Ho Tzu Nyen – R for Resonance

Bolzano - 31/05/2020 : 25/07/2020

Nella sua prima mostra personale in una istituzione italiana, l’artista Ho Tzu Nyen presenta R for Resonance, l’ultima integrazione al suo progetto in divenire dal titolo The Critical Dictionary of Southeast Asia (CDOSEA).

Informazioni

Comunicato stampa

Nella sua prima mostra personale in una istituzione italiana, l’artista Ho Tzu Nyen presenta R for Resonance, l’ultima integrazione al suo progetto in divenire dal titolo The Critical Dictionary of Southeast Asia (CDOSEA).

Iniziato nel 2012, CDOSEA è un progetto di ricerca a lungo termine sul “Southeast Asia”, il Sudest asiatico, regione di provenienza dell’artista e identità geografica forgiata e imposta dai poteri coloniali Britannici negli anni ’40 come modo per unire ed amministrare un vasto territorio popolato da comunità con lingue, credenze e organizzazioni sociopolitiche differenti

Espandendo costantemente il CDOSEA Ho Tzu Nyen produce un approccio metodologico sostenibile che gli permette di portare avanti un’indagine critica continua sull’identità di una regione modellata da confini confusi.

R for Resonance si articola in un’esperienza di realtà virtuale (VR), un audio-video installazione ed un wall text editato appositamente per l’iterazione ad ar/ge kunst: un ambiente composito che scandisce l’incontro del pubblico con i diversi livelli di significato dell’opera e con la complessità della pratica artistica che attraversa vari media e discipline come film, teatro, musica e scrittura.

Ho Tzu Nyen esplora il fenomeno della risonanza come qualità associata con il suono del gong, uno strumento in bronzo utilizzato in tutta la regione per accompagnare musicalmente i rituali spirituali e sociali. La risonanza è proposta quindi come “motore concettuale principale” attraverso cui poter pensare il Sudest asiatico e le relazioni tra tutti i suoi elementi. In questo contesto la realtà virtuale opera come una macchina editoriale immersiva che favorisce forme di comprensione “altre” rispetto all’intelletto; si tratta di una tecnologia che asseconda una forma di conoscenza fisica, cognitiva ed empatica e permette di muoversi attraverso il groviglio di soggetti, viventi e non, paesaggi e materiali, climi e storie che popolano e costituiscono il Southeast Asia.


Biografia
Ho Tzu Nyen ha studiato arti figurative al Victorian College of the Arts di Melbourne e Studi sul Sudest asiatico alla National University di Singapore. Mostre personali includono, tra le altre: Artspace, Sydney (2011); Mori Art Museum, Tokyo (2012); Asia Art Archive, Hong Kong (2017); McaM, Shanghai (2018); TPAM, Yokohama (2018); Edith Russ Haus, Oldenburg (2019). Nel 2011 Ho Tzu Nyen ha rappresentato Singapore alla 54esima Biennale di Venezia. Recenti mostre collettive comprendono: 10. Shanghai Biennial (2014); Guggenheim, Bilbao (2015); Guggenheim, New York (2016); QAGOMA, Brisbane (2016); House of World Cultures, Berlin (2017); Dhaka Art Summit, Dhaka (2018); Gwangju Biennial, Gwangju (2018); National Gallery, Singapore (2018); Sharjah Biennial 14 (2019). Nel Dicembre 2019 Ho Tzu Nyen è stato menzionato nella Power 100 di Artreview, la classifica delle personalità più influenti nel mondo dell’arte contemporanea.


PROGRAMMA PUBBLICO

AR/GE KUNST MATINÉE
22.02.2020, ore 11
Conversazione tra Ho Tzu Nyen e il direttore artistico di ar/ge kunst Emanuele Guidi


SAVOIR-VIVRE #5
LEGNO DI RISONANZA - WORKSHOP
25.03.2020, ore 18 – 20

con i liutai Thomas Orgler e Nikolaus Eilken (Thomas Guitars, Bolzano)
a cura di BAU
partecipanti max. 20 persone
partecipazione gratuita
Lingua Ita / Deu
registrazione tramite [email protected]


Nell'attuale mostra R for Resonance dell'artista Ho Tzu Nyen, i visitatori si immergono in un mondo virtuale che utilizza come punto di partenza il gong, uno strumento che accomuna società e individui attraverso la musica rituale. L’artista concepisce una sequenza di immagini attraverso la risonanza invece che attraverso linee logiche.

Questa esplorazione della risonanza ci porta nelle foreste del Latemar, dove i liutai Thomas Orgler e Nikolaus Eilken (Thomas Guitars) vanno ogni anno alla ricerca di legno sonoro. Abeti rossi vecchi di 300 anni vengono bussati, marcati e poi abbattuti nella giusta fase lunare nel periodo invernale. Durante il corso del workshop viene esplorata la costruzione di uno strumento musicale e i partecipanti saranno guidati nel far suonare un pezzo di legno.

Il Legno di Risonanza - Workshop fa parte della serie di workshops savoir-vivre concepiti a partire del programma espositivo. Il titolo savoir-vivre è una rilettura dei concetti di savoir/pouvoir come concepiti da Gayatri Spivak, una delle figure fondatrici del pensiero femminista post-coloniale; dove sapere non è più esclusivamente connesso a un’idea di potere ma anche all’ “essere in grado di” (being able to / pouvoir). Attraverso questa combinazione di verbi, l’istituzione è considerata uno spazio pubblico di azione, dove l’esplorazione di diverse abilità e competenze permette la produzione di un sapere collettivo.



Con il gentile supporto di:
Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Cultura
Fondazione Cassa di Risparmio, Sudtirolo
Comune di Bolzano, Ripartizione Cultura
Dr Schär