Frames of life

Roma - 30/11/2012 : 14/12/2012

La mostra Frames of life è una raccolta di opere che RossoCinabro ha ospitato negli ultimi mesi. La porosità delle architetture, il linguaggio, le case, le strade, i caffè, le abitudini, i volti, la storia, i libri, i cieli, gli alberi, la luce, le stanze, le favole, i diari, acquistano contorni nitidi, come fissati finalmente in istantanee vive, malinconiche, amabili, sensibili, presenti.

Informazioni

  • Luogo: ROSSO CINABRO
  • Indirizzo: Via Raffaele Cadorna 28 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 30/11/2012 - al 14/12/2012
  • Vernissage: 30/11/2012 ore 12
  • Curatori: Cristina Madini
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Da lunedì a venerdì 11:00 – 19:00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

"In una celebre e fulminea parabola Borges parla di un pittore che dipinge paesaggi; regni, montagne, isole, persone. Alla fine della sua vita si accorge di aver dipinto, in quelle immagini, il suo volto; scopre che quella rappresentazione della realtà è il suo autoritratto. La nostra identità è il nostro modo di vedere e incontrare il mondo". E per gli artisti in mostra il mondo qual è? L’opera d’arte ha un’anima propria, che è la stessa dell’artista che la crea e così, ogni poesia, ogni quadro, ogni scultura, diventa l’espressione di un frammento d’anima di un singolo essere umano

Gli artisti sanno bene che l’arte è l’unico mezzo per esprimere la propria individualità.
La mostra Frames of life è una raccolta di opere che RossoCinabro ha ospitato negli ultimi mesi. La porosità delle architetture, il linguaggio, le case, le strade, i caffè, le abitudini, i volti, la storia, i libri, i cieli, gli alberi, la luce, le stanze, le favole, i diari, acquistano contorni nitidi, come fissati finalmente in istantanee vive, malinconiche, amabili, sensibili, presenti.
Lo sguardo sulle opere invece di rappresentare un percorso logico, diventa piuttosto un viaggio nel tempo - dal momento che non c'è descrizione senza distanza – e ogni cosa sembra diventare doppiamente straniera. Ma il viaggiatore non è perduto perché è provvisto di una speciale conoscenza, come un fascio luminoso che gli permette di cogliere la reale natura di tutte le cose, il silenzio che resiste agli sguardi curiosi. Come un viaggiatore va alla ricerca dei luoghi perché gli permettono di osservare il futuro: tutto quello che non si è ancora mai provato, così ogni cosa si mostra agli occhi del bambino come una promessa o si offre all'adulto in immagini lontane. "Non sapersi orientare in questa mostra non vuol dir molto. Ma smarrirsi in essa, come ci si smarrisce in una foresta, è una cosa tutta da imparare".

Artisti: Carolina Barbolla, Gian Potito De Sanctis, Emanuela del Vescovo, Fiorella Fiore, Mario Formica, Daniela Foschi, Marilena La Mantia, Elisa Latini, Maria Elena Luciani, Cristina Madini, Irene Marini, Giulio Cesare Matusali, Carrie A Pinter, Amanda Raccuglia, Daniela Rebecchi, Oria, Alessandro Tognin, Fiorella Vandi