Nel 1991 ha fondato Inside Outside. L’attività dello studio si muove attraverso una moltitudine di aree creative, tra cui il design tessile, paesaggistico ed espositivo. Negli anni si sono uniti a lei specialisti di varie discipline e attualmente il team è composto da una decina di persone di diverse professioni e nazionalità.
Inside Outside ha collaborato con vari architetti e designer. Blaisse ha tenuto conferenze e insegnato in Europa, Asia e Stati Uniti. Il suo lavoro è stato incluso in numerose mostre di design e architettura a livello internazionale. Nel 2000 è stata organizzata una personale sul lavoro di Inside Outside allo Storefront for Art and Architecture di Soho, New York, per la quale la graphic designer olandese Irma Boom ha creato la prima pubblicazione di Blaisse, il catalogo "Movements, 25%".