Gun Time

Bologna - 26/01/2013 : 26/01/2013

Il misticismo magico del film girato in Mali (Kempinski) ancora una volta si apre con lo stesso dubbio stavolta però, aiutandoci a scalfire attraverso la duplice componente di realtà/finzione, gli stereotipi sull'Africanismo e suggerendo un'idea di futuro(afro) scollegata dalle cosmologie occidentali.

Informazioni

  • Luogo: CINEMA LUMIERE
  • Indirizzo: Piazzetta Pasolini - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 26/01/2013 - al 26/01/2013
  • Vernissage: 26/01/2013 ore 18
  • Generi: serata – evento, cinema
  • Biglietti: Tariffe: Interi € 6,00 Riduzioni Sostenitori Lumière, Amici e Sostenitori della Cineteca € 4,50 AGIS (no festivi) € 5,00 Studenti e Carta Giovani (no sabato e festivi), Over 60 € 4,00

Comunicato stampa

GUN TIME

a cura di Martina Angelotti
PLOT POINT (Belgio/2007) di Nicolas Provost (15')
LKN CONFIDENTIAL (Belgio-Italia/2010) di Zimmerfrei (40')
KEMPINSKI (Francia-Mali/2007) di Neïl Beloufa (14')
Si prova sempre una certa difficoltà a staccarsi dalle definizioni linguistiche che legano un film a connotazioni specifiche di documentario, fiction, non-fiction

Qui si comincia da un dove più che da un come, che ci porta prima a New York (Plot Point) a ripescare nella nostra memoria suoni e immagini di tempi cinematografici mischiati, per poi tornare in Europa, a Bruxelles (LKN Confidential), dove la narrazione del lento tempo di una strada cittadina, ci induce continuamente a chiederci se questa è la realtà. È tutto vero? Il misticismo magico del film girato in Mali (Kempinski) ancora una volta si apre con lo stesso dubbio stavolta però, aiutandoci a scalfire attraverso la duplice componente di realtà/finzione, gli stereotipi sull'Africanismo e suggerendo un'idea di futuro(afro) scollegata dalle cosmologie occidentali.
Al termine, incontro con Martina Angelotti e ZimmerFrei