Il tempo Serenissimo. Gli orologi della Querini Stampalia

Venezia - 12/03/2015 : 03/05/2015

L’occasione per presentare e ammirare i rari manufatti, di recente restituiti al loro antico splendore, è l'incontro organizzato in Fondazione.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA
  • Indirizzo: Campo Santa Maria Formosa 5252 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 12/03/2015 - al 03/05/2015
  • Vernissage: 12/03/2015 ore 17
  • Generi: presentazione, incontro – conferenza
  • Orari: 5 orologi, 5 brani, 1 museo di Mauro Sambo, è visibile negli spazi del Museo della Fondazione Querini Stampalia dal 13 marzo al 3 maggio 2015, tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 10 alle 18

Comunicato stampa

Il tempo Serenissimo.
Gli orologi della Querini Stampalia

Fondazione Querini Stampalia, Venezia
13 marzo – 3 maggio 2015

Che cos'è il tempo?
Come scrive Sant'Agostino “Se nessuno me lo chiede, lo so; se dovessi spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so; eppure posso affermare con sicurezza di sapere che se nulla passasse, non esisterebbe un passato; se nulla sopraggiungesse, non vi sarebbe un futuro: se nulla esistesse, non vi sarebbe un presente”


Il tempo non solo scandisce la vita, ma stabilisce l'essenza stessa dell'esistenza e gli strumenti per misurarlo sono sempre stati, attraverso i secoli, oggetto di desiderio.
Il loro fascino si lega alla ricchezza di materiali e alle minuziose rifiniture, alla rarità dei pezzi e alla raffinatezza delle decorazioni: tutte tessere di una storia, quella dell'orologeria, che si inserisce in quelle più ampie della scienza, della tecnologia, delle arti applicate.

Nella Casa Museo della Querini Stampalia, testimone dello svolgersi della vita familiare nel corso del XVIII secolo, non poteva mancare una preziosa raccolta di orologi da arredo, soprattutto di manifattura francese, risalenti al Sette-Ottocento.
Un campionario di quel “tempo chiuso in una scatola”, con cui i Querini abbellivano gli spazi domestici e in cui ogni singolo pezzo acquista significato, per il rapporto affettivo che vi si instaura, ma anche come documento di storia familiare.

L’occasione per presentare e ammirare i rari manufatti è il recente restauro che li ha restituiti al loro antico splendore, reso possibile grazie al contributo della Regione del Veneto e alla collaborazione di AXA Art Assicurazioni.

Per l'esposizione Il tempo Serenissimo. Gli orologi della Querini Stampalia l'artista veneziano Mauro Sambo ha realizzato l’installazione sonora site-specific '5 orologi, 5 brani, 1 museo', presente in Museo dal 13 marzo al 3 maggio 2015

Il progetto 5 orologi, 5 brani, 1 museo di Mauro Sambo, a cura di Chiara Bertola, vede l'artista veneziano confrontarsi ed entrare in relazione con gli spazi storici e gli antichi segnatempo della collezione Querini Stampalia in, come lui stesso dichiara: “un nuovo lavoro che ha a che fare in qualche modo con il racconto, con il tempo, con la memoria. Questi orologi, strumenti delicatissimi di misurazione del tempo, passati quasi indenni nel tempo e sopravvissuti a guerre e catastrofi, hanno segnato con il loro ticchettio proprio quelle guerre e quelle catastrofi.
Se in qualche modo potessi registrare il rintocco di quelle ore drammatiche, chissà se il loro suono sarebbe leggermente diverso da quello attuale; forse quello che hanno sentito avrebbe lasciato traccia imprimendo nel suono una diversa identità emotiva... In effetti, quello che ho fatto con il suono degli orologi della Querini è un approccio molto vicino alla struttura del cinema e della letteratura...”

Mauro Sambo ha registrato separatamente i suoni dei cinque orologi, il suono dell’ambiente circostante ad ogni orologio, il ticchettio, il riverbero della suoneria, i battiti delle ore... Ha lavorato su quei suoni, mantenuti tali, manipolati, stravolti, filtrati, risuonati e ancora una volta resi “suoni altri”.
Ad ogni orologio ha abbinato un compositore che operava nella città e nel periodo della sua fabbricazione. Ha campionato delle brevi frasi, creato cellule ritmiche, costruito dei loop, rallentato e accelerato il tempo, modificato, ricomposto e “risuonato” il suono di quell’orologio con il suono di quel compositore cercando di accordare anche
il suono dell’orologio con quel tempo difficile e drammatico della storia che li ha visti testimoni.


1. Orologio in marmo verde e bronzo dorato al mercurio, raffigurante il carro di Diana
Manifattura Manfredini, Milano, primo quarto del XIX secolo
Compositore Domenico Cimarosa (Aversa 1749 - Venezia 1801)

2. Orologio in marmo bianco e bronzo dorato al mercurio, in forma di lira
Movimento di Nicolas Hanet, Parigi, inizi del XVIII secolo
Compositore Marc-Antoine Charpentier (Parigi 1634 - Parigi 1704)

3. Orologio in marmo bianco e bronzo dorato al mercurio, in forma di colonna con Amorino
Autore Michel-Pierre Barancourt, Parigi, ultimo quarto del XVIII secolo
Compositore Michel Corrette (Rouen 1707 - Parigi 1795)

4. Orologio in marmo bianco e bronzo dorato al mercurio, in forma di pozzo
Autore Michel-Pierre Barancourt, Parigi, fine del XVIII secolo
Compositore Luigi Cherubini (Firenze 1760 - Parigi 1842)

5. Orologio in legno di rovere, tartaruga, ottone con intarsio à la Boulle
Autore Jean-Baptiste Duchesne, Parigi, XVIII secolo
Compositore Giovanni Paisiello (Taranto 1740 - Napoli 1816)


L'installazione sonora 5 orologi, 5 brani, 1 museo di Mauro Sambo rientra nel progetto Conservare il Futuro, a cura di Chiara Bertola.
Con esso la Fondazione Querini Stampalia, da più di quindici anni, coinvolge artisti nazionali e internazionali invitandoli a pensare un nuovo lavoro che nasca soprattutto dalla relazione con lo spazio espositivo della Fondazione: dalle sale del Museo dove si trova da sempre esposta la collezione della famiglia, agli spazi più contemporanei dell’area Scarpa. Nella convinzione che lo sguardo degli artisti possa aiutare non solo a capire il tempo in cui viviamo, ma anche a vedere in modo diverso il nostro passato, le installazioni site-specific che ne emergono sono intessute di questa condizione di relatività e di confronto.