Gavino Ganau – What About Now?

Aglientu - 21/06/2014 : 13/07/2014

La mostra si presenta come un percorso che prende forma attraverso le opere di Gavino Ganau in una sorta di ricognizione sociologica di quello che appare uno dei periodi più instabili della nostra storia recente.

Informazioni

  • Luogo: MUD'A'
  • Indirizzo: Via Vecchio Molino 07020 - Aglientu - Sardegna
  • Quando: dal 21/06/2014 - al 13/07/2014
  • Vernissage: 21/06/2014 ore 19
  • Autori: Gavino Ganau
  • Curatori: Davide Mariani
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: 17:30/21:30 - (Lunedì chiuso)

Comunicato stampa

Il Museo Mud’A è lieto di annunciare l’inizio della programmazione espositiva 2014 con l’apertura della mostra “What About Now? di Gavino Ganau, a cura di Davide Mariani, realizzata dall’Istituto di Studi, Ricerche e Formazione Giulio Cossu, diretto da Luigi Agus, in collaborazione con il Liceo Artistico “Filippo Figari” di Sassari e con il patrocinio e il contributo del Comune di Aglientu



La mostra si presenta come un percorso che prende forma attraverso le opere di Gavino Ganau in una sorta di ricognizione sociologica di quello che appare uno dei periodi più instabili della nostra storia recente come scrive il curatore Davide Mariani nel testo di presentazione:“quotidianamente visualizziamo, consciamente e inconsciamente, centinaia di coloratissime e seducenti immagini che entrano a far parte del nostro vissuto ad un ritmo veloce, incessante. Nelle opere di Ganau, grandi e piccole tele realizzate con un sapiente utilizzo del bianco e nero, invece succede l’esatto opposto: tutto sembra essersi fermato improvvisamente in una sorta di blackout, come se per un attimo qualcuno avesse staccato la spina. Tutto si immobilizza, si spengono le luci e restano solamente dei personaggi raccolti nei loro pensieri e stati d’animo”.

L’attitudine diretta e immediata con cui Ganau realizza i suoi lavori ben si sposa con i più moderni mezzi di comunicazione che propongono una verità il cui ruolo è quello di confermare piuttosto che inventare. Una figurazione con un segno preciso, puntale e deciso che riproduce la condizione sociale lasciando sempre aperti eventuali sviluppi. Le gelide atmosfere che avvolgono le opere scatenano una tensione che si trasforma in un presagio come a significare che un episodio cruciale stia per accadere lasciandoci con l’interrogativo Cosa succede ora?”.

Con oltre 20 opere su tela, la rassegna al Mud’A è la prima a rappresentare un ampio spaccato della recente produzione artistica di Gavino Ganau nel territorio locale.

Gavino Ganau nasce a Tempio Pausania nel 1966. Inizia a dipingere e interessarsi all’arte contemporanea durante gli studi universitari. Nel 2001 viene allestita la sua prima significativa mostra personale al MAN di Nuoro. Negli anni successivi espone in numerose mostre e rassegne nazionali e regionali e partecipa a svariate fiere internazionali di arte contemporanea. Finalista in diversi premi nazionali, come la IV edizione del Premio Cairo, il Premio Lissone, e Premio Celeste. La sua pittura in bianco e nero è stata alimentata, per diverso tempo, dal confronto con i linguaggi mass-mediali e le icone popolari della contemporaneità. Attualmente la sua ricerca artistica si concentra verso una modalità più profondamente metaforica. L’immagine finale, come condensato di una riflessione esistenziale-sociologica, si produce con spontaneità a partire dalle analisi di teorici come Baumann e Illich, in cui anche l’inserimento della parola scritta trova una sua funzione all’interno della composizione pittorica.

Completerà la mostra un catalogo edito dall’Istituto di Studi, Ricerche e Formazione Giulio Cossu con testi di Davide Mariani e Luigi Agus.