Gabriele Silli – Esercizi di accanimento ottativo-digitali

Roma - 05/02/2014 : 15/03/2014

Negli spazi della galleria l’artista introduce la sua ricerca nei confronti della materia, della traccia e del segno, declinata secondo i denominatori comuni dell’alterazione, del degrado e della cruda manipolazione di materiali e immagini pre-esistenti.

Informazioni

  • Luogo: FEDERICA SCHIAVO - GALLERY
  • Indirizzo: Piazza Di Montevecchio 16 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 05/02/2014 - al 15/03/2014
  • Vernissage: 05/02/2014 ore 18
  • Autori: Gabriele Silli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: TUESDAY - SATURDAY 12 AM - 7 PM MONDAY BY APPOINTMENT ONLY

Comunicato stampa

Federica Schiavo Gallery is pleased to present Esercizi di accanimento ottativo-digitali (Exercises of Digital-Optative Stubbornness), an exhibition of new works by Gabriele Silli that introduces his practice towards the matter and between the trace and the sign. This is the artist’s first solo show with the gallery. Esercizi di accanimento ottativo-digitali will be on view from February 5 through March 15, 2014



The exhibition comprises works across a variety of media that explore the notion of art creation as a transformative endeavor in which pre-existing subjects and objects have been affected by the common denominators of alteration, decay and rough manipulation. The action of digital-optative stubbornness toward a catalogue of selected images and objects is based on the artist’s iconoclast desire to destroy and to provoke deviances in respect to the initial paradigm. Through his manual intervention and natural pictorial vision, Silli attempts to transfigure the common conventions of the subject in question creating a new matter, often redefined in a modular form.

The piece titled Grande ottativo-digitale (The Great Digital-Optative) is a paradigmatic achievement of Gabriele Silli’s artistic project. It deals with a polychrome mosaic made of a combination of seventy-five fashion magazines, individually put on caustic baths and altered by the artist’s tactile intervention on the surfaces. In other terms, the corrosive property of acids has weakened and made the structure of each volume malleable for the artist who uses his fingers to scratch, punch holes, bend, overlap the decayed paper and pigments. In some cases, the artist has included little fragments of paper, employing the collage technique as a colored brush stroke or a chromatic connection between elements. The entire panel is a wide composition with a mimetic-pictorial effect despite its physical and material nature.

The Grande ottativo-digitale piece is shown together with the work Organo del sommerso nei bagni tripudio caustico-cloridrici, a bizarre and gloomy device which brings to light a particular cunning, called mechané by the Greek, which refers to the expedient, the artifice of the demiurge. The Organo del sommerso installation is a complex apparatus presented as a self-celebratory monument dedicated to the artist’s tools. At the same time, it enlightens its powerful metaphorical nature of a large maternal womb suitable to receive and return all materials and mixtures employed by the artist. On a table, among tanks and other glass containers used for the acid baths, there are eight conglomerates made out of paper, resins, creams, textiles, animal leathers, iron paste and injections of cement. These mixed media works reproduce again a particular tactile painting effect on a sculptural basis.

Gabriele Silli’s work also emphasizes the need to deepen a pursuit focused on the concept of variation, especially through the obsessive reuse of subjects, images, materials and formal processes. The room dedicated to the “digital-optative books” series grows out of repetitive iconographic subjects – such as celebrities, actresses, models, landscapes – and their formal associations are also based on rhythm and repetition. The twenty-four books included the Serie maggiore (sixteen issues), the Serie minore (four issues), the volume titled Sexy Girls and the Papiro-Bidet (three issues), gather together pages of women’s magazines processed with acids and then pigmented and overprinted.

The large-scale works on paper which belong to the Dominio dell'agente imprevisto (tre variazioni di trenta, circa) series, represent the naturally evolution of Sill’s experimentation. The photographs, printed out by the same printer of Vogue Italia, have an unusual size of 70x100. The subject, an original snapshot taken by the artist, echoes and synthesizes several elements in the exhibition such as the sculpture titled Martello-Fiore n° 3 o "della Potenza". This assemblage of a long anchor handle with an eyelet and welded to an anvil made in the guise of a hammer is placed in the middle of the room in a precarious equilibrium. This work continues a cycle of sculptures titled Martello-Fiore (Flower-Hammer), which has been produced and developed in different shapes and media, across the years, by the three members of the Mastequoia art group.


