Gerardo Marazzi – La seduzione del drago

Roma - 20/01/2012 : 13/02/2012

La Galleria Hybrida Contemporanea in collaborazione con la Galleria Horti Lamiani Bettivò, presenta la mostra personale di Gerardo Marazzi La seduzione del Drago, Cina. La mostra prevede l'esposizione di 16 opere pittoriche inedite dell'artista realizzate al seguito del suo viaggio in Cina.

Informazioni

Comunicato stampa

La Galleria Hybrida Contemporanea in collaborazione con la Galleria Horti Lamiani Bettivò, presenta la mostra personale di Gerardo Marazzi La seduzione del Drago, Cina. La mostra prevede l'esposizione di 16 opere pittoriche inedite dell'artista realizzate al seguito del suo viaggio in Cina. CINA - 03 SETTEMBRE 2011.
“Il sesto giorno di viaggio i battelli scivolavano lungo il Fiume LI, sinuoso e limpido, le nebbie veloci si scioglievano dalle cime scoprendo torri di roccia e tutto si era fatto colore primordiale


L'acqua era il fiume, l'aria era il vento caldo e la nebbia, la terra erano le gole ed i picchi di pietra, e... il fuoco? Il fuoco era dentro di Noi. Ecco LA SEDUZIONE DEL DRAGO si era compiuta: la CINA, bella come lacrime di gioia” Questo racchiude tutto. La bellezza della natura è nella testa. GERARDO MARAZZI

“Quando la ragione lascia spazio al sentimento, la conoscenza si apre a una nuova percezione degli elementi. Se a questo sentimento si sovrappone il senso del viaggio, l'arte diventa testimone di “ Viaggio Iniziatico”, quello compiuto dall'artista.

Prima di arrivare nello studio, pensavo alla tecnica osservata nelle foto delle opere di Marazzi. La pennellata larga, densa solo a tratti. La linea che se predomina, non è mai sottile, ma decisa, netta. Il taglio prospettico dato ad alcuni scorci che rappresenta, l'influenza dell'architettura nella restituzione delle immagini.

Allo stesso modo, era possibile però leggere la perdita di ogni istinto razionale nel colore.

Arrivata lì, in mezzo alle sue opere, l'impressione.

Così ho compreso cosa intendeva dirmi quando gli ho chiesto di esprimermi il concetto della sua pittura. Gerardo Marazzi aveva usato l'espressione metaforica: 'lacrime di gioia'. Davanti alle sue opere, ora, le vedo”. Romina Guidelli