Elisa Muliere – Roots

Bologna - 12/11/2011 : 07/01/2012

Per questa occasione la Muliere porta ad Adiacenze le sue presenze, trasposizioni figurative di ciò che siamo, che c’è intorno e dentro di noi e di ciò che creiamo con la nostra immagine. Come una radice che si àncora forte al terreno per far rimanere salda una pianta, anche l’uomo porta sempre con sé la sua ombra.

Informazioni

  • Luogo: ADIACENZE
  • Indirizzo: Vicolo Spirito Santo 1/B - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 12/11/2011 - al 07/01/2012
  • Vernissage: 12/11/2011 ore 19
  • Autori: Elisa Muliere
  • Curatori: Daniela Tozzi, Elisabetta Modena
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato dalle 16 alle 20

Comunicato stampa

Adiacenze inaugura sabato 12 novembre alle ore 19.00
la mostra personale di Elisa Muliere ROOTS.
Per questa occasione la Muliere porta ad Adiacenze le sue presenze,
trasposizioni figurative di ciò che siamo, che c’è intorno e dentro di noi
e di ciò che creiamo con la nostra immagine.
Come una radice che si àncora forte al terreno per far rimanere salda
una pianta, anche l’uomo porta sempre con sé la sua ombra


Dall’ingresso di Adiacenze, i visitatori saranno guidati verso l’accorgimento di questa muta presenza: l’artista, infatti, accompagna lo spettatore attraverso un percorso di conoscenza delle ombre, siano esse reali o fittizie - del corpo o della mente,
e di chi le genera.
Dalla prima sala nella quale, attraverso giochi di luce
si intuiranno presenze altre, apparizioni e ombre di spettatori
che fortemente rimandano al Mito della Caverna di Platone,
i visitatori transiteranno verso ambienti differenti per atmosfera:
uno di impronta più spirituale, l'altro terrena.

Vedere tutto questo è possibile solo dopo un rito di passaggio
da svolgersi nel cortile di Adiacenze:
l’iniziazione dello spettatore fa sì che lui si osservi e
prenda coscienza di sé in modo non abituale, insolito.
Ci si potrà disporre davanti ad una installazione
che prende spunto dal Pozzo Sacro Nuragico di Santa Cristina,
uno dei siti misteriosi e misterici del centro della Sardegna.
Si è ricreata tramite uno specchio concavo la visione distorta che si avrebbe nel pozzo: gli spettatori, infatti, sono portati a vedersi uno a uno
specchiati al contrario e, al tempo stesso,
a vedere la propria ombra orizzontale riflessa ai loro piedi.
Con questa opera l'artista vuole indirizzare lo spettatore a prendere coscienza di quello che è il proprio corpo in rapporto allo spazio circostante e, più in generale,
a rendergli urgente il carattere finito della natura umana.
All'interno, le tre sale ospitano dipinti di fattura rarefatta e sensibile.
Attraverso l'utilizzo di una pittura sottile, indefinita e vaporosa, fatta di cenni di colore, segni, sottrazioni e vuoti, la Muliere ci guida nella scoperta e lettura delle sue presenze: figure slavate di dei o di uomini, anime o fantasmi
o apparizioni abitano gli spazi di Adiacenze.
'Che è mai la vita?Una frenesia. Che è mai la vita?Un'illusione, un'ombra, una finzione...' scriveva Pedro Calderón de la Barca.
L'opera di Elisa Muliere sembra volerci far riflettere su questo,
sull'enigma dell'esistenza; non risponde ai quesiti universali propri dell'uomo,
ma silenziosamente li solleva, li marca, costringe lo spettatore ad indagare
sé stesso, ad andare in profondità, a cercare le proprie radici.