GABRIELE SILLI was born in Rome, Italy in 1982 where he lives and works. He received his Degree in Philosophy from the University of Rome “La Sapienza” in 2009.
 In 2004 he founded with Giacomo Sponzilli and Carlo Gabriele Tribbioli the Mastequoia art group. His practice has pictorial roots and moves even through sculpture and performance. Selected Solo Shows: Mastequoia op. 09-13. Rotterdam, Tokyo, Fès (with Mastequoia), screening at Federica Schiavo Gallery, Rome & Viafarini, Milan, Italy, 2014; Mastequoia op. 09-13. Rotterdam, Tokyo, Fès (with Mastequoia), screening at Lo schermo dell’arte Film Festival, Florence & Filmstudio, Rome, Italy, 2013; Forms of the Rock in a Night-Hymn #011 (with Mastequoia), Galleria Otto Zoo, Milan, Italy, 2011. Selected Group Shows: Arimortis, Museo del Novecento, Milan, Italy, 2013; Far From Where We Came (with Mastequoia), Aaran Art Gallery, Tehran, Iran, 2009; Pharaonesque (performance with Mastequoia), V° Budapest Dance and Performance Festival, Hungary, 2008; 1+1+1..., Fondazione Baruchello, Rome, Italy, 2006; Selvatici bipedi - Otho - Melnikov! (performance with Mastequoia), Mastequoia Theatre, Rotterdam, The Netherlands, 2006; Scegliere un oggetto, scegliere una parola e raccontare perché (with Mastequoia), Fondazione Baruchello, Rome, Italy, 2004; VII edizione del Festival Romapoesia (with Mastequoia), Rome, Italy, 2004.


OPENING, MERCOLEDI’ 5 FEBBRAIO 2014 H 18:00
6 FEBBRAIO – 15 MARZO 2014

FEDERICA SCHIAVO GALLERY
PIAZZA DI MONTEVECCHIO 16, ROMA


Federica Schiavo Gallery è lieta di presentare la prima mostra personale dell’artista romano Gabriele Silli, dal titolo Esercizi di accanimento ottativo-digitali. Negli spazi della galleria l’artista introduce la sua ricerca nei confronti della materia, della traccia e del segno, declinata secondo i denominatori comuni dell’alterazione, del degrado e della cruda manipolazione di materiali e immagini pre-esistenti.

L’atto di accanimento ottativo-digitale inflitto nei confronti di un selezionato catalogo tipologico di immagini e oggetti, si fonda sul desiderio iconoclasta dell’artista di distruggere e generare devianze rispetto al paradigma iniziale, permettendo alla sue creazioni di trasfigurare – con l’azione plasmante delle proprie mani e una naturale visione pittorica – le convenzioni del soggetto di partenza in discorso emotivamente rigenerato, spesso restituito in forme scandite da un ritmo modulare.

Il Grande ottativo-digitale è opera paradigmatica del processo artistico di Gabriele Silli. Si tratta di un mosaico policromo realizzato grazie all’accostamento di settantacinque riviste di moda, processate singolarmente in bagni caustici e alterate dall’intervento tattile dell’artista sulle superfici. La struttura di ciascun volume, resa chimicamente tenera e malleabile dall’azione corrosiva degli acidi, ha subito una manipolazione ‘polpastrellare’ che ha grattato, bucato, piegato, spostato e sovrapposto le carte e i pigmenti decomposti. In alcuni casi l’artista ha incluso piccoli inserti di carte estranee, impiegando il collage come campitura di colore, traccia o segmento di raccordo cromatico. L’intero pannello è dunque una grande composizione d'effetto mimetico-pittorico, caratterizzato dal fermento materico dell’epidermide superficiale.

