Gianluca Martucci – Ouroboros

Milano - 15/03/2012 : 05/04/2012

Nelle opere di Gianluca Martucci c’è un richiamo alla natura che ci presenta il sacro mistero dell’eternità e della continuità. Pesci, corpi umani, corpi animali, insetti e fiori creano composizioni poetiche e forme complete nelle quali si uniscono in maniera continua.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIARTI
  • Indirizzo: Corso Buenos Aires 23 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 15/03/2012 - al 05/04/2012
  • Vernissage: 15/03/2012 ore 18.30
  • Autori: Gianluca Martucci
  • Curatori: Zoe Fragoulopoulou
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da lunedì a sabato ore 17:00-19:30

Comunicato stampa

In esposizione una ventina di dipinti di Gianluca Martucci, i cui temi fortemente simbolici esprimono al meglio la visione del mondo dell’artista; un mondo dove la forza dominante è sempre quella dell’eterno ciclo della vita e della morte, sia a livello fisico che spirituale. In tutte le opere di Gianluca Martucci c’è un richiamo alla natura che ci presenta il sacro mistero dell’eternità e della continuità

Ouroboros è un simbolo antico che rappresenta il movimento ciclico di tutti i componenti del nostro mondo; uomini, piante e animali contribuiscono all’ eterno ritorno che secondo Friedrich Nietzsche si basa sul ragionamento che le cose del mondo di numero finito e il tempo infinito, creano un universo dove il passato, il presente e il futuro ruotano non in un modo lineare ma ciclico. Ouroboros è il titolo della personale di Gianluca Martucci, in cui le opere ci raccontano una storia esistenziale senza inizio e senza fine; pesci, corpi umani, corpi animali, insetti e fiori creano composizioni poetiche e forme complete nelle quali si uniscono in maniera continua. L’uno diventa l’estensione dell’altro. Il risultato artistico del suo lavoro è la creazione di composizioni iperrealistiche e simboliche in cui l’uomo, come un essere che fa parte della natura, incontra il sublime indubbio dell’ambiente che lo circonda.