Festival Internazionale di Poesia di Milano

Milano - 14/05/2016 : 14/05/2016

Il giro del Giorno in 80 Mondi, questo il sottotitolo della manifestazione e questo lo spirito che animerà la prima edizione del Festival.

Informazioni

  • Luogo: MUDEC - MUSEO DELLE CULTURE
  • Indirizzo: Via Tortona 56 20144 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 14/05/2016 - al 14/05/2016
  • Vernissage: 14/05/2016 dalle ore 10.00 alle ore 22.30
  • Generi: performance – happening, incontro – conferenza, serata – evento, poesia

Comunicato stampa

Il 14 maggio, al MUDEC - Museo delle Culture dalle 10 alle 22.30 – si susseguiranno ben 41 eventi. Assaggi di una realtà che, giorno dopo giorno, nonostante tutto, continua a intrecciare trame di emozioni nel nostro quotidiano divenire. Il giro del Giorno in 80 Mondi, questo il sottotitolo della manifestazione e questo lo spirito che animerà la prima edizione del Festival.

Vari i nuclei di approfondimento della materia poetica, a partire, durante la mattinata, da uno sguardo sui laboratori di poesia che da anni si stanno svolgendo nelle carceri di Opera, San Vittore e Marassi

Accanto a questi, due progetti pilota più recenti: il primo, nei centri geriatrici, nato dall’impegno del gruppo Poeti FuoriStrada, il secondo, all’interno dell’ospedale civile di Ravenna, con l’esperienza “RiANIMAzione letteraria di poesia intensiva”. Sempre legato al valore sociale della Poesia, l’arrivo al MUDEC della “Camminata di Marcella”, una 24h di marcia che inizierà alle 10 del 13 maggio da Piazza Gae Aulenti e si snoderà nella città e dintorni con soste poetiche in scuole, associazioni, gallerie d’arte, centri civici per sensibilizzare il pubblico sul tema della disabilità. Non mancheranno i rappresentanti delle più significative realtà poetiche milanesi, da quelle “storiche” a quelle animate da giovanissimi talenti che fanno vivere la poesia con un ritmo differente, fino ad arrivare alla Poesia di Strada.

Ci saranno, naturalmente, eventi con uno sguardo più internazionale dedicati alla poesia siriana, australiana, cilena, nicaraguense, rumena, algerina e tanta, tanta commistione di linguaggi. Poesia e musica, soprattutto. Dal recital di Bebo Storti su “Guida sentimentale di Milano” di Alfonso Gatto, accompagnato da Danilo Rossi, Prima Viola del Teatro alla Scala, alla cantautrice Patrizia Cirulli che ha messo in musica i versi dei più grandi poeti, da Catullo a Wilde, da Quasimodo a García Lorca, passando per D’Annunzio, Baudelaire, Saba, Trilussa e tanti altri.

E poi Poesia e Teatro, e Poesia, Teatro e Danza con estratti dallo spettacolo “La vita facile” dedicato ad Alda Merini, o del suggestivo “Il nostro cuore delle dimensioni di un pugno chiuso” su scritti di Pessoa. Ci sarà uno spazio dedicato al Tango – secondo l’UNESCO: Patrimonio immateriale dell’Umanità – “poesia in movimento”, come lo definì qualcuno, con una mostra dell’artista argentino Abel Zeltman, e con parentesi in cui si potrà vedere, ballare e ascoltare. Il Festival sarà anche occasione di “incontri inediti”: le indimenticabili poetesse milanesi Antonia Pozzi e Emilia Villoresi – mai conosciutesi in vita nonostante abitassero nella stessa città e nella stessa epoca – verranno raccontate insieme dai Poeticanti, in musica e parole.

Accanto a questi eventi, quella che abbiamo chiamato “La Congiura dei poeti” trascinerà i presenti con azioni poetiche che mostreranno un modo diverso di fare poesia, ancora più vicino, tangibile, in cui il pubblico diventerà protagonista: un esperimento di autobiografia collettiva in omaggio Nazim Hikmet, una serie di poeti che “ascolteranno gratis storie d’amore” e improvviseranno, per chi lo vorrà, qualche verso; e poi… incursioni a passo di danza, un allestimento autogestito con manifesti di Assalto Poetico, istallazioni di “Poesie Stese” e uno spazio per tutti gli scritti che ci sono stati inviati nell’ambito dell’iniziativa, lanciata dal Festival il mese scorso: “Poesia Urgente per Giulio Regeni”.

Per i più piccoli, due laboratori: “Disegnare il sentire”, la mattina, e “Semi (e versi) Pazzi.”, il pomeriggio.
In chiusura, uno speciale Slam Poetry. Per tutto il pomeriggio, infine, un “Microfono aperto” a tutti i poeti che vorranno far sentire la loro voce, sottile o intensa che sia, per rendere ancora più speciale questo Giro del Giorno in 80 Mondi.

Il Festival Internazionale di Poesia di Milano è stato ideato e fortemente voluto dall’Associazione MilanoFestivaLetteratura, che nei suoi cinque anni di vita, ha creato più di 900 eventi culturali in città (dal centro alle periferie), coinvolgendo centinaia di scrittori/poeti/musicisti/artisti e attirando un pubblico complessivo di circa 20.000 presenze.

Con il patrocinio di: Servizio Reti e Cooperazione Culturale del Comune di Milano, Consolato della Repubblica Argentina, Consolato dell’Uruguay, Ambasciata d’Australia, Consolato di El Salvador, Consolato della Repubblica Domenicana, Consolato del Messico.

Il primo Festival Internazionale di Poesia di Milano si svolgerà il 14 maggio 2016 dalle ore 10.00 alle ore 22.30 presso il MUDEC – Museo delle Culture, via Tortona 56, 20144, Milano