Inediti

Torino - 06/03/2014 : 29/03/2014

La rassegna pone all’attenzione del pubblico lavori e installazioni realizzate da artisti di galleria in occasione di mostre personali, collettive, fiere in Italia e all’estero nel corso dell’ultimo biennio e mai mostrati negli spazi di Via Cervino 16, per i quali sono stati ripensati appositamente con allestimenti site specific.

Informazioni

Comunicato stampa

Inediti è il titolo della mostra che inaugura il 6 marzo 2014 presso la Gagliardi Art System di Torino.

La rassegna pone all’attenzione del pubblico lavori e installazioni realizzate da artisti di galleria in occasione di mostre personali, collettive, fiere in Italia e all’estero nel corso dell’ultimo biennio e mai mostrati negli spazi di Via Cervino 16, per i quali sono stati ripensati appositamente con allestimenti site specific



Paola Risoli presenta l’installazione In Matisse - composta da due bidoni, 4 fotografie e proiezioni da webcam - espressamente ideata per la mostra Bonjour Monsieur Matisse, realizzata dal MAMAC di Nizza nel giugno 2013 per il cinquantesimo anno dalla fondazione del Museo Matisse.

Jelena Vasiljev occupa gli spazi della hall con l’installazione Mi chiamo Jelena Vasiljev, come chiunque nata da tre diverse azioni perfomative realizzate nell'arco di una sola giornata, in luoghi e momenti diversi, nella città di Varazdin (Croazia) nel 2011, durante il Festival della Performance e successivamente presentata presso diverse sedi e istituzioni in Corea nel settembre 2012.

Di Margot Quan Knight verranno esposti i video Surface scelti per la mostra -recentemente conclusasi con grande successo di critica e pubblica - L’Altro Ritratto al Mart di Rovereto, mentre di Davide Coltro verrà esposta l’installazione Crux presentata nella chiesa San Raffaele di Milano nell’aprile 2013.

Richi Ferrero espone per la prima volta Sole Bianco, Sole Nero e Passaggio in bianco: « Piazze, strade, fiumi, colline, questi per molti anni sono stati i miei palcoscenici, le tele sulle quali dipingere le mie visioni, le pagine della mia drammaturgia urbana. Oggi giro il binocolo al contrario e creo installazioni come quadri intimi, non più destinati alla visione gratuita dei cittadini ma di chi intimamente vuole prenderseli, possederli, metterli in mostra per se stessi, com'è l'arte appesa ai muri »

Completano l’esposizone opere di Glaser/Kunz, Daniele D’Acquisto, Aurore Valade e i video La memoria dell’acqua dell’artista iraniano Ahmad Nejad.

Inediti is the title of the exhibition opening on March 6th, 2014 at Gagliardi Art System, Turin.

This group show is intended to draw the public’s attention towards works and installations created by our gallery artists for solo shows, group shows, and art fairs in Italy and abroad over the last two years, which have never been exhibited in the spaces of Via Cervino 16. They have been redesigned as site-specific works to suit these spaces.

Paola Risoli presents her installation In Matisse – comprising two cans, 4 photographs and webcam footage – which she conceived especially for the exhibition Bonjour Monsieur Matisse, produced by the MAMAC museum in Nice in June 2013, to celebrate 50 years from the foundation of the Matisse Museum.

Jelena Vasiljev occupies the hall space with her installation Mi chiamo Jelena Vasiljev, come chiunque [My name, like anyone’s name, is Jelena Vasiljev]. The work is the product of three different performances she staged over one day, in different places and at different times, in the city of Varazdin (Croatia) in 2011, during the Performance Festival, and subsequently presented at different venues and institutions in Korea, in September 2012.

Margot Quan Knight is featured with her Surface videos, selected for the exhibition L’Altro Ritratto [The Other Portrait] at the Mart museum in Rovereto, which has recently closed with great critical acclaim and success with the public, while Davide Coltro presents his installation Crux, previously shown at Milan’s San Raffaele church in April 2013.

Richi Ferrero will exhibit his Sole Bianco, Sole Nero and Passaggio in bianco for the first time: «Squares, streets, rivers, hills - for many years they have been my stages, the canvases on which to paint my visions, the pages of my urban theater. Today I turn my binoculars backwards, creating installations that are like inward paintings, no longer made to be looked at for free by citizens in general, but by those who really want to appropriate them intimately, to own them, and exhibit them for what they are, works of art hanging on the walls»

The show is completed by the works of Glaser/Kunz, Daniele D’Acquisto, Aurore Valade and the video series La memoria dell’acqua [The memory of water] by Iranian artist Ahmad Nejad.