In viaggio con don Cuba

Firenze - 04/03/2014 : 04/04/2014

I sei mesi in moto che portarono don Danilo Cubattoli a celebrare la messa in cima al Kilimangiaro. In una mostra con foto e documenti inediti dal suo archivio scoperto lo scorso anno. Esposta la mitica motocicletta del Sacerdote.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO MEDICI RICCARDI
  • Indirizzo: Via Camillo Benso Conte Di Cavour 3 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 04/03/2014 - al 04/04/2014
  • Vernissage: 04/03/2014 ore 18
  • Generi: documentaria

Comunicato stampa

Esposta la mitica motocicletta del Sacerdote
Sarà inaugurata martedì 4 marzo alle ore 18 nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi la mostra “In viaggio con don Cuba”, esposizione che ripercorre la vita e l’opera del Sacerdote fiorentino attraverso fotografie, documenti inediti, testimonianze di amici e parenti. Un percorso che ricostruisce l’epico viaggio in sella ad una motocicletta che, sessanta anni fa, lo condusse in cima alla vetta del Kilimangiaro per celebrare una messa in onore di tutti i lavoratori del mondo


Alla presentazione, che si svolgerà martedì 4 marzo alle ore 17 nella sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi, saranno presenti fra gli altri Andrea Barducci, Presidente della Provincia di Firenze, Lapo Mazzei e Stefano Ugolini, grandi amici di don Cuba.
Per rendere omaggio al sacerdote, interverrà anche un altro grande fiorentino, Nano Campeggi, amico e coetaneo di don Cuba, illustratore delle locandine dei film più celebri di Hollywood fra il Dopoguerra e gli anni Settanta, da Via col Vento a Casablanca a Colazione da Tiffany.

L’inaugurazione sarà preceduta da una conferenza stampa che si svolgerà martedì 4 marzo alle ore 11.30, all’interno della Galleria delle Carrozze, a Palazzo Medici Riccardi, per offrire ai giornalisti un’anteprima della mostra “In viaggio con don Cuba”. Interverranno Stefano Ugolini, il ragazzo di San Frediano che accompagnò il sacerdote nel viaggio verso il Kilimangiaro, Ghita Vogel, fondatrice della casa famiglia in San Frediano, e Antonio Fusi, organizzatore della recente spedizione verso la montagna più alta dell’Africa sulle orme di don Cuba.