Giulio Bonivento – Trieste. Il mio luogo

Trieste - 01/07/2017 : 14/07/2017

Protagonista di questa selezione di fotografie è Trieste, città che Bonivento interpreta rigidamente in bianco e nero, con una scelta decisa del contrasto cromatico, spesso di taglio timbrico.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA CARTESIUS
  • Indirizzo: Via Carducci 10 - Trieste - Friuli-Venezia Giulia
  • Quando: dal 01/07/2017 - al 14/07/2017
  • Vernissage: 01/07/2017 ore 18
  • Autori: Giulio Bonivento
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: da mercoledì a sabato 10.30-12.30 e 16.30-19.30

Comunicato stampa

“TRIESTE-il mio luogo” è il titolo della Mostra fotografica di Giulio Bonivento che si inaugura Sabato 1 luglio alle ore 18 presso la Galleria d'Arte Cartesius di Trieste, in Via Carducci 10.
“Giulio Bonivento ritorna alla Cartesius -scrive Franco Rosso nella presentazione- con una nuova Mostra di fotografie che registra una tappa nuova e importante nella sua ricerca espressiva attraverso la fotografia: mette da parte l'aspetto documentaristico proprio dell'obiettivo fotografico per concentrarsi sulla componente creativa che distingue un fotografo-artista, ed in questo sta la mirabile evoluzione di questo chirurgo che sa anche fare cultura attraverso la fotografia

Protagonista di questa selezione di fotografie è Trieste, città che Bonivento interpreta rigidamente in bianco e nero, con una scelta decisa del contrasto cromatico, spesso di taglio timbrico. Bonivento ferma l'attimo con il suo obiettivo e lo fa coniugando lo stile sensitivo con quello immaginativo: ossia, riproduce la realtà ma secondo moduli espressivi di tipo onirico. La fotografia da sempre risponde al bisogno dell'uomo di bloccare un attimo fuggente, e Bonivento riesce a dare dignità artistica a questo atto perchè attraverso i suoi lavori trasmette emozioni e colpisce il fruitore a livello conscio ed inconscio: da voce al suo mondo interiore e propone agli occhi dell'osservatore la propria interiorità e il proprio vissuto in modo tale che le sue fotografie diventano un medium per capire, conoscere e riconoscere Trieste”