Al Grande ottativo-digitale si accosta l’opera Organo del sommerso nei bagni tripudio caustico-cloridrici, un bizzarro e lugubre dispositivo che porta alla luce quell’astuzia già nota ai Greci sotto il termine di mechané ovvero l'espediente, l'artificio al servizio del demiurgo. L’Organo del sommerso è un complesso apparato di lavoro presentato da Silli nella forma auto-celebrativa di monumento ai propri strumenti artistici, che rivela, al contempo, il potere immaginifico di un grande crogiolo materno in cui confluiscono e rifluiscono materiali e composti adoperati dall'artista nel proprio esercizio manipolativo. Su di un tavolo, tra vasche e altri contenitori di vetro utilizzati per ‘friggere’ nell’acido le carte, si ergono otto conglomerati superiori che reiterano lo stesso effetto di pittura tattile su base scultorea. Una serie di lavori a tecnica mista realizzati con carte, resine, creme, stoffe, pelli animali, iniezioni di cemento, paste ferrose e saline.

Le opere in mostra enfatizzano la necessità di approfondire una linea di ricerca che affronta il tema della variazione, giocata sull’ossessivo reimpiego di soggetti, immagini, materiali e processi di determinazione formale. La sala dedicata alla serie dei “libri ottativo-digitali” si chiarisce alla luce di questa logica della ricorsività, tanto nei modelli iconografici prescelti – dive, attrici, modelle, paesaggi – quanto nell'elaborazione formale che consiste in un’indicazione del ritmo di ripetizione. Ventiquattro libri – i sedici volumi della Serie maggiore e i quattro della Serie minore, più il volume Sexy Girls e i tre volumi Papiro-Bidet – raccolgono pagine di riviste femminili processate con gli acidi, poi pigmentate e sovrastampate.

Le grandi carte appartenenti al ciclo Dominio dell'agente imprevisto (tre variazioni di trenta, circa) sono la naturale evoluzione di questa sperimentazione. Le carte sono state realizzate dalla stessa stamperia che produce le copertine per Vogue Italia, nel formato inusuale del 70x100; l'immagine, uno scatto originale dell'artista, riecheggia e sintetizza diversi elementi della mostra, tra cui la scultura-assemblaggio Martello-Fiore n° 3 o "della Potenza". L'oggetto posto al centro della terza sala, è un lungo manico d’ancora terminante a occhiello, con un incudine saldato a guisa di testa di mazza, che poggia sulla base in precario e virtuoso bilico. Quest’opera prosegue il ciclo di sculture che, sotto il titolo di Martello-Fiore, sono state prodotte e sviluppate nel tempo, in diverse forme e media, dai tre componenti del collettivo Mastequoia.


GABRIELE SILLI è nato a Roma nel 1982 dove vive e lavora. Ha studiato filosofia è si è laureato con una dissertazione sulla “Teoria dei Simulacra in Lucrezio”. Nel 2004 ha fondato con Giacomo Sponzilli e Carlo Gabriele Tribbioli il collettivo artistico Mastequoia. La sua pratica artistica, di impronta pittorica, spazia fra scultura, performance e assemblaggio. Mostre personali: Mastequoia op. 09-13. Rotterdam, Tokyo, Fès (con Mastequoia), screening, Federica Schiavo Gallery, Roma & Viafarini, Milano 2014; Mastequoia op. 09-13. Rotterdam, Tokyo, Fès (con Mastequoia), screening, Lo schermo dell’arte Film Festival, Firenze & Filmstudio, Roma 2013; Forms of the Rock in a Night-Hymn #011 (con Mastequoia), Galleria Otto Zoo, Milano 2011. Mostre collettive: Arimortis, Museo del Novecento, Milano 2013; Far From Where We Came (con Mastequoia), Aaran Art Gallery, Tehran, Iran 2009; Pharaonesque (performance con Mastequoia), V° Budapest Dance and Performance Festival, Ungheria 2008; 1+1+1..., Fondazione Baruchello, Roma 2006; Selvatici bipedi - Otho - Melnikov! (performance con Mastequoia), Mastequoia Theatre, Rotterdam, Paesi Bassi 2006; Scegliere un oggetto, scegliere una parola e raccontare perché (con Mastequoia), Fondazione Baruchello, Roma 2004; VII edizione del Festival Romapoesia (con Mastequoia), Roma 2004.