Incontro con Tommaso Pincio

Rivoli - 23/11/2011 : 23/11/2011

Il Castello di Rivoli presenta il secondo evento del progetto Le Scatole Viventi/The Living Boxes curato da Andrea Bellini. L'appuntamento vede protagonista lo scrittore Tommaso Pincio che propone ai visitatori un dialogo sulle opere di Luigi Ontani, Stefano Arienti, Maurizio Cattelan, Francesco Clemente, Gino De Dominicis, Emilio Isgrò, Liliana Moro, Emilio Prini e Salvo.

Informazioni

Comunicato stampa

Il Presidente e i Direttori del Castello di Rivoli invitano all'evento -€“ incontro con Tommaso Pincio mercoledì 23 novembre alle 18, Manica Lunga, Castello di Rivoli

Il Castello di Rivoli presenta il secondo evento del progetto Le Scatole Viventi/The Living Boxes curato da Andrea Bellini. L'appuntamento vede protagonista lo scrittore Tommaso Pincio che propone ai visitatori un dialogo sulle opere di Luigi Ontani, Stefano Arienti, Maurizio Cattelan, Francesco Clemente, Gino De Dominicis, Emilio Isgrò, Liliana Moro, Emilio Prini e Salvo.
Pincio così anticipa il proprio intervento dal titolo PERCHÉ IO SO' IO


"Carlo Emilio Gadda lo chiamava il pidocchio dell'anima e può darsi avesse ragione. Ma per pidocchio che possa essere, l'io resta comunque un architrave importante del nostro carattere nazionale. L'io (non l'uomo dunque): questa è, per l'Italiano, la vera misura di tutte le cose. Portato alle estreme conseguenze, come spesso e fatalmente capita in arte, l'io può diventare talmente smisurato da inglobarle, le cose, annichilendole, riducendole a nulla."

La realizzazione del progetto Le Scatole Viventi è resa possibile grazie al sostegno di Pernod Ricard Italia S.p.A. e al contributo speciale della Fondazione CRT.



The Chairman and the Directors of Castello di Rivoli Museum of Contemporary Art are pleased to invite you to the conversation with Tommaso Pincio Wednesday November 23 at 6 pm, Manica Lunga, Castello di Rivoli

The Castello di Rivoli presents the second event in the Le Scatole Viventi/The Living Boxes project curated by Andrea Bellini. The appointment sees a writer as its protagonist, Tommaso Pincio, who offers visitors a dialogue on the works of Luigi Ontani, Stefano Arienti, Maurizio Cattelan, Francesco Clemente, Gino De Dominicis, Emilio Isgrò, Liliana Moro, Emilio Prini and Salvo.
Pincio anticipates his contribution in these words, under the title of BECAUSE I'M ME.
"Carlo Emilio Gadda called it the soul's flea and maybe he was right. But however much a flea it might be, the self remains an important pilaster of our national character. The self (and not the man, therefore): for an Italian, this is the true measure of all things. Taken to its extreme consequences, as often and inevitably happens in art, the self can become so enlarged as to swallow up things, annihilating them and reducing them to nothing."

The Le Scatole Viventi / The Living Boxes project has been made possible thanks to the support of Pernod Ricard Italia S.p.A. and the special contribution of the Fondazione CRT.