I Martedì Critici – Nunzio

Milano - 20/12/2011 : 20/12/2011

Ospite del terzo appuntamento de I Martedì Critici al Museo Pecci di Milano è Nunzio, uno dei massimi interpreti della scultura in chiave contemporanea italiani degli ultimi trent'anni.

Informazioni

Comunicato stampa

Ospite del terzo appuntamento de I Martedì Critici al Museo Pecci di Milano è Nunzio, uno dei massimi interpreti della scultura in chiave contemporanea italiani degli ultimi trent'anni. Di origine abruzzese, Nunzio è stato allievo di Toti Scialoja all'Accademia di Belle Arti di Roma, città nella quale si è formato artisticamente e dove tuttora ha studio presso l'ex pastificio Cerere, uno dei luoghi simbolo del fermento artistico nella Capitale dalla fine degli anni Ottanta

Nel corso di oltre trent'anni di ricerca, l'opera di Nunzio ha ottenuto un grande successo in Italia e all'estero e ricevuto vari riconoscimenti, tra i quali il Premio 2000 come miglior giovane artista alla Biennale di Venezia del 1986 e il Prize for Excellence alla seconda edizione della Biennale di Fujisankei in Giappone nel 1995.

Attraverso l'utilizzo di gessi, legni e metalli, la ricerca di Nunzio indaga la materia, le sue potenzialità di riconfigurazione spaziale e di visualizzazione del passaggio del tempo. Al tempo alludono infatti le scansioni ritmiche delle opere metalliche bidimensionali, ma soprattutto il legno combusto, impiegato in molte realizzazioni. Le bruciature, di burriana memoria, trasformano, il legno in un fossile, accelerando il naturale processo che nei secoli lo muta in carbone e imprimendo in esso un sapore archetipico e depositario di memoria arcaica. L'artista procede verso l'essenzialità della forma e del colore che libera il materiale dalla sua connotazione estetica o l'oggetto dalla sua funzione, in questo modo la scultura si carica di significati simbolici che ne accentuano il carattere totemico.