Rifiuti, acqua ed energia nell’arte contemporanea internazionale” è giunta alla sua quarta edizione e, come in passato, anche quest’anno si arricchisce di nuovi talenti italiani che, grazie alla loro personale interpretazione del connubio arte-ambiente, animano il centro di Ravenna con opere realizzate appositamente per questa mostra.

Informazioni

  • Luogo: PIAZZA DEL POPOLO
  • Indirizzo: Piazza del Popolo Ravenna - Ravenna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 28/09/2011 - al 01/10/2011
  • Vernissage: 28/09/2011 ore 17
  • Autori: Dacia Manto, Elena Arzuffi, Massimiliano Pelletti
  • Curatori: Silvia Cirelli
  • Generi: arte contemporanea, performance – happening, serata – evento, collettiva
  • Sito web: http://www.emergenzecreative.it
  • Patrocini: In collaborazione con: Laboratorio Labelab Con il Patrocinio di: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regione Emilia- Romagna, Provincia di Ravenna, Comune di Ravenna.

Comunicato stampa

EMERGENZE CREATIVE 2011 / 4a edizione
rifiuti, acqua ed energia nell’arte contemporanea internazionale
a cura di Silvia Cirelli, con la collaborazione di Anna Cirelli
28 settembre – 1 ottobre 2011
Sedi varie, Ravenna
Artisti presenti nella giornata del 28 settembre
Performance di Dacia Manto il 28 e 29 settembre, ore 17
Dacia Manto [rifiuti] – Piazza San Francesco
Elena Arzuffi [acqua] – Piazza del Popolo
Massimiliano Pelletti [energia] – Piazza del Popolo
“EMERGENZE CREATIVE 2011

Rifiuti, acqua ed energia nell’arte contemporanea internazionale” è giunta
alla sua quarta edizione e, come in passato, anche quest’anno si arricchisce di nuovi talenti italiani che,
grazie alla loro personale interpretazione del connubio arte-ambiente, animano il centro di Ravenna con
opere realizzate appositamente per questa mostra.
La rassegna, a cura di Silvia Cirelli con la collaborazione di Anna Cirelli, si sviluppa come evento collaterale
al progetto Ravenna 2011: rifiuti, acqua, energia. Fare i conti con l’ambiente, organizzato dal Laboratorio
Labelab. É l'occasione per gli artisti di condividere con un vasto pubblico la propria sensibilità ambientale,
proponendo un percorso di arte pubblica fra le storiche vie di Ravenna: Dacia Manto approfondisce il tema
dei rifiuti, inteso nella sua valenza di riciclo e riutilizzo di materiali dimenticati; Elena Arzuffi invita a una
riflessione sul tema dell’acqua, cercando di rielaborarne la percezione comune; mentre Massimiliano Pelletti
affronta il tema dell’energia ecosostenibile.
La caccia al tesoro nel cuore di Ravenna prende il via dalla splendida Piazza San Francesco, dove,
nascosta fra le colonne del portico, si solleva quasi per magia una grande nuvola-vegetazione: è Wood seer,
letteralmente “veggente del bosco”, la suggestiva installazione di Dacia Manto. Incentrata sul tema dei
rifiuti, qui inteso come riutilizzo di materiali di scarto, questa grande scultura fluttuante è interamente
composta di vecchi disegni su carta realizzati sia dall'artista stessa che da alcuni bambini ravennati, i quali si
riscoprono al tempo stesso protagonisti e interpreti dell'opera. Ritagliati e minuziosamente ricamati insieme,
in un grande ed evanescente collage di ricordi e fantasie, questi disegni richiamano la brulicante vegetazione
dei giardini pensili della piazza, creando un dialogo diretto con i particolari decorativi circostanti. Poiché
Dacia Manto è anche un'artista che ama cimentarsi in performances artistiche, la nuvola-vegetazione
prenderà forma direttamente sotto gli occhi curiosi dei cittadini, grandi e piccoli, che, se vorranno, potranno
partecipare alla realizzazione dell’installazione consegnando direttamente all’artista i propri disegni a tema
ambientale nei giorni del 28 e 29 settembre (ore 17).
Mentre in Piazza San Francesco Dacia Manto “ci solleva” con la sua nuvola di carta riciclata, in Piazza del
Popolo Elena Arzuffi s’interroga sul valore dell’acqua invitando il pubblico a partecipare alla rivisitazione del
gioco della campana, dove al posto della casella “cielo”, troviamo ora “acqua”. Recuperando uno dei più
antichi e amati giochi per bambini, l’artista sceglie di dare sfogo alla fantasia dei partecipanti rivolgendo a
loro tre apparentemente semplici domande: “Di che colore è l’acqua?”, “di che profumo è l’acqua?”, “di che
forma è l’acqua?”. Le risposte, una volta inserite nelle rispettive cassette azzurre, saranno analizzate
dall’artista, la quale ne sceglierà alcune fra le più originali e indicative, che saranno quindi pubblicate sul sito
di Emergenze Creative. Da sempre attenta alla valenza etico-sociale dell'elemento acqua, l’artista si
concentra sul desiderio di esplorare concetti collettivi tramite la consequenzialità di pensieri semplici.
Pensieri sull’acqua, è difatti anche il titolo dell’opera, un’installazione che svela mondi interiori legati a
elementi naturali, riscoperti e indagati con lo stupore innocente di chi non si è mai chiesto che profumo abbia
l’acqua.
Un'impronta volutamente ludica si ritrova infine nell'opera di Massimiliano Pelletti, Rabbits in the sun, che
anima Piazza del Popolo con i suoi piccoli protagonisti: sculture di conigli a grandezza naturale che timorosi
ma incuriositi si raggruppano attorno a semplici barattoli di vetro che a loro volta catturano i raggi solari.
Associata al tema dell’energia, l’installazione di Massimiliano Pelletti non solo illustra a livello tecnico come
produrre energia in maniera ecosostenibile, ma è altrettanto funzionale alla scultura stessa: all’interno dei
barattoli è infatti inserito un circuito di led UV che, raccogliendo la luce del giorno, li fa magicamente
risplendere per tutta la notte. Attratti dalla luce dei barattoli, i conigli si radunano attorno ad essi per goderne
di luce riflessa, creando così uno scenario ammaliante e suggestivo al tempo stesso. Il carattere ludico
dell'installazione mira a incuriosire specialmente un'utenza giovane, svolgendo altresì un'importante azione
di educazione all'utilizzo delle energie rinnovabili, quali ad esempio la luce solare.