Green Week delle Venezie

Trento - 17/03/2014 : 23/03/2014

Un laboratorio per la smart green revolution diffusa all’insegna di energia, paesaggio, trasporti, economia e sviluppo sostenibile.

Informazioni

Comunicato stampa

Padova, 6 marzo 2014 – La megalopoli delle Venezie diventa “intelligente”: dal 17 al 23 marzo, la Venice Region diventa vetrina internazionale della green economy in occasione della Green Week – promossa da VeneziePost con Ascopiave, Aspiag-Despar e Lattebusche in qualità di main partner – la cui terza edizione si sviluppa all’insegna del tema “Da smart cities a smart land”.

Per sette giorni, i maggiori esperti nazionali e internazionali del settore si incontreranno in 10 città delle Venezie: Montebelluna, Altavilla Vicentina, Villa del Conte, Padova, Vicenza, Treviso, Trieste, Trebaseleghe, Belluno, Trento

Energia, paesaggio, trasporti, economia e sviluppo sostenibile sono i grandi temi che verranno approfonditi con la partecipazione delle imprese più avanzate del territorio. Tra gli ospiti attesi per la Green Week: Louis Zacharilla cofondatore Intelligent Community Forum, John Mandyck presidente Urban Green Council, Federico Parolotto senior partner MIC-MObility in Chain e finalista Audi Urban Future Award; e ancora, Isabella Chiodi vicepresidente IBM Europa, Marco Palazzetti, amministratore Palazzetti, Andrea Bolla, amministratore delegato Vivigas, Aldo Bonomi sociologo e direttore Consorzio AAster, Marco Fratoddi direttore La Nuova Ecologia.

Il programma completo dell’edizione 2014 della Green Week delle Venezie è disponibile da oggi sul sito internet www.veneziegreen.it, dove è possibile visualizzare gli eventi in calendario, scoprire protagonisti e sezioni, e registrarsi agli appuntamenti di proprio interesse.

DA SMART CITIES A SMART LAND. La Green Week 2014 si presenta come manifestazione/laboratorio economico e culturale che propone nuove visioni sul futuro delle grandi aree metropolitane europee, a partire da quella che Eugenio Turri chiamava la “megalopoli padana”, di cui Le Venezie sono parte fondamentale. Il titolo della 3^ edizione, "Da Smart Cities a Smart Land", rinvia a un progetto elaborato da Fondazione Fabbri che pone il tema del passaggio da una visione di interventi locali sul tema della smart city a una visione ampia di territorio metropolitano.
Nonostante alcune non sottaciute criticità, infatti, le Venezie sono un territorio che vanta molti primati nel settore della green economy: tali primati sono testimoniati da ricerche e classifiche nazionali, che dimostrano lungimiranza, impegno e grande attenzione sul tema da parte delle aziende locali, dei cittadini e della pubblica amministrazione.
La green and smart revolution pone al centro delle dinamiche che intercorrono tra domanda e offerta il fattore sostenibilità, producendo vantaggi di mercato e di sistema dove la competitività si gioca soprattutto eliminando gli sprechi, siano essi di cibo o di energia, qualificando così il ruolo di quest’area sul piano nazionale e internazionale.

7 GIORNI, 10 CITTA’, 10 TEMI. Da lunedì 17 a domenica 23 marzo, la Green Week animerà 10 città delle Venezie, ciascuna delle quali svilupperà un tema specifico.

Montebelluna, Treviso | “Da smart city a smart land” (lunedì 17/03). La Green Week delle Venezie si aprirà a Montebelluna, comune particolarmente attento alle politiche sul paesaggio, con la presentazione del libro di Aldo Bonomi e Roberto Masiero Da Smart City a Smart Land (Marsilio Editori), che costituisce la riflessione teorica sulla quale si basa l’intera terza edizione della Green Week.
Anni di dibattiti sul tema delle Smart City, sui dispositivi di tempistica dei semafori o di pagamento dei parcheggi che renderebbero più o meno «intelligente» una città, hanno offuscato il significato di una rivoluzione tecnologica, ma soprattutto economica e sociale, che sta cambiando la configurazione stessa dei territori. A partire da questa riflessione, Aldo Bonomi e Roberto Masiero sviluppano temi e spunti in grado di gettare nuova luce sui cambiamenti in atto. Il dato comune è il disfacimento delle logiche «localistiche» che ancora oggi dominano gli interventi a livello territoriale di singoli comuni o enti pubblici, che invece andrebbero pensati perlomeno a livello di “megalopoli diffusa” come parte di una Smart Land. Per dare il senso di questa rivoluzione, oltre a guardare avanti, bisogna forse guardare al passato, e in particolare alla storia di Piero della Francesca e della sua opera, la Resurrezione, in cui Bonomi riconosce «la metafora potente del Rinascimento italiano che è stato sintesi e laboratorio di ciò che in questo testo chiamiamo l’intreccio funzionale tra Smart City e Smart Land».

