Emila Sirakova – Kaliakra revisited

Milano - 11/02/2013 : 20/02/2013

L’evento segue l’esposizione “Kaliakra” presso la galleria Qanat di Palermo nel 2011. Con opere inedite e differenti per esecuzione tecnica e ricerca iconografica, viene nuovamente presentata la leggenda di Kaliakra.

Informazioni

Comunicato stampa

Spazio Emmaus Cultura Insieme è lieto di ospitare dall’11 al 20 febbraio 2013, KALIAKRA REVISITED, la personale di Emila Sirakova (Sofia, 1984), a cura di Vera Agosti.
L’evento segue l’esposizione “Kaliakra” presso la galleria Qanat di Palermo nel 2011. Con opere inedite e differenti per esecuzione tecnica e ricerca iconografica, viene nuovamente presentata la leggenda di Kaliakra.
Secondo l’antico e amato mito bulgaro, quaranta vergini, destinate a divenire schiave dell’imperatore ottomano, scelgono di perire nel Mar Nero, piuttosto che vivere l’umiliante esperienza dell’harem

Per questo si legano i capelli tra loro e tenendosi per mano si gettano dalla fortezza di Kaliakra, unite in un unico destino al quale nessuna può sottrarsi.
Kaliakra significa “bel capo” ed è il nome di una costa del Nord della Bulgaria, un parco naturale, selvaggio e ventoso. In quel luogo resta una scultura in memoria di questa celebre leggenda.
Emila Sirakova ha realizzato una serie di disegni, che illustrano il racconto, soffermandosi soprattutto sulle fanciulle, ormai cadute nel mare. Una ragazza in primo piano, anatomicamente ben descritta, occupa l’intero spazio visivo. In questo modo, si vuole rendere il senso di soffocamento e di compressione proprio dell’annegamento. Particolari di braccia e gambe delle altre donne testimoniano la loro presenza, come le chiome attorcigliate tra loro. In alcuni lavori, invece, le figure sono speculari, a gruppi di due o tre, per sottolineare la necessità dell’individuo di rispecchiarsi nell’altro e per un bisogno di simmetria e di armonia, anche nei momenti estremi della vita e della morte.
Rispetto alla produzione precedente, i corpi sono meno muscolosi e voluminosi, meno tesi e tormentati; appaiono infatti più fragili e sottili, raffigurati sott’acqua, come sospesi. Anche la carta utilizzata è differente. L’autrice lavora sempre su strati, ma abbandona le carte oleate, scegliendo il tipo poliestere, creando nuovi e diversi effetti visivi.
La leggenda di Kaliakra per Emila Sirakova simboleggia non solo l’amore per il proprio paese natale, ma anche una riflessione sulla libertà individuale e la capacità di lottare e sacrificare se stessi per quello in cui si crede.
La mostra sarà accompagnata da un concerto al pianoforte di Isabella Inzaghi, su musiche dell’Europa dell’Est di Béla Bartók.

Cenni biografici:

Emila Sirakova
Nasce a Sofia in Bulgaria nel 1984. Vive in Italia dall’età di dieci anni. Si laurea in pittura presso l’Accademia di Brera e si interessa al fashion design. Espone dal 2009, quando è tra i finalisti del Premio Barlettani Next Generation della Galleria San Lorenzo di Milano. Tra le ultime esposizioni segnaliamo la personale al Castello di Belgioioso (PV) Mare Caelo Miscere. E’ anche performer e stilista.