Gaspare Sicula – Upside down

Milano - 05/12/2013 : 22/12/2013

Gaspare Sicula espone opere create dal 1984 fino ad oggi, un ciclo che rappresenta uno dei fil rouge della sua produzione artistica: i dipinti-sculture raffiguranti forme geometriche sovrapposte, alla ricerca dell'unione tra spazio e opera d'arte.

Informazioni

Comunicato stampa

INTRODUZIONE
Gaspare Sicula espone opere create dal 1984 fino ad oggi, un ciclo che rappresenta uno dei fil rouge della sua produzione artistica: i dipinti-sculture raffiguranti forme geometriche sovrapposte, alla ricerca dell'unione tra spazio e opera d'arte.

COMUNICATO STAMPA

La mostra Upside Down comprende un insieme di opere realizzate da Gaspare Sicula dal 1984 fino ad oggi.
I dipinti sono caratterizzati da una sovrapposizione sfalsata di tele, listelli e cornici di misure differenti

La forma dei due quadrati sovrapposti, tipica della cultura araba e spagnola e presente nell'architettura siciliana, regione di origine di Gaspare Sicula, è molto cara all'artista che vede nella sua simmetria una sorta di perfezione estetico-formale.
Queste opere nascono dalla necessità del pittore di definire un pieno contatto tra il quadro e lo spazio attorno ad esso, in modo che l'opera d'arte porti con sé uno spazio intermedio che serva da trait d'union con il luogo in cui viene posizionata.
In alcuni lavori appare poi un'ulteriore ricerca: la pittura della trama della tela sulla tela stessa del dipinto, fatta dall'artista per rendere protagonista dell'opera d'arte il supporto pittorico, senza il quale il dipinto non potrebbe esistere, ma che viene sempre dato per scontato nel processo creativo, e che diventa invece per Sicula modello estetico e soggetto artistico.


GASPARE SICULA
Gaspare Sicula è nato nel 1954 a Partinico in provincia di Palermo. Nel capoluogo siciliano si è diplomato al Liceo Artistico e ha frequentato i corsi di Architettura.
Dal 1983 vive e lavora a Tortona.
Ha al suo attivo più di sessanta mostre personali e otto cortometraggi. Dipinti, sculture, disegni, fotografie e installazioni sono visibili anche in novanta video pubblicati su Youtube, su Facebook e sul suo sito internet.