Fulvia Cardella – L’Uno

Roma - 28/04/2014 : 12/05/2014

Una visione eterea, composta di innumerevoli piccoli gusci di porcellana traslucida, sottili come carta, che fluttuano nello spazio come funamboli, in cui la luce vive, e vibra grazie proprio quelle irregolarità e alla superficie-pelle, che si crea durante le due fasi di lavorazione. E' l'istallazione 'Uno', di Fulvia Cardella.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA IL MUSEO DEL LOUVRE
  • Indirizzo: via della reginella 25 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 28/04/2014 - al 12/05/2014
  • Vernissage: 28/04/2014 ore 18
  • Autori: Fulvia Cardella
  • Curatori: Giuseppe Casetti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Dal lunedì al sabato dalle ore 11.00 alle ore 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00

Comunicato stampa

Una visione eterea, composta di innumerevoli piccoli gusci di porcellana traslucida, sottili come carta, che fluttuano nello spazio come funamboli, in cui la luce vive, e vibra grazie proprio quelle irregolarità e alla superficie-pelle, che si crea durante le due fasi di lavorazione. E' l'istallazione 'Uno', di Fulvia Cardella che si terrà negli spazi della galleria 'Il museo del Louvre', dal 28 aprile al 12 maggio.
Gusci che sospesi su binari di fili, tesi da parete a parete, vanno a creare una ragnatela avvolgente, che costringe lo spazio della galleria


Il lavoro artistico di Fulvia Cardella vive in una poetica che si nutre di riferimenti filosofici. E questo in una spasmodica ricerca sul vuoto, che la spinge in competizione con la materia, nell'intento di assottigliarla fino all'estremo limite, fino a renderla contorno.
Un nevrotico lavoro di sottrazione e polverizzazione teso a plasmare sottilissime membrane concave grazie all'incessante sfregamento. Un modo di interrogare lo spazio e il tempo, nei termini di tempio/luogo sacro e di rito, da parte di Fulvia Cardella che presenta, insieme all'istallazione, un'azione, che interagisce con l'opera in termini di tempo. Si tratta della ripetizione dello scatto fotografico, numerato e archiviato per data e ora, di ciascuno dei gusci durante la loro deposizione.
E questo per offrire le spoglie dell'operazione, ossia i negativi su lastra di vetro nel formato 9x6, scattati con una vecchia box-camera degli anni '40, di ognuno degli oggetti di porcellana.