Guido Mascagni – La crisi come peste

Bologna - 08/12/2011 : 08/12/2011

Questo suo intervento presso la galleria Spazio Testoni è un omaggio alla mostra in corso.

Informazioni

Comunicato stampa

Guido Mascagni
“La crisi come peste – Il Default della morale”


Il medico della Peste


“Ogni peste ha i suoi contagi, le sue vittime e - va da sé - i suoi untori, questi ultimi rigorosamente celati quando non addirittura spacciati per inesistenti. Ma come non esiste peste senza uno sconvolgimento sociale che spesso raggiunge proporzioni colossali, così non si danno untori senza un piano e un mandante

Ieri come oggi la peste, la crisi, lungi dall'essere una mera questione batterica o finanziaria rivelano il tentativo di mantenere i rapporti di potere immutati, di cambiare gattopardescamente tutto per non cambiare niente a scapito del più debole, dell'oppresso. Un'operazione pandemico-criminale in cui il più autentico default è quello della morale, così come ben dimostrato dai veri ospiti della serata, Boccaccio e Manzoni.”
Guido Mascagni

GUIDO MASCAGNI, italianista, ricercatore universitario e divulgatore bolognese impegnato principalmente nel settore dell’Educazione Permanente, è anche scrittore e pubblicista. Del suo campo di studi svolti tra l’Italia e gli USA (dove ha insegnato a lungo presso università prestigiose quali Ohio State, Rutgers, Princeton ed altre) fanno parte la Medievistica e la Storia della musica.
Trasferitosi in Italia nei primi anni Novanta, ha collaborato e tuttora collabora con l’Università Primo Levi di Bologna in qualità di docente di Letteratura Italiana e Discipline Umanistiche, svolgendo in parallelo una fitta attività di conferenziere e conduttore di eventi che lo portano spesso sui palcoscenici di diverse località italiane e straniere.
Campi principali di interesse, Dante, Boccaccio e il Seicento barocco. Proprio prendendo spunto da questo ultimo periodo, nel 2006 Mascagni ha pubblicato con l’editore Perdisa di Bologna La chiave della peste, un romanzo tra lo storico e l’ironico ambientato in una futuribile Modena, il perno della narrazione proprio al centro di Piazza della Pomposa. Altre sue pubblicazioni vertono invece su vari aspetti storico-artistici della sua città, Bologna.
Ben conosciuto ormai per il suo approccio attualizzato all’opera dantesca e per la propria chiarezza espositiva, Guido Mascagni vive e lavora in un borghetto medievale della prima montagna bolognese.
Questo suo intervento presso la galleria SPAZIO TESTONI è un omaggio alla mostra in corso