Festa Franca 2018. (A chi ce l’ha lo dica)

Cannara - 23/09/2018 : 27/10/2018

Festa Franca è un evento a cadenza irregolare che ha luogo nello studio degli artisti Adelaide Cioni e Fabio Giorgi Alberti, a Cannara (PG). La prima edizione si è svolta a ottobre del 2016.

Informazioni

  • Luogo: FRANCA
  • Indirizzo: via Intorno Fosso, 41 - Cannara - Umbria
  • Quando: dal 23/09/2018 - al 27/10/2018
  • Vernissage: 23/09/2018 ore 15
  • Curatori: Marta Silvi, Adelaide Cioni, Fabio Giorgi Alberti
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento
  • Orari: La mostra rimarrà aperta fino al 27 ottobre, su appuntamento.

Comunicato stampa

Festa Franca 2018. (A chi ce l'ha lo dica)
Cannara (PG)
a cura di Adelaide Cioni, Fabio Giorgi Alberti e Marta Silvi

Eccoci.
Come fare una festa. Perché fare una festa franca.
Da cosa ci affranchiamo? Affranchiamoci insieme.

Festa Franca è un evento a cadenza irregolare che ha luogo nello studio degli artisti Adelaide Cioni e Fabio Giorgi Alberti, a Cannara (PG). La prima edizione si è svolta a ottobre del 2016.
La novità di quest’anno è la proposta di un tema, quello del gioco e il coinvolgimento di una curatrice, Marta Silvi



Festa Franca nasce per condividere la possibilità di una leggerezza e di una libertà del fare artistico. Per questo motivo accoglie non solo opere definite ma anche idee in fase di sperimentazione, lavori in stato di verifica. Tra performance, video, scultura, disegno e pittura, ogni artista è invitato a rispondere al tema esprimendosi attraverso il medium che più gli è affine oppure con cui sceglie di relazionarsi ex novo.
L’invito è inoltre esteso ad alcuni curatori e critici chiamati a rispondere allo stesso soggetto attraverso un contributo scritto oppure estrapolato dalla pubblicazione di un altro autore. I testi così raccolti rimarranno in consultazione per tutta la durata della mostra e andranno a costituire il primo nucleo della biblioteca sul “gioco” che si alimenterà con la Festa Franca negli anni.
L’evento vuole essere un momento di condivisione, in cui ognuno, artista, curatore, pubblico, decide di mettersi in gioco e di offrire il proprio tempo, la propria voce e il proprio ascolto.

Le coordinate della Festa Franca 2018 sono due: la definizione della parola “franca” tratta dal dizionario enciclopedico Treccani

(femminile sing. di franco) agg. 1. ant. o letter. Ardimentosa, intrepida; talora, eccessivamente ardita, sfacciata 2. Libera, esente da imposizione o prestazione 3. a. Libera, immune da danno o pena b. Libera da servitù, da soggezione (politica o anche morale) 4. estens. a. non com. Sicura di sé, per la consapevolezza di essere priva di colpa b. Libera da impaccio, quindi disinvolta, spedita c. Sincera, schietta, aperta.

e l’elenco dei giochi di Gargantua tratto dal capitolo ventiduesimo di Gargantua e Pantagruele di François Rabelais, 1534 (Einaudi 1953), da cui il titolo della mostra.

Artisti partecipanti:
Elisabetta Benassi, Thomas Braida, Giovanni de Cataldo, Adelaide Cioni, Stefano Emili, Matteo Fato, Fabio Giorgi Alberti, Myriam Laplante, Sean Lynch, Jo Melvin, Alice Schivardi, Namsal Siedlecki, Caterina Silva, Carola Spadoni, Donatella Spaziani, Ivana Spinelli.

Curatori partecipanti:
Cecilia Canziani, Carla Capodimonti, Simone Ciglia, Elisa Del Prete, Vasco Forconi, Antonio Grulli.

La Festa si svolgerà domenica 23 settembre (dalle 15,00 alle 20,00) e prevede una mostra e un programma di performance.
La mostra rimarrà aperta fino al 27 ottobre, su appuntamento.
Il luogo è Franca, Via Intorno Fosso, 41 Cannara (PG).
Si arriva facilmente in macchina o in treno (stazione di Foligno o di Spello).
Contatti: 340 3837989; 328 1688775; 392 0481657.