Galleria in versi – Paesaggio con Figura

Roma - 11/10/2016 : 03/02/2017

Ad inaugurare la stagione espositiva autunnale della galleria sarà Paesaggio con Figura, prima tappa del ciclo.

Informazioni

Comunicato stampa

GALLERIA IN VERSI | Paesaggio con Figura
LUCA PANCRAZZI – LAURA PUGNO - DONATELLA SPAZIANI
con la partecipazione di VALERIO MAGRELLI

Inaugurazione martedì 11 ottobre 2016 ore 18,30
Fino al 3 febbraio 2017


Erica Ravenna Fiorentini Arte Contemporanea
17, Via Margutta 00187 Roma
tel./fax

+39 06 3219968 email: [email protected]
lun-ven 10,30 - 19,30 | sab 10,30 -13,30 (pm su appuntamento)

A cura di Adriana Polveroni e Erica Ravenna



Il progetto “Galleria in versi” si compone di un ciclo di tre mostre che vede la presenza di alcuni poeti in relazione con il lavoro degli artisti scelti nell’ambito di diversi indirizzi tematici. L’intenzione è quella di verificare una possibilità di dialogo tra linguaggi che oggi appaiono distanti e che invece possono avere delle convergenze significative, rifondando la galleria come luogo di scambio e confronto.

Ad inaugurare la stagione espositiva autunnale della galleria sarà Paesaggio con Figura, prima tappa del ciclo. La mostra intende essere una ricognizione sul paesaggio attraverso il lavoro di tre artisti: Luca Pancrazzi, Laura Pugno e Donatella Spaziani - accomunati dal medesimo ambito di ricerca che si declina attraverso sguardi e linguaggi diversi: un paesaggio coniugato al tempo come fattore costruttivo, alla memoria come traccia e al corpo come misura del mondo.

La pittura e l’installazione per Pancrazzi, dove il paesaggio è quasi “l’occasione” per articolare una riflessione più complessa sull’arte tutta; la fotografia e l’incisione per Pugno, verso una nuova visione del paesaggio che raccoglie le trasformazioni e le manipolazioni impresse su di esso dall’uomo; la fotografia, la scultura e il collage per Spaziani, in un rapporto intimo tra il paesaggio e il proprio corpo.

Il poeta Valerio Magrelli è chiamato ad interagire e a reagire con le immagini proposte dagli artisti, provocando una condizione di dilatata attenzione che possa rigenerare la percezione e rinnovare la facoltà di visione.










Luca Pancrazzi nasce nel 1961 a Figline Valdarno, vive e lavora a Milano. A partire dagli anni Novanta è autore di una ricerca basata sull'analisi del medium artistico, sulle sue ramificazioni, sulle possibilità creative dell'errore e dell'uso composito di tecniche e materiali. Il suo lavoro ricorre spesso alle forme del paesaggio naturale e metropolitano, attraverso un’intensa e continua attività dello sguardo.

Tra le più importanti mostre nazionali e internazionali si ricordano: 47a Biennale di Venezia, (1997); Moscow Biennal of Contemporary Art (2007);15a Quadriennale di Roma (2008); GAMeC-Galleria Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo (2001); Museo Cantonale d’Arte di Lugano (2002); MART, Rovereto (2001); Zentrum fur Kunst und Medientechnologie, Karlsruhe (2003); MAMbo, Bologna (2006); Museo MACRO, Roma (2007); Vietnam National Museum of Fine Arts (2007); Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano (2010); Associazione Assab One, Milano (2014); Spazio C.O.S.M.O, Milano (2016).


Laura Pugno nasce nel 1975 a Trivero, vive e lavora a Torino. Spinta da un forte interesse per l’indagine della realtà come stratificazione di processi culturali, Pugno ha sperimentato diversi linguaggi espressivi. La natura della sua riflessione sul paesaggio, condotta in maniera evocativa e poetica, privilegia una riflessione continua sui meccanismi della visione.