Altavilla Vicentina, Vicenza | “Il futuro prossimo delle megalopoli intelligenti” (martedì 18/03). La Smart Land è anche capacità di gestire processi complessi su aree vaste che superano i confini amministrativi. Come si costruiscono nel mondo le “megalopoli intelligenti”, quali i progetti, le soluzioni tecnologiche che vengono sperimentate nel mondo? Alcuni dei principali esperti a livello internazionale racconteranno questi progetti e si confronteranno sul futuro che ci aspetta. Al termine dell’incontro, 10 aziende, che si sono distinte nel realizzare progetti di sostenibilità, ritireranno il “Premio Radical Green” e racconteranno le loro esperienze.

Villa del Conte, Padova | “Competere con la cultura della sostenibilità. Casa e mobile arredo tra incentivi, design e certificazioni” (mercoledì 19/03). Un convegno per mettere insieme tutti gli ingredienti che dovrebbero permettere all’industria del mobile e dell’abitare di competere a livello internazionale, al di là delle politiche degli incentivi che sono state messe in campo per sostenere un settore in crisi. Senza una nuova cultura della sostenibilità a 360°, forse, ogni altro intervento rischia di essere parziale e non risolvere i problemi strutturali di questo settore.

Padova | "La multimodalità nei trasporti di merci e persone" (giovedì 20/03). Cosa accade quando gli orari ferroviari non coincidono con gli orari dei tram, degli autobus o dei pullman? Quante ore vengono perse per le mancate coincidenze tra i vari mezzi che quotidianamente ognuno di noi usa per muoversi all'interno della città metropolitana dove operano decine di aziende di trasporto in cui ognuna si organizza sulla base delle sue esigenze? Come superare questi problemi dando vita, sia dal punto di vista tecnologico che da quello della governance, ad un sistema di multimodalità adeguato ad una smart land? Il confronto tra i massimi esperti cercherà di individuare le strade per superare questo annoso problema.

Vicenza | “Per una primavera etica: valori ed esperienze in un Veneto che cambia” (giovedì 20/03). Una serie di convegni sul tema della responsabilità sociale d'impresa e sulla responsabilità di territorio, curati da Veneto Responsabile, associazione sorta nel 2003 con l’intento di progettare e promuovere uno sviluppo del territorio Veneto virtuoso, sostenibile e condiviso, tramite percorsi che partono dal basso e favoriscono la costituzione di relazioni effettive e durature tra i diversi attori sociali, economici e istituzionali.

Treviso | “La raccolta porta a porta nelle grandi città” (venerdì 21/03). La città di Treviso sta affrontando in questi mesi la sfida della raccolta “porta a porta” dei rifiuti. Tale sfida è stata vinta negli scorsi anni soprattutto nei piccoli comuni, grazie anche a consorzi come Contarina Spa, che costituiscono case history d’eccellenza a livello europeo. Ma, nelle grandi città tutto si fa più difficile e, a oggi, solo pochi comuni - come per esempio Salerno - sono riusciti a superare le resistenze psicologiche e organizzative che permettono di avvicinarsi all’obiettivo dei “Rifiuti Zero”. Come affrontare tali questioni, come si approcciano le diverse città al problema, come costruire una rete di città italiane capaci di vincere questa sfida, come la affrontano realtà complesse come i grandi aeroporti o le grandi catene di supermercati? La giornata porterà idee, confronto, case history utili ai cittadini, agli amministratori pubblici di tutta Italia e agli specialisti del settore.

