Femminile plurale

Perugia - 02/04/2016 : 10/04/2016

In mostra il lavoro di 11 artiste, con opere realizzate in diverse discpline e tecniche.

Informazioni

  • Luogo: TORRE STROZZI - CENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Strada Della Parlesca - Perugia - Umbria
  • Quando: dal 02/04/2016 - al 10/04/2016
  • Vernissage: 02/04/2016 ore 18,30
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: Evento di chiusura: Domenica 10 aprile 2016 ore 17,30 con il concerto dell'Ensemble vocale femminile NOTA SO' orari: da martedi a venerdi 16,00 – 19,00 ; sabato e domenica 11,00 – 19,00
  • Biglietti: ingresso libero
  • Patrocini: Regione Umbria, Comune di Perugia

Comunicato stampa

Inaugurerà sabato 02 aprile 2016 alle ore 18,30 presso il Centro di Cultura e Arte contemporanea TORRE STROZZI (Strada della Parlesca - Perugia), la Mostra collettiva FEMMINILE PLURALE - l'arte donna, promossa dall' Associazione Culturale ARTECH in collaborazione con il Comune di Perugia - Assessorato alle Pari Opportunità, con il patrocinio della Regione Umbria, e organizzata dal Centro di Cultura e Arte contemporanea TORRE STROZZI. Verrà portato all'attenzione del pubblico il lavoro di 11 artiste, con opere realizzate in diverse discpline e tecniche

L'inaugurazione avverrà alla presenza dell'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Perugia Edi Cicchi, in un confronto con le artiste presenti sul tema della mostra, la visita al percorso espositivo attraverso i 4 piani di Torre Strozzi, seguita da un aperitivo con buffet.
L'evento di chiusura della mostra, domenica 10 aprile alle ore 18,30, sarà arricchito dal concerto dell'Ensemble vocale femminile NOTA SO' di Perugia, diretto da Marta Alunni Pini.
L'Arte è sempre un ambito particolare, ha un carattere anticipatorio di mutamenti che si esprimeranno più avanti nel corpo sociale, ha la capacità di influenzare la percezione di sé e del mondo nell'essere umano. Nel corso del XX secolo, in Occidente, la partecipazione delle donne alla vita culturale e artistica è divenuto un fatto storico. Ma un certo pregiudizio è ancora presente, magari non espresso direttamente, coperto da maschere d'ipocrisia, da proclami ufficiali e reticenze private, e serpeggia nella nostra società, mostrandosi poi brutalmente svelato nelle tante storie di violenza nei confronti delle donne. Eva Ensler ha scritto: "Lentamente compresi come nulla fosse più importante del porre fine alla violenza nei confronti delle donne, che in verità la dissacrazione delle donne rivelava il fallimento degli esseri umani nell'onorare e proteggere la vita; e questo fallimento, se non l'avessimo rettificato, avrebbe significato la fine di tutti noi". Questa riflessione è parte dell'idea fondativa del progetto espositivo FEMMINILE PLURALE – l'arte donna, ma in un'ottica propositiva, e positiva. Non è una mostra sulla condizione della donna, non è una voce di protesta per il perdurare di discriminazioni malcelate: è un atto di amore per la creatività femminile. In mostra le opere di: Eleonora Albanese (tecniche polimateriche), Roberta Bizzarri (pittura con fiori), Carla Castaldo (ceramica), Silvana Di Vora (pittura), Adriana Gigliarelli (pittura), Donatella Marraoni (pittura), Michela Shampoo (tecniche polimateriche), Nicoletta Tarli (pittura), Sarah Wedler (tecniche polimateriche), Jessica Zahut (pittura), Clizia Zepparelli (pittura)