Dall’inizio degli anni Duemila partecipa a diverse mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero, tra le quali si ricordano: Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino (2012); MAN, Nuoro (2013), MART, Rovereto (2014); Fondazione per l'Arte Bartoli Felter, Cagliari (2014); Museo della città di Rimini (2016).


Donatella Spaziani nasce nel 1970 a Ceprano, vive e lavora a Roma. Nel suo lavoro utilizza principalmente il disegno e la fotografia, ma la sua ricerca si estende anche nel campo della scultura, la performance e l’installazione, per approfondire l’intimo rapporto tra lo spazio e il corpo dell’artista, che svuotato della sua vitalità, abbraccia lo spazio circostante in una forma decisa, seppur fragile, di compenetrazione totale.

Tra le numerose mostre a cui ha partecipato si ricordano: MoCa–Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2010); Expo Universale di Shangai (2010); Industria SuperStudio, New York (2011); National Centre for Contemporary Arts, Mosca (2011); CIAC-Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea di Palazzo Colonna, Genazzano (2015); Museo MACRO, Roma (2016).


Valerio Magrelli nasce nel 1957 a Roma, dove vive e lavora. Considerato uno dei maggiori intellettuali contemporanei, attualmente insegna Letteratura francese all’Università di Cassino e collabora con “La Repubblica” e altre importanti testate giornalistiche. Nel 1984 cura, insieme a Gian Ruggero Manzoni, la Sezione Poesia della 41a Biennale di Venezia. Nel 2002 l’Accademia dei Lincei gli attribuisce il Premio Antonio Feltrinelli per la poesia italiana. Nel 2013 vince il Premio Letterario Internazionale della città di Mondello e nell’anno successivo riceve il premio speciale alla carriera, all’interno della 16a edizione del Premio Letterario Castelfiorentino di Poesia e Narrativa.

Tra le sue pubblicazioni più recenti si ricordano: Vedersi vedersi. Modelli e circuiti visivi nell'opera di Paul Valéry (2002); La vicevita. Treni e viaggi in treno (2009); Addio al calcio. Novanta racconti da un minuto (2010); Magica e velenosa. Roma nel racconto degli scrittori stranieri (2010); Il Sessantotto realizzato da Mediaset (2011); Geologia di un padre (2013); Il sangue amaro (2014); Millennium poetry. Viaggio sentimentale nella poesia italiana (2015); Lo sciamano di famiglia. Omeopatia, pornografia, regia in 77 disegni di Fellini (2015).

THE RHYMING GALLERY | Landscape with Body
LUCA PANCRAZZI – LAURA PUGNO - DONATELLA SPAZIANI
with the participation of VALERIO MAGRELLI

Opening Tuesday, October 11th 2016 at 6.30 pm
Until February 3rd 2017

Erica Ravenna Fiorentini Arte Contemporanea
17, Via Margutta 00187 Rome
tel./fax. +39 06 3219968 email: [email protected]
Mon - Fri 10.30 am – 7.30 pm | Sat 10.30 am -1.30 pm (Saturday afternoon by appointment only)


Curated by Adriana Polveroni and Erica Ravenna



“The Rhyming Gallery" is a cycle of three exhibitions, each based on a particular theme and marked by an interplay between the work of poets and artists. The exhibition project proposes to explore the possibility of dialogue between different expressive idioms, which, though distant in appearance, may reveal curious convergences, and thus aid in re-establishing the gallery as a space of exchange and reflection.

The first stage of the cycle, which will inaugurate this fall’s exhibition season, is Landscape with Body. The exhibition presents itself as a survey on landscape through the work of three artists: Luca Pancrazzi, Laura Pugno and Donatella Spaziani, each of whom approaches landscape through the lens of their personal visual language - landscape linked to time as a constructive element, to memory as a trace and to the body as a measure of the world.

Painting and installation for Pancrazzi, to whom landscape is almost a pretext for articulating a broader reflection on the idea of art as a whole; photography and etching for Pugno, the author of a new vision of landscape that gathers the transformations and manipulations imprinted on it by man; photography, sculpture and collage for Spaziani, whose works are imbued with the intimate relationship between landscape and her own body.

