Except one

Milano - 09/04/2013 : 21/04/2013

La mostra tratta il tema della fame dell’animo umano. Fame colmata spesso da ciò che riesce a toccare, capire, possedere, controllare ed usare, sfamando la sfera psico-fisica.

Informazioni

  • Luogo: SABAOTH - CENTRO POLIFUNZIONALE
  • Indirizzo: via Rosalba Carriera 11 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 09/04/2013 - al 21/04/2013
  • Vernissage: 09/04/2013 ore 17
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: MART | VEN 18-22 ; SAB 11-17.30 | 19-21 ; DOM 15.30-19

Comunicato stampa

Il collettivo ARTS presenta il suo nuovo progetto “except One”.
Lo fa in occasione del Salone del Mobile di Milano all’interno degli eventi più modaioli del fuori salone, inaugurando lo spazio SABAOTH- CENTRO POLIFUNZIONALE di via Rosalba Carriera 11 vicino a zona Tortona nel cuore di uno dei quartieri periferici più eterogenei e multietnici della città.

La mostra tratta il tema della fame dell’animo umano. Fame colmata spesso da ciò che riesce a toccare, capire, possedere, controllare ed usare, sfamando la sfera psico-fisica


L’espressione usata “ciò che ci nutre ci distrugge” è la riflessione sull’impossibilità da parte dell‘uomo di saziare pienamente il proprio bisogno e la sua intima propensione all’eterno, all’invisibile (nessun tipo di nutrimento psico-fisico può salvarci dalla morte), contrapposta dall’affermazione “eccetto uno”, che si riferisce al discorso unico che Gesù fa riguardo a se stesso nel vangelo di Giovanni: “ io sono il pane vivente, che è disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno; chi mangia me, vivrà a motivo di me.." Parole queste che già tra i religiosi dell’epoca fecero scaturire non poche discussioni; ancora oggi incomprese e rigettate dal cuore di molti per la mancanza di educazione alla fede e
dal nonsenso della società odierna che ci spinge a sfamarci con surrogati di ogni genere.

Gli artisti impegnati in questa collettiva sono stati chiamati a far luce su ciò che nell’uomo genera tale nutrimento rappresentandone i frutti attraverso impressioni visive; svelando ciò che è invisibile agli occhi.
Di un gruppo in continua evoluzione e mutamento, come ARTS, 10 hanno risposto alla sfida:
Louise Abbiati, Pilipe Abrahao, Giovanna D. Gioveni, Joina Guerino, Valeria Fondi, Mariana Freire, Grace Ivo, Stefania Mante, Giada Terzo.
La loro ricerca è arrivata ad approfondire e rappresentare diverse dipendenze, ponendo una serie di riflessioni ed interrogativi su tutto ciò di cui si sta cibando l’umano oggi, aprendo uno scorcio tra visibile ed invisibile che solo la forza espressiva dell’arte nelle sue diverse tecniche può rappresentare.

In contemporanea, all'interno dello spazio SABAOTH- CENTRO POLIFUNZIONALE i progetti di Luigi Colani, considerato il fondatore della bio-design, che sarà presente durante l'inaugurazione e che terrà una lezione riguardo al suo modo di fare design (prima volta in Europa).

Vernice martedì 9 aprile ore 17 saranno presenti gli artisti e il designer Luigi Colani

Orari mostra
Dal 9 al 12 aprile dalle 17/22
Sabato 13 aprile 10.30/21
Domenica 14 aprile 10.30/19
Dal 15 al 21 aprile visite su appuntamento 333 3196681.

Eventi collaterali c/o SABAOTH- CENTRO POLIFUNZIONALE:
9-14 aprile BURNING SPRING percorso performativo e installatorio curato dall'ensamble S139 www.s139.it orari percorso MART | VEN 18-22 ; SAB 11-17.30 | 19-21 ; DOM 15.30-19

Giovedì 11, ore 18.00 bio design lection del prof. Luigi Colani. www.colani.it

Venerdì 12, ore 18.00 salotto letterario sul tema "vite affamate" - hungry life,
intervengono il past. R. B. Faccio, il dott. M. Adragna, intervistati da Valeria Fondi.