Trieste | “Energia e sviluppo. Quale futuro per il Paese?” (venerdì 21/03). Trieste si prepara alla terza edizione di Trieste Next–Salone Europeo della Ricerca Scientifica che sarà dedicato ai grandi temi dell’Energia. In occasione della Green Week, i più importanti esperti italiani in materia e alcuni imprenditori simbolo si confronteranno sul futuro dell’energia in questo Paese, sulle politiche energetiche e sulle nuove frontiere che la scienza sta percorrendo per vincere la sfida dell’energia pulita.

Federazione dei Comuni del Camposampierese, Padova | “Verso la smart land: il governo dei processi metropolitani” (sabato 22/03). Cosa significa costruire la smart land in un territorio come l’Italia dove esistono confini amministrativi, burocratici e centinaia di enti dove le competenze si assommano e sovrappongono? Come è possibile pensare a politiche di territorio funzionali alle esigenze del territorio stesso e dei suoi cittadini in un Paese dove non si riescono a realizzare da decenni nemmeno le città metropolitane? Nel “territorio simbolo” del Camposampierese, dove si è realizzata l’unica esperienza italiana virtuosa di Federazione degli 11 Comuni, si tenterà di ragionare sui modelli di governance di territori ampi cercando le vie, tra spinte dal basso e riforme istituzionali che ci si augura arrivino presto, per dare vita a una Smart Land capace di raggiungere gli obiettivi che Bonomi e Masiero indicano.

Belluno | “Montagna 2.0. Il futuro è smart” (sabato 22/03). Pensare la montagna come un luogo di opportunità e non di isolamento, una “smart mountain” armonicamente inserita nella “smart land”, è fondamentale per un territorio come quello italiano costituito per la gran parte da aree collinari o di montagna. L'incontro “Montagna 2.0. Il futuro è smart” rifletterà su questi temi cercando di comprendere come trasformare in risorsa le grandi energie positive che la montagna può esprimere.

Trento | “Digital life, laboratorio di stampomatica” (domenica 23/03). La Green Week conclude il suo percorso in un luogo simbolo della sostenibilità, il Museo delle Scienze di Trento (MUSE) progettato da Renzo Piano. Artigiani digitali e produzione sostenibile è il tema che fa da sfondo ad una riflessione che investe l’intreccio tra cultura, sostenibilità e manifattura. La nuova frontiera green passa soprattutto da quella dimensione “produttiva” che Stefano Micelli ha tracciato nel suo libro Futuro Artigiano (Marsilio Editori).

LA GREEN WEEK SULLA RETE. Punto di riferimento per aggiornamenti in progress sulla Green Week è il sito internet, www.veneziegreen.it, dove è possibile consultare il calendario degli eventi per data, luogo, relatore e sezione, registrarsi agli appuntamenti in programma e creare così il proprio calendario personalizzato. E’ anche attiva la comunità di Facebook (alla pagina ufficiale https://www.facebook.com/greenweekvenezie) e di Twitter, disponibile al profilo @VenezieGreen; hashtag ufficiale della manifestazione #veneziegreen14.

COME PARTECIPARE. Tutti gli eventi della Green Week sono a ingresso libero. Per avere garanzia di posto in sala, è sufficiente registrarsi sul sito internet, www.veneziegreen.it, nella sezione “Programma” e selezionare l’appuntamento di proprio interesse.

CREDITS.
La Green Week delle Venezie è promossa da Venezie Post
Content partners Fondazione Francesco Fabbri, GBC Italia
Main partners Ascopiave, Aspiag/Despar, Lattebusche
Media partners La Nuova Ecologia, ICMoving Channel, Marsilio
Con il sostegno di CNA Vicenza, Confindustria Belluno – Dolomiti, Contarina Spa, Federazione dei Comuni del Camposampierese, IBM,
Con il contributo di Etra, Stevanato Group, Ne-t by Telerete Nordest
Con la collaborazione di Associazione Veneto Responsabile, Lago Spa, Comune di Montebelluna, Comune di Trieste, Fondazione CUOA, MUSE-Museo delle Scienze
Con la partecipazione di ALEP, Gruppo Pleiadi
Mobility partner APS Holding