Hard Media

Catanzaro Lido - 18/10/2013 : 18/10/2013

Che cos'è la pornografia? Un mero fenomeno sociologico o addirittura una categoria estetica. E soprattutto, com'è cambiata la rappresentazione pornografica negli ultimi anni con l'evoluzione dei media? Ne parlano a Catanzaro Bruno Di Marino e Marco Meneguzzo.

Informazioni

Comunicato stampa

Da due secoli a oggi, il superamento del concetto di bellezza in senso classico ha creato una nuova coscienza del gusto, in cui rientra la rappresentazione tanto della violenza e dell’orrido, quanto della sessualità, in tutte le sue forme, anche di perversione. Bruno Di Marino riconduce l’ingresso dell’immagine pornografica nel mondo dell’arte moderna al 1866 quando Gustave Courbet dipinse L’origine del mondo

A partire da quella data, l’arte, liberata dai parametri sociali del buon gusto, ha potuto accedere alla dimensione dell’eccesso, del non rappresentabile e quindi anche del pornografico, ma è soprattutto negli ultimi decenni che si è assistito al moltiplicarsi di immagini di carattere spiccatamente porno nei diversi ambiti delle arti visive, e tra questi anche la performance e il video, linguaggio d'elezione della pornografia moderna. L’autore approfondisce inoltre come anche nel mondo del cinema il soggetto pornografico abbia subito notevoli cambiamenti, soprattutto sotto l’aspetto della fruizione di video o film hard. Un cambiamento registrato nell'ultimo decennio e soprattutto legato al web, che ha apportato una nuova rivoluzione nella diffusione e uno stravolgimento superiore a quanto avvenuto per altre tipologie di immagine in movimento, sdoganando il porno come genere vero e proprio. Il saggio illustra attraverso rimandi a critici, artisti, opere, attori, film-maker come l’immagine hard si sia sviluppata e diffusa nell’ambito delle arti visive e del cinema, fino a giungere al web, mezzo attraverso il quale l’immaginario hard, la sua produzione e fruizione si sono aperti al largo pubblico.

L’AUTORE
Bruno Di Marino è uno studioso dell’immagine in movimento, specializzato in sperimentazione audiovisiva, nuovi media e rapporti tra il cinema e gli altri ambiti artistici. È ricercatore in “Discipline dello Spettacolo” presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione della UTIU (Università Telematica Internazionale) di Roma. Come critico è titolare di rubriche sulle riviste “Alias” (supplemento settimanale de “Il Manifesto”), “Exibart on paper” e “Segnocinema”. È consulente delle edizioni Rarovideo e curatore della collana di dvd “Interferenze”. Ha organizzato diversi festival, rassegne e retrospettive in Italia e all’estero. Ha curato decine di pubblicazioni e scritto numerosi saggi, tradotti anche all’estero. Come autore televisivo e consulente del canale satellitare di RaisatArt ha realizzato alcuni documentari.