The poet Valerio Magrelli is invited to interact with and react to the images presented by the artists, thus allowing for a condition of dilated receptiveness, expanded duration that can refresh the perception and rejuvenate the faculty of vision.












Luca Pancrazzi was born in 1961 in Figline Valdarno; he lives and works in Milan. Since the 1990s, he is the author of an artistic parcours based on the analysis of the medium of art, on the creative possibilities of error and on the composite use of techniques and materials. His work frequently recurs to the forms of natural and metropolitan landscape, wrought with an intense and continuous activity of observation.

Among the venues that have hosted some of his most important national and international participations and exhibitions: 47th Venice Biennale (1997); Moscow Biennial of Contemporary Art (2007);15th Quadriennale di Roma (2008); GAMeC-Galleria Arte Moderna e Contemporanea in Bergamo (2001); Museo Cantonale d’Arte of Lugano (2002); MART, Rovereto (2001); Zentrum fur Kunst und Medientechnologie, Karlsruhe (2003); MAMbo, Bologna (2006); Museo MACRO, Rome (2007); Vietnam National Museum of Fine Arts (2007); Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milan (2010); Associazione Assab One, Milan (2014); Spazio C.O.S.M.O, Milan (2016).


Laura Pugno was born in 1975 in Trivero; she lives and works in Turin. Profoundly involved with an inquiry of reality seen as a sedimentation of cultural processes, Pugno works in a variety of expressive idioms. The nature of her reflection on landscape, conducted in an evocative and poetic way, feeds on a continuous study of the mechanisms of vision.

Since the early 2000s she has participated in a number of solo and group exhibitions in institutional venues both in Italy and abroad, among which: Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Turin (2012); MAN, Nuoro (2013); MART, Rovereto (2014); Fondazione per l'Arte Bartoli Felter, Cagliari (2014); Museo della città di Rimini (2016).


Donatella Spaziani was born in 1970 in Ceprano; she lives and works in Rome. While mainly dedicated to working with drawing and photography, her work reaches out to the media of sculpture, performance and installation. A returning theme in her research is a form of intimate relationship between space and the body, which emptied from its vitality, embraces the surrounding space in a kind of definitive, albeit fragile abandonment.

Among the numerous venues that have hosted her work: MoCa–Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2010); Universal Expo in Shangai (2010); Industria SuperStudio, New York (2011); National Centre for Contemporary Arts, Moscow (2011); CIAC-Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea di Palazzo Colonna, Genazzano (2015); Museo MACRO, Rome (2016).


Valerio Magrelli was born in 1957 in Rome, where he lives and works. Considered one of the most important contemporary intellectuals, he is currently teaching French Literature at the University of Cassino as well as collaborating with “La Repubblica” and other daily journals. In 1984 he curates, together with Gian Ruggero Manzoni, the poetry section at the 41st Venice Biennale. In 2002 the Accademia dei Lincei awards him the Antonio Feltrinelli Award for Italian poetry. In 2013 he is the winner of the Premio Letterario Internazionale della città di Mondello and in the next year he receives the award for lifetime achievement in the 16th edition of the Premio Letterario Castelfiorentino di Poesia e Narrativa.

Among his most recent pubblications: Vedersi vedersi. Modelli e circuiti visivi nell'opera di Paul Valéry (2002); La vicevita. Treni e viaggi in treno (2009); Addio al calcio. Novanta racconti da un minuto (2010); Magica e velenosa. Roma nel racconto degli scrittori stranieri (2010); Il Sessantotto realizzato da Mediaset (2011); Geologia di un padre (2013); Il sangue amaro (2014); Millennium poetry. Viaggio sentimentale nella poesia italiana (2015); Lo sciamano di famiglia. Omeopatia, pornografia, regia in 77 disegni di Fellini (2015).

Paesaggio con figura, galleria con poesia. A Roma

Galleria Erica Ravenna Fiorentini, Roma – fino al 3 febbraio 2017. Un progetto ambizioso di (nuova) combinazione tra arte visiva e poesia anima la sede espositiva capitolina. Indagando un tema universale come il paesaggio.