I costruttori del vetro #2 – Daniele Maffeis

Milano - 08/10/2015 : 10/11/2015

La mostra è incentrata sull’odierna architettura di vetro vista attraverso il filtro retrogrado dell’utopia del vetro-cristallo che contraddistinse gli architetti espressionisti raccoltisi attorno alla figura di Bruno Taut (1880-1938).

Informazioni

  • Luogo: ASSAB ONE
  • Indirizzo: Via Assab 1 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 08/10/2015 - al 10/11/2015
  • Vernissage: 08/10/2015 ore 18,30
  • Autori: Daniele Maffeis
  • Curatori: Alessandra Pioselli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al venerdì dalle 15:00 alle 18:30

Comunicato stampa

Giovedì 8 ottobre 2015 si inaugura ad ASSAB ONE la mostra I costruttori del vetro #2. Sparkling like pyramids di Daniele Maffeis, con il contributo straordinario dello storico e ricercatore Takashi Sagishi. La mostra è incentrata sull’odierna architettura di vetro vista attraverso il filtro retrogrado dell’utopia del vetro-cristallo che contraddistinse gli architetti espressionisti raccoltisi attorno alla figura di Bruno Taut (1880-1938).

Punto di partenza sono quattro racconti di Paul Scheerbart (1863-1915), scrittore, inventore, saggista visionario, precursore e ispiratore del gruppo degli architetti espressionisti della cosiddetta Gläserne Kette (Catena di vetro)

Scheerbart era convinto che l’architettura avesse la possibilità e il dovere morale di operare un radicale rinnovamento della civiltà umana: strumento di tale rinnovamento doveva essere la sostituzione del ‘sudicio mattone’ con la luminosità del vetro architettonico. I quattro racconti di Scheerbart sono il pretesto per organizzare in forma visiva e verbale un gioco di riferimenti incrociati tra l’espressionismo architettonico dei primi del Novecento e l’architettura di vetro contemporanea, con particolare riferimento a Milano e alle sue recenti evoluzioni urbanistiche.

In mostra saranno presenti rendering 3D di grandi dimensioni, disegni, un modellino in plexiglass, tavoli-scultura con frammenti testuali e fotografici. Come una sorta di puzzle o di scatole cinesi, l’allestimento orchestrato da Daniele Maffeis si contamina e si perde in continui riferimenti tra passato e presente, in un equilibrio incerto tra accuratezza storica e contraffazione, tra rigore archivistico e simulazione.

Il progetto si avvale della partecipazione straordinaria di Takashi Sagishi, conoscitore dell’opera di Scheerbart, che terrà una conferenza pubblica giovedì 8 ottobre alle ore 18:30 in occasione dell’inaugurazione. All’interno della mostra sarà presentata inoltre una piccola rassegna storica frutto della collaborazione tra Takashi Sagishi (curatela e materiale d’archivio) e Daniele Maffeis (allestimento) incentrata su alcuni topoi architettonico-narrativi ricorrenti nella produzione degli esponenti all’utopia del vetro: Apocalisse architettonica, Metamorfosi architettonica, Eroismo ed erotismo del costruire.

La mostra è accompagnata da una pubblicazione di Kunstverein Publishing che comprende i 4 racconti inediti di Paul Scheerbart.