Il Postino. Salina la metafora della poesia

Roma - 18/10/2014 : 21/11/2014

L’esposizione si articola nella forma narrativa di uno story board attraverso i bozzetti delle scenografie di Lorenzo Baraldi e quelli dei costumi di Gianna Gissi, oltre alle foto di Mario Tursi.

Informazioni

Comunicato stampa

Secondo appuntamento della mostra itinerante “Il Postino. Salina, la metafora della poesia”, organizzata da Eventspuntocom in collaborazione con il Comune di Malfa e l’ANFE, che intende rendere omaggio a Massimo Troisi nella sua ultima prova attoriale, resa eroica dall’incombere di una malattia dall’esito incerto. Sappiamo poi com’è andata…


Salina è il luogo ospite della vicenda, dell’incontro tra il postino Ruoppolo (quasi un eteronimo dello stesso Troisi) e il poeta Neruda: e ci volle tutta l’ostinazione dello scenografo Lorenzo Baraldi per individuare, giusto vent’anni fa, quest’isola delle Eolie dalle caratteristiche ambientali e paesaggistiche ancora incontaminate, e dunque verosimili, per trasferirvi una storia collocata all’inizio degli anni Cinquanta. Non senza, però, l’incanto di una trasfigurazione poetica da opporre a facili tentazioni realiste o naturaliste, come quello di un improbabile colore rosa alle pareti nude dell’abitazione di Neruda: quel colore che informa tutto intero il film, e che costituisce la cifra della sua riconoscibilità stilistica.
La mostra, proveniente da Casa Sebastiano Lo Monaco di Pollara, è ora ospitata da La Nuova Pesa Centro per l’Arte contemporanea che, vale la pena di ricordare, è lo spazio dedicato alle arti visive di Simona Marchini, anche lei attrice di cinema e di teatro.
L’esposizione si articola nella forma narrativa di uno story board attraverso i bozzetti delle scenografie di Lorenzo Baraldi e quelli dei costumi di Gianna Gissi, oltre alle foto di Mario